INPGI, LA DRAMMATICA VERITA’:OGNI ANNO L’ISTITUTO AVRA’ BISOGNO DI ALMENO 140 MILIONI DI LIQUIDITA’

 

di Gianni Dragoni*

L’Inpgi ha bisogno di fare cassa per 140 milioni quest’anno per pagare le pensioni dei giornalisti, per le altre prestazioni (assistenza, stati di crisi) e per i suoi costi. L’istituto deve trovare incassi aggiuntivi rispetto a quelli ordinari, che derivano dal versamento dei contributi previdenziali sulle retribuzioni dei giornalisti, insufficienti però a coprire le uscite previste.

E’ un fabbisogno finanziario consistente, e in aumento rispetto al 2015, quello comunicato dal direttore amministrazione e finanza dell’istituto, Filippo Manuelli, alla commissione Bilancio dell’Inpgi nella seduta del 30 giugno. Come verranno reperiti questi fondi? In pratica, saranno venduti pezzi del patrimonio per reperire la liquidità necessaria.
Di fatto si prevede che saranno smobilizzati investimenti in quote di fondi obbligazionari e azionari, finché non decolleranno le vendite del patrimonio immobiliare programmate per i prossimi anni, le prime operazioni potrebbero concludersi verso fine anno.

Queste proiezioni sono l’altra faccia del dramma dei conti della gestione principale dell’Inpgi, lo squilibrio crescente tra entrate (in declino) e uscite (in espansione). Questo squilibrio – come ha più volte sottolineato Inpgi Futuro – ha prodotto un disavanzo di gestione di 111,9 milioni nel 2015.

Il bilancio finale dichiara un utile netto di 21 milioni perché sono state contabilizzate plusvalenze per 90,2 milioni per la valutazione degli immobili trasferiti, per il terzo anno consecutivo, al Fondo immobiliare Inpgi Giovanni Amendola. Ma queste plusvalenze per ora esistono solo sulla carta, non sono soldi entrati nelle casse dell’Inpgi.

L’Inpgi ha carenza di liquidità, già negli articoli su Puntoeacapo sull’analisi del bilancio 2015 è stato evidenziato che la liquidità a dicembre scorso era ridotta a 30 milioni, dimezzata rispetto ai 60 milioni dell’anno precedente.

“Ogni anno l’Inpgi ha bisogno di 130 milioni”, ha spiegato Manuelli. Poi, insieme alla direttrice generale Mimma Iorio presente nella commissione Bilancio, ha precisato che tra il fabbisogno di cassa per pagare le pensioni, stimato in “110 milioni”, la liquidità necessaria per pagare le prestazioni assistenziali e per le spese di funzionamento, “quest’anno servono 140 milioni”. Questa è una stima.

La cifra finale potrebbe variare, non si esclude che potrebbe essere più contenuta se, ad esempio, dovessero rientrare più soldi dalla surroga dei mutui, cioè mutuatari che accettano l’invito dell’Inpgi a trasferire il loro debito su altre banche, oppure – ha detto Iorio – se dovessero “entrare soldi dallo Stato per i prepensionamenti”.

Si tratterebbe in ogni caso di piccole somme, dell’ordine di poche decine di milioni, rispetto al gigantesco fabbisogno totale. Sul totale dei 140 milioni di fabbisogno di liquidità stimato, Manuelli ha detto che “25 milioni sono già stati trovati nei mesi scorsi, 25 milioni servono entro la fine di luglio, altri 90 entro la fine dell’anno”.

Entro la fine di luglio quindi l’Inpgi dovrà vendere titoli per incassare 25 milioni. Le operazioni sono allo studio insieme a un consulente, il “risk manager” Mangusta, una società di Londra con una filiale a Roma, che da anni affianca l’Inpgi nelle scelte di investimento in titoli mobiliari. Cosa si venderà nelle prossime settimane? “C’è uno scambio di lettere con il risk manager. Si vedrà a breve” ha risposto Manuelli.

Che effetto ha avuto sul patrimonio Inpgi la vittoria del “Leave” nel referendum sulla Brexit? “Può aver toccato il patrimonio. Scende l’azionario, sale l’obbligazionario. Qualcosa può aver lasciato sul terreno”, secondo Manuelli.

La vendita di pezzi di patrimonio per fare cassa produce l’effetto di impoverire l’Inpgi, come una famiglia che, avendo spese ampiamente superiori alle entrate, venda i gioielli e gli altri beni per mantenere il suo tenore di vita. E infatti Manuelli ha chiarito che anche per i prossimi anni servirà una cifra dell’ordine dei 130 milioni all’anno.

Questo fabbisogno si potrà ridurre solo se l’attesa riforma previdenziale dell’Inpgi, in larga parte ancora da definire dopo i parziali interventi varati l’anno scorso, riuscirà a raddrizzare i conti dell’istituto, che resta in fortissima sofferenza, come confermato anche nel recente rapporto della Corte dei Conti.

*Consigliere generale Inpgi Futuro, membro della commissione Bilancio

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × uno =