INPGI, DISMISSIONI CASE: INPGI FUTURO SEGNALA UN CASO CLAMOROSO

 

Una risposta formale su un grave episodio che sarebbe avvenuto nei giorni scorsi nell’ambito delle dismissioni immobiliari è stata chiesta alla presidente dell’Inpgi dai consiglieri di amministrazione di Inpgi Futuro Carlo Chianura e Paola Cascella.

Alla richiesta si associa Alessandra Spitz, consigliera generale Inpgi, nominata nel comitato di comparto del Fondo Giovanni Amendola.

Tutto nasce da una segnalazione di un inquilino di Roma che ha ricevuto la visita di un intermediario della Investire, la società di gestione del risparmio incaricata della operazione di dismissione.

“Fermo restando il reciproco impegno a monitorare il processo di dismissione degli immobili dell’istituto”, scrivono Cascella e Chianura a Marina Macelloni e per conoscenza alla direttrice generale Mimma Iorio, “ci preme segnalarti una vicenda inerente le metodologie di vendita messe in atto, direttamente o attraverso agenti immobiliari, da Investire Sgr nel momento in cui viene proposta la vendita di un appartamento occupato”.

Il caso è quello di un inquilino di via Trionfale a Roma che ha ricevuto la visita di un emissario. La sua testimonianza riferisce il seguente approccio del venditore.

“… Senza naturalmente aver indicato il metraggio del mio appartamento di via Trionfale (…), l’addetto della società Sgr, mi pare si chiami (…) mi ha comunicato, dopo aver trafficato col proprio telefonino e visionandolo con cura, che il mio appartamento era (nientemeno) di 170 mq. Io gli ho  mostrato il primo contratto d’affitto (del marzo 89) da cui risulta che esso è di 112 mq (…). L’incaricato della società ha ribattuto genialmente che forse l’Inpgi nel contratto suddetto aveva misurato l’appartamento di qualcun altro. Peccato che quel contratto è stato stipulato da me e firmato con il rappresentante legale dell’Istituto, via Nizza 35, Roma. Che era poi il presidente di allora, come risulta dal documento, “dottor Vieri Poggiali””.

“Da noi contattato per ulteriori particolari”, proseguono i due consiglieri di Inpgi Futuro, “l’inquilino ha aggiunto che ‘leggendo dal primo contratto da me stipulato con l’Inpgi in data 3 marzo 1989, il mio appartamento ha le seguenti misure: mq 112,69 coperti e in più: mq 22,98 di balconi, mq 13,92 di cantina e mq 21,56 di posto auto coperto’”.

Il totale fa effettivamente circa 170 metri, ma è evidente che la valutazione dei corpi annessi e dei balconi non è pari al prezzo al metro quadro dell’appartamento.

“Che qualcosa non quadri lo dimostrerebbe la lettera che ha accompagnato l’offerta, secondo la quale l’appartamento – valutato circa 500.000 euro – viene proposto in vendita “a corpo” e non valutando il computo dei metri quadri. Fatta salva la verità dei fatti, viene da chiedersi se sia normale (staremmo per dire corretto) il comportamento di un venditore che smentisce l’Inpgi nel computo della metratura degli alloggi contenuto nell’originale del contratto e addirittura afferma che all’epoca l’Inpgi potrebbe avere “misurato l’appartamento di qualcun altro”.

“Ti chiediamo inoltre per quale motivo l’appartamento o gli appartamenti vengono valutati a corpo e non secondo il calcolo degli effettivi metri quadri”, concludono Chianura e Cascella, che mettono in guardia la presidente dell’Inpgi su un rischio concreto: la questione segnalata “richiama come dicevamo all’inizio e come abbiamo sostenuto in Cda la nostra attenzione affinché non sia vanificata l’operazione di dismissione”.

La lettera a Macelloni è stata inviata la mattina del 4 ottobre e non ha ancora ricevuto una risposta.

2 Commenti "INPGI, DISMISSIONI CASE: INPGI FUTURO SEGNALA UN CASO CLAMOROSO"

  1. Il problema dei mq è anche a Napoli 96/98 mq sui contratti di affitto 105/110 per la vendita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × due =