ORDINE DEI GIORNALISTI, IL VECCHIO E IL NUOVO: COME STANNO DAVVERO LE COSE

Il primo turno delle elezioni per l’Ordine ha visto passare tutti i candidati della lista “Indipendenti per la riforma” ai ballottaggi, e questo è senz’altro un ottimo risultato.

La lista avversaria, “Contrordine”, ha ottenuto il maggior numero di voti anche perché è riuscita a far credere a molti colleghi di rappresentare il nuovo, con una mistificazione della realtà che nasconde un elemento fondamentale: la lista “Contrordine” non è nata ieri, ma è diretta espressione di una maggioranza politico-sindacale (guidata dalla corrente di Autonomia) che da 20 anni gestisce:
1) la Federazione della Stampa, responsabile del contratto del 2009 che tanto bene i giornalisti e i prepensionati di Repubblica conoscono per i danni provocati alla professione
2) l’Inpgi, che paga le conseguenze delle scelte della maggioranza con un drammatico sbilancio tra entrate per contributi e uscite per pensioni
3) la Casagit, che combatte contro il calo dei contributi derivante da quelle stesse scelte
4) il Fondo di previdenza complementare, da sempre feudo della maggioranza.
5) l’Associazione Stampa Romana, che nell’ultimo anno è riuscita a chiudere il bilancio in passivo, spendendo in modo assai discutibile i soldi provenienti dai contributi di ciascuno di noi.

Questi colleghi che ora si presentano come il nuovo hanno gestito l’Ordine per decenni, senza riuscire a mandare in porto alcuna riforma. E oggi spacciano come possibili “autoriforme” cambiamenti che è possibile attuare solo con legge dello Stato, come ben sappiamo noi che ci siamo battuti in questi anni per ottenere la preziosa legge sull’equo compenso.

Ma soprattutto danno l’assalto all’Ordine nazionale dei giornalisti, l’unico organismo di cui hanno perso il controllo tre anni fa e che in questo breve lasso di tempo grazie all’impegno dei colleghi oggi candidati nelle nostre liste è riuscito:
1) a ottenere la legge sull’equo compenso giornalistico
2) a far approvare la Carta di Firenze
3) a ridurre da 21 a 11 le scuole di giornalismo, regolando in modo più serio l’accesso alla professione.

Vi chiediamo di valutare questi fatti, di ricordare la storia della nostra professione e di decidere secondo coscienza.

Dando il vostro voto a chi ha cominciato davvero a cambiare le cose, non a chi per decenni ha sottoscritto solo accordi che hanno cambiato in peggio il mestiere di giornalista.

E’ per questo che vi chiediamo un voto ragionato IN BLOCCO per tutti i candidati di “Indipendenti per la riforma”.
Vi aspettiamo domenica mattina e lunedì pomeriggio.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque + 18 =