EX FISSA, FNSI PARTE CIVILE CONTRO SUOI ISCRITTI PENSIONATI. SCANDALO CONFERMA LA FINE DEL SINDACATO

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Prendete un sindacato di categoria unitario, anzi unico. Prendete alcune migliaia di lavoratori pensionati che aspettano da anni di incassare un emolumento su cui da sempre facevano affidamento e che tarda scandalosamente ad arrivare.
Prendete ora un gruppo di questi lavoratori che, stanco di aspettare, si rivolge alla magistratura per esigere il rispetto delle regole e ottiene ragione con un regolare giudizio, con ciò costretto di fatto a bypassare la lista d’attesa di altri che come loro aspettano da anni.

Immaginate che alcuni, molti o tutti questi pensionati siano iscritti a quel sindacato, che doveva tutelare i loro diritti e che invece ha contribuito a farli espellere a 58 anni dal mercato del lavoro e non si è neanche preoccupato di garantire la buona salute del fondo dal quale quell’emolumento doveva arrivare.

Sappiate ora che quel sindacato ha preso la decisione di costituirsi in giudizio contro quei loro stessi iscritti, affinché il giudice non riconosca quel loro diritto nel giudizio di merito che ci sarà molto presto.

Personaggi e interpreti

  • Il sindacato unitario, anzi unico: la Fnsi.
  • I pensionati che aspettano: 1.207 giornalisti, a oggi, che hanno versato nei decenni fior di contributi.
  • Il diritto da tutelare: la ex fissa, fatta a brandelli dall’ultimo contratto.
  • Il soggetto che doveva garantire la solvibilità del fondo: la Fieg, assieme alla stessa Fnsi.
  • Il soggetto chiamato in alcuni casi a pagare subito: l’Inpgi.
  • Il soggetto che ha deciso di costituirsi contro i giornalisti pensionati: la giunta della Fnsi.
  • Il soggetto che ne ha dato notizia: Franco Siddi, segretario uscente con ambizioni da valutare, nel corso del Cda Inpgi di ieri.

Dunque a questo livello è arrivato l’imbarbarimento della professione: un sindacato che persegue giudizialmente propri iscritti, il cui unico torto è quello di chiedere alla magistratura dello Stato italiano il rispetto di un proprio legittimo diritto.

A memoria non ricordiamo un solo altro caso di questa portata in Italia, ancora più grave proprio perché la Fnsi è sindacato unico dei giornalisti. Una circostanza che conferma la forza politica della decisione di Puntoeacapo di lasciare la Federazione della Stampa.

E’ un sindacato che ha firmato negli anni accordi vergognosi, che ha organizzato referendum farsa sul contratto, che ha tenuto bordone a una classe di editori soi-disant che con i soldi dello Stato e la cassa comune dell’Inpgi tra il 2011 e il giugno di quest’anno hanno espulso 3.150 giornalisti dal mercato del lavoro.

Mancava l’ultimo tassello: un sindacato parte civile contro un suo rappresentato. Hanno raggiunto il fondo, ma sono pronti a scavare.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × cinque =