CASAGIT, LA MAGGIORANZA GOVERNA IN SPLENDIDO ISOLAMENTO MA A TUTTI SI CHIEDE DI STRINGERE LA CINGHIA

Il 27 novembre 2008 si è svolta l’assemblea nazionale della Casagit, nella quale il presidente Andrea Leone ha tentato di spiegare come si è arrivati al buco di 14 milioni di euro, aggiuntivo ad una previsione di un disavanzo di gestione per il 2008 di altri 3,9 milioni di euro. Si tratta di pessime novità emerse improvvisamente a soli sei mesi dall’approvazione del bilancio 2007, che non faceva presagire novità così drammatiche.

Riteniamo del tutto insoddisfacenti le spiegazioni fornite dal presidente Leone, che ha attribuito i 14 milioni mancanti al passaggio dal sistema di contabilità di cassa a quello di competenza, e al ritardo con il quale gli associati e le cliniche convenzionate hanno presentato negli anni scorsi le richieste di rimborso.

Ma, nonostante le pressanti richieste venute dai delegati di Puntoeacapo, al di là di queste generiche affermazioni non si è andati. Ci è stato assicurato che con questi 14 milioni (che, è bene ricordarlo, comportano il dimezzamento delle riserve della Casagit), tutto il pregresso verrà sanato e che non ci saranno altre sorprese sulle gestioni passate.

Siamo una corrente di minoranza, non siamo nel consiglio di amministrazione né nel collegio dei sindaci, quindi non possiamo far altro che esercitare il diritto di critica, spingere,chiedere chiarezza e fare proposte. E’ quello che abbiamo fatto ieri, sottolineando la mancanza di trasparenza di questa gestione che pretende poi di scaricare sull’intera categoria le conseguenze della propria inadeguatezza. Riteniamo anche inquietante il fatto che all’assemblea non fosse presente la direttrice generale Maria Rita Fortunato. Un’assenza giustificata con una malattia, ma che nasconde certamente dell’altro. Messo alle strette Leone le ha addebitato <un ritardo di mesi nella comunicazione al cda di informazioni importanti> accreditando il sospetto che il rapporto con la direttrice sarebbe già in via di risoluzione.

Ma i 14 milioni di buco “una tantum” per il pregresso (speriamo davvero che sia così) sono solo una parte del problema. Per quest’anno è previsto, infatti, un rosso di 3,9 milioni, ai quali si aggiungerebbe un altro deficit di 3,2 milioni per il 2009, e via di seguito con il rosso fino ad esaurire nel giro di tre anni le riserve della Cassa. Lo scenario è quindi così grave che più grave non si può. Con una pianificazione pluriennale, come fa ogni struttura che si rispetti, un tale scenario si sarebbe potuto prevedere e, tempestivamente, sarebbe stato possibile mettere in campo i correttivi necessari. Ma questa gestione naviga a vista e dunque le “manovre” sono destinate a diventare ben più pesanti di quelle che sarebbero state necessarie se si fosse intervenuti prima.

Nella sua relazione Leone ha detto che <Casagit non può più permettersi di chiudere in rosso>, e che occorre correggere i conti (più contributi e meno spese) <per 5 milioni di euro l’anno>. Il consiglio di amministrazione ha presentato una manovra che prevede di recuperare 1,7 milioni di euro dall’introduzione di un contributo sui titolari di familiari esenti. Ha indicato varie ipotesi (parametrate per classi di reddito) che comportano un contributo medio di 180 euro annuo indipendentemente dal numero di familiari a carico. Altri 400 milioni di euro arriveranno allungando dagli attuali 2 a 3 anni il rimborso delle lenti, 400 dal blocco delle tariffe pagate alle cliniche per i ricoveri. Introducendo uno sconto sul fatturato dei medici del poliambulatorio di Roma si risparmieranno altri 100 milioni di euro, e 600 milioni dovrebbero venire dal rimborso limitato all’80% per i farmaci di fascia C e gli omeopatici. Facendo le somme si arriva a 3,2 milioni, ma i conti non tornano ancora: ne mancano un bel po’ per arrivare a quei 5 milioni che, secondo Leone, devono essere recuperati per riportare il bilancio in sicurezza. Nessuno ci ha spiegato da dove arriveranno, lo abbiamo chiesto ma senza risultato. Purtroppo non possiamo neppure stupirci vista l’opacità con la quale il nostro ente, che assiste 52.820 persone tra giornalisti (26.1615) e familiari (26.205) viene gestito. Per fortuna, a partire dal prossimo, i bilanci saranno certificati. Una novità che ci è stata presentata come una grande innovazione, ma che avrebbe dovuto arrivare già da tempo visto che la Casagit non ha dimensioni di un condominio.

Correggere i conti è necessario, e gestire la nostra Cassa come un’azienda, in grado di stare in piedi e svolgere appieno la sua missione di assistenza con un forte contenuto solidaristico, lo è altrettanto. L’invecchiamento degli assistiti, il calo dei contributi per gli stipendi da fame dei nuovi assunti, i contributi bloccati dei soci per via del contratto scaduto ormai da quattro anni, mettono a dura prova quell’equilibrio finanziario senza il quale in brevissimo tempo ci giocheremmo il nostro ente di assistenza. Se sacrifici si devono fare li faremo, sempre in un’ottica responsabilità, di equità e solidarietà. Tanto è vero che la nostra proposta nel gruppo di studio era strutturata in otto punti di interventi graduali, partendo dal superfluo fino ad arrivare al prelievo sui soci con familiari esenti. Non siamo però disposti a buttare acqua in uno scolapasta. Tutti i risparmi possibili, anche nel costo della struttura, devono essere fatti. A cominciare da quelli minimi, come il gettone di presenza (80 euro) dei delegati all’assemblea nazionale al quale Puntoeacapo ha rinunciato presentando una mozione approvata sì, ma tra molte proteste. Gli sprechi vanno cancellati. Tutti. Questo abbiamo detto ieri. Ma siamo fuori dalla stanza dei bottoni, e sarà il cda a decidere nel suo “splendido isolamento” prima della fine dell’anno, in modo da far partire le novità con l’anno nuovo.

Nell’interesse di noi tutti speriamo che questa volta facciano bene i conti.

I delegati di Puntoeacapo in Casagit

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 + venti =