ORDINE DEI GIORNALISTI, “INDIPENDENTI PER LA RIFORMA” CONTRO IL PENSIERO UNICO

 

di Cinzia Romano *

 

A Roma, domenica e lunedì giornate di voto mica solo per il Comune e i Municipi. Le giornaliste e i giornalisti voteranno anche per eleggere consiglieri e revisori dei conti dell’Ordine dei giornalisti del Lazio e i consiglieri nazionali. C’è qualcosa che accomuna queste due scadenze elettorali, così diverse: coloro che governano, parlano come fossero stati finora all’opposizione e continuano a spiegarci che cosa faranno se avranno il consenso necessario. C’è da chiedere: e perché non l’hai fatto finora visto che amministravi e amministri?

La maggioranza che governa gli organismi dei giornalisti, che appoggia la lista ContrOrdine, non ha il controllo, solo da pochi anni, dell’Ordine nazionale dei giornalisti. Governa infatti ininterrottamente dal 1995 sindacato, Inpgi e Casagit.

Sarà per questo che finalmente nei tre anni di Presidenza dell’Ordine nazionale dei giornalisti da parte di Enzo Iacopino, alle parole sono seguiti i fatti? E si è riusciti a rendere visibili e a portare all’attenzione di tutte e tutti,(sia dei colleghi che non volevano vedere, come di politici e Parlamento), i tanti precari e sfruttati, grazie alla Carta di Firenze, la legge sull’equo compenso e al dimezzamento del numero delle scuole di giornalismo (impedendo a consiglieri nazionali e colleghi chiamati a sorvegliare i master di essere anche docenti,  retribuiti da chi dovevano sorvegliare) ?

Ho stima e affetto per molte colleghe e colleghi che si presentano nelle due liste che andranno al ballottaggio, ma appoggerò e voterò le candidate e i candidati di “Indipendenti per la Riforma”.

A tutte le elettrici ed elettori che voteranno domenica e lunedì, sia per il Comune che per l’Ordine dei giornalisti, dedico le parole della canzone di Rino Gaetano TI TI TI TI TI, che mi risuonano in testa:

“A te che non ami i servi di partito

che ti chiedono il voto un voto pulito

partono tutti incendiari e fieri

ma quando arrivano sono tutti pompieri”

* Cinzia Romano è uno dei fondatori di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 + quindici =