INPGI, PENSIONI: SFONDATA QUOTA SEICENTO

 

Seicentoventiquattro. In soli quattro giorni, senza mail bombing, senza pubblicità, la campagna del comitato Giornalisti. NoPrelievo ha raggiunto un grande risultato di adesioni. Aperta ancora la casella mail giornalisti.noprelievo@gmail.com,

Ecco il nuovo elenco di firme raccolte nella giornata di giovedì 6 ottobre 2016.

Alessandro Amati
Abbisogno Bruno
Salvo Bruno
Guido Buldrini
Irene Cabiati
Patrizia Capraro
Loredana Colace
Paola Coppo
Marco Corrias
Ugo Cubeddu
Marina D’Amico
Maria Grazia Dauria
Luigi Del Giudice
Lavinia Di Gianvito
Annibale Discepolo
Itti Drioli
Claudio Erné
Paolo Fantini
Chiara Ferrari
Aldo Forbice
Giorgo Gazzotti
Giuseppe Giannotti
Mauro Giliberti
Carlo Giovannella
Maria Lombardo
Leopoldo Innocenti
Carlo Marulli
Silvia Mauro
Pietro Melia
Nino Milazzo
Lorenzo Mondo
Walter Morandell
Gualberto Niccolini
Tino Oldani
Annibale Paloscia
Antonino Pane
Stanislao Parboni
Giulio Pecora
Maurizio Persiani
Alberto Pinkas
Cesare Protettì
Arrigo Ricci
Alessandra Rizzotto
Mimmo Russo Rossi
Sergio Ronchetti
Giacomo Rosella
Luigi Saitta
Timoteo Salomone
Giancarlo Santalmassi
Rossella Santilli
Rosanna Santoro
Giuseppe Sanzotta
Elvio Sarrocco
Arnaldo Sassi
Stefano Sassi
Alberto Sava
Roberto Scafuri
Paola Scaramozzino
Pietro Schiavello
Raffaello Siniscalco
Mario Stanganelli
Alberto Statera
Vojimir Tavcar
Roberto Turno
Luigi Valente
Gabriele Villa

2 Commenti "INPGI, PENSIONI: SFONDATA QUOTA SEICENTO"

  1. Viste le sentenze della Cassazione, potrebbe configurarsi il reato di appropriazione indebita da parte dei consiglieri Inpgi che hanno approvato il prelievo forzoso sulle pensioni? Secondo quesito: questi consiglieri potrebbero essere chiamati a risarcire col loro patrimonio le somme sottratte ai pensionati o sarebbe una vertenza giudiziaria ” temeraria”? E’ possibile avere il parere di un esperto?

    • Secondo noi i tuoi quesiti, pur legittimi, sono prematuri. In questa fase siamo ancora in attesa del via libera obbligatorio dei ministeri. Se questo ci dovesse essere, la strada dovrebbe essere quella dei ricorsi alla magistratura per attestare la illegittimità del prelievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 − 16 =