LA CASAGIT E LA RAPPRESENTANZA DI GENERE, COSI’ E’ INIZIATA (MALE) LA CAMPAGNA ELETTORALE

di Rossella Lama*

Che brutta giornata mercoledì primo giugno in Casagit. Che brutta pagina per la nostra Cassa, che tra mille difficoltà ci consente di curarci senza fare troppi sacrifici e assiste gratuitamente l’esercito dei più sfortunati di noi, quelli impantanati, senza lavoro e senza pensione.

La proposta presentata dal Consiglio di amministrazione agli 80 delegati venuti da tutt’Italia per approvare il bilancio e varare la riforma dello statuto sulla rappresentanza di genere, era il frutto di tanto lavoro, di tante energie spese alla ricerca di un  accettabile compromesso.

C’erano voluti più di due anni per arrivare a questo appuntamento. Con una soluzione meno stringente di quella individuata dal gruppo di lavoro appositamente costituito in Casagit, ma che per questo aveva trovato in cda le gambe necessarie per andare avanti. Anche  su questo tema  Chiominto ed io ci siamo trovati subito in sintonia. Avremmo preferito le quote di rappresentanza, come il gruppo di lavoro aveva suggerito.  Ma su quell’impostazione trovavamo davanti a noi un muro. Eravamo due su undici. Così  abbiamo accettato un’ipotesi di mediazione, e  convinti  che  fosse comunque un serio passo avanti, l’abbiamo votata in cda, e difesa apertamente e con forza in assemblea, anche se non era la nostra proposta.
Due anni e mezzo fa proprio da un’assemblea dei delegati era stata avanzata l’esigenza di riequilibrare il peso dei generi nella tolda di comando di Casagit. Oggi significa dare più peso alle donne, domani chissà.

E’ evidente che due sole donne consigliere su undici, e un presidente e due vice tutti maschi,  il presidente della commissione permanente anche lui uomo,  non rappresentano quello che la Casagit è oggi, né sotto il profilo degli assistiti (le donne sono sfiorano il 60%), né sotto quello del numero dei delegati nazionali. Perché il territorio vota le donne, ma poi, quando la piramide si restringe, quando si arriva alle poltrone appetibili, scompariamo dalla vista. La foto del tavolo di presidenza dell’assemblea del 31 maggio-1 giugno è più eloquente di qualsiasi parola.

Ci occupiamo di salute, di malattie, di cure, e purtroppo, con la popolazione che invecchia, sempre più frequentemente di assistenza alle disabilità. Abbiamo qualche familiarità con tutto questo? E’ davvero utile fare a meno del nostro punto di vista? Casagit deve poter fare tesoro di tutte le esperienze e di tutte le sensibilità. Sembra ovvio.

Consideriamo un valore la diversità del territorio, così votiamo con quote per le singole consulte, ma  non consideriamo invece un valore la differenza di genere. Tutto ciò  è  privo di senso.  Difficile negarlo, e infatti il primo giugno in assemblea nessuno ha preso la parola per smentirmi. Però  al presidente Cerrato è arrivata da parte di diciotto delegati la richiesta di procedere con voto segreto.  In Casagit abbiamo sempre votato con alzata di mano, ricorrendo alle urne solo per l’elezione dei membri del consiglio.

Abbiamo votato con voto palese bilanci, modifiche dello statuto che ci hanno consentito di ampliare le possibilità d’investimento del nostro patrimonio, il varo dei nuovi profili, la costituzione di Casagit servizi con le sue  funzioni  profondamente innovative rispetto all’operare della nostra Cassa dal momento della sua nascita.  Novità dirompenti per la storia di Casagit, che ne stanno cambiando lentamente il volto per permetterle, come ci auguriamo, di continuare a operare anche in futuro con efficienza e solidarietà, rispondendo alle richieste sempre crescenti che arrivano dalla nostra popolazione.

Creare una cornice che agevoli la presenza delle donne in cda senza precostituirne a tavolino il risultato richiede una riservatezza maggiore che prendere decisioni che incidono sulla natura propria di Casagit ? Che ne vanno alle fondamenta?  Dalle urne sono usciti 36 voti a favore, 24 no, 5 bianche che contano come no, e una scheda nulla. La maggior parte dei delegati si è espressa per accogliere nello statuto la norma sulla rappresentanza di genere, ma servivano 50 voti, e non ci sono stati.

Non ho appositamente parlato di schieramenti sindacali, di maggioranze e minoranze sindacali, perchè questo tema attraversa trasversalmente varie anime del sindacato. Anche colleghe e colleghi che non fanno riferimento a Puntoeacapo  si sono spesi apertamente in assemblea, rischiando di trovarsi, come è successo, dalla parte dei perdenti.  E dico anche che rispetto chi ha votato no per profondo convincimento, con l’idea che il problema del genere semplicemente non esista, o magari chi crede che è meglio che le donne stiano a casa a fare la calzetta.

Il mondo è bello perché è avariato, diceva Totò,  e  noi giornalisti non siamo meglio degli altri.  E’ tutto accettabile se il confronto avviene sul merito, se nel segreto dell’urna non si è mossi da considerazioni esogene, altre. Tra un anno la consiliatura di Casagit scade. Andiamo a casa e si ridanno le carte. La campagna elettorale, come abbiamo visto mercoledi,  è già cominciata. Male

* Consigliera di amministrazione della Casagit

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − 5 =