CASAGIT, TUTTE LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN VISTA DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

di Mario Antolini *

E’ di nuovo tempo di dichiarazione dei redditi, che quest’anno dovrà essere presentata alla Agenzia delle Entrate tra il 1 maggio e il 7 luglio. Per i soci Casagit sono questi i punti importanti da tener presente.

Soci contrattualizzati CNLG e pensionati INPGI – Possono portare in detrazione solo la spesa sanitaria non rimborsata da Casagit.
Coniuge non a carico – Nella propria dichiarazione dei redditi, il coniuge non a carico (e per il quale il socio ha pagato nel 2014 il “contributo individuale” di 900 euro) può portare in detrazione tutte le spese mediche, comprese quelle rimborsate in tutto o in parte da Casagit. Il contributo individuale di 900 euro non è deducibile.
Detrazioni per chi ha pagato il MAV – Il pagamento del “Contributo nucleo familiare” (MAV) per familiari a carico consente di portare in detrazione fiscale tutte le spese sanitarie sostenute per i familiari ai quali il contributo si riferisce e quindi anche quanto Casagit abbia, in parte o totalmente, rimborsato. Analogamente, possono portare interamente in detrazione tutte le spese sanitarie (anche se rimborsate da Casagit) i soci volontari o capitari (cioé non contrattualizzati né pensionati). I MAV e la contribuzione dei soci volontari o capitari, invece, non sono deducibili.
Nuovi Profili (Casagit Due, Casagit Tre, Casagit Quattro) – Gli iscritti ai Nuovi Profili possono portare in detrazione tutte le spese mediche sostenute, anche se rimborsate in tutto o in parte da Casagit. Il contributo di iscrizione al Profilo, invece, non è deducibile.
Documentazione necessaria – Occorre portare al commercialista o al Caf la fotocopia delle spese sostenute (se si è avuta l’accortezza di fotocopiare gli originali, prima di consegnarli in Casagit). Alcuni Caaf accettano anche la distinta di liquidazione emessa da Casagit  che si può scaricare dal sito www.casagit.it attraverso la “Area Riservata Soci”. E’ necessario essere registrati, ma anche questo può farsi assai agevolmente seguendo le indicazioni “Come registrarsi” sul sito Casagit, avendo a portata di mano il proprio numero di posizione, cioè il codice riportato sulla Casagit Card (o comunque in ogni comunicazione dalla Cassa).

ATTENZIONE – Casagit non può fare le fotocopie: nel 2014 le pratiche sono state oltre 100 mila e non è umanamente pensabile inviare le fotocopie. Anche per questo è sempre opportuno fotocopiare le ricevute prima di presentarle alla Cassa per il rimborso. La Cassa è comunque tenuta a conservare gli originali che possono essere richiesti solo in caso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.
Infine, è bene chiedere la fotocopia della fattura anche alle cliniche ed alla strutture in regime di convenzione diretta: in questo caso, infatti, è vero che la Cassa paga direttamente la struttura sanitaria, ma paga sempre in nome e per conto dell’assistito, al quale è appunto intestata la fattura. Anche questa spesa, quindi, rientra nel regime delle spese sanitarie detraibili.
* Fiduciario della Casagit per il Lazio

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − dodici =