INPGI, ARRIVA IL PRIMO MOMENTO DELLA VERITA’ PER LE VENDITE DELLE CASE

 

di Alessandra Spitz*

 

Dopo circa due mesi dall’invio delle prime lettere agli inquilini, la prima tranche di vendita degli immobili dell’Inpgi è ancora sospesa.

La Sgr cui sono stati conferiti gli immobili Inpgi (controllata al 100% dall’Istituto) ha infatti fermato i termini dei 60 giorni previsti per decidere o meno l’acquisto , in attesa di concludere gli incontri di approfondimento con i sindacati e i rappresentanti degli inquilini.

In questi giorni si è concluso il primo giro di incontri dei vertici della Sgr con i sindacati e con i rappresentanti degli inquilini degli immobili da dismettere, svoltosi su vari “tavoli” separati e dedicati alla situazione specifica di ciascun immobile.

Secondo i rappresentanti degli inquilini, l’esito, pur nella diversità delle varie situazioni, è pressoché omogeneo.

La Sgr si è impegnata a consegnare entro il 15 novembre a ciascun inquilino dei primi immobili interessati dalla vendita la mappa di rilievo (quella ricavata dai rilievi dei tecnici della Sgr), la mappa catastale, gli atti urbanistici che dimostrino la congruità tra il “progettato” e l’”edificato”. Finora sono state consegnate le mappe di rilievo. Resta singolare che a distanza di due mesi – osservano- gli altri documenti non siano stati forniti ancora ai singoli inquilini.

“Chi ha ricevuto in questi giorni la lettera della Sgr o la riceverà nei prossimi giorni, affermano i sindacati, non si deve allarmare. Chieda contestualmente la documentazione di cui sopra: è un suo diritto averla. In ogni caso la decorrenza dei termini – 60 giorni – per rispondere all’ “offerta di acquisto agevolato” continua ad essere sospesa mentre è in corso la trattativa.”.

Secondo i rappresentanti degli inquilini, la parte relativa ai lavori da effettuare sugli immobili è quella più positiva, sia per gli interventi prospettati sia perché i rappresentanti della Sgr hanno preso nota delle  segnalazioni fatte dagli inquilini negli incontri. Finora tuttavia non è stato presentato alcun vero capitolato, si tratta cioè di “buone intenzioni”, né – come sottolineato da molti inquilini– i lavori possono essere un pretesto per tenere artificiosamente alti i prezzi di vendita.

I rappresentanti degli inquilini hanno ribadito in tutti i tavoli che i prezzi sono superiori a quelli di mercato e , piu’ che scontati, appaiono aumentati del 20%.

Le lettere della Sgr – sostengono ancora i sindacati- oltre “al prezzo a corpo” contengono “una serie di clausole vessatorie altrettanto inaccettabili (dal notaio imposto, ai contratti di lavoro dei portieri trasferiti ai nuovi condomini, all’amministratore del nuovo condominio scelto da Sgr): tutte clausole che potrebbero riservare amare sorprese al momento del rogito e che vanno certamente riviste”.

I rappresentanti degli inquilini dopo aver rilevato che continua a mancare chiarezza attendono dunque che siano convocati i secondi incontri dei “tavoli separati”, in attesa di sapere quando sarà convocato il tavolo generale della vertenza.

Da parte sindacale è stato più o meno apertamente annunciato che si sta per entrare in una nuova fase della trattativa e informalmente è stata prospettata la possibilità di ricorrere all’ “acquisto collettivo”.

Secondo alcuni inquilini però questa non può essere la sola scelta possibile, l’ennesima strada obbligata, ma deve essere un’opportunità in più. Né si può pensare di risolvere la questione con un 5-6% di sconto “in più” grazie all’”acquisto collettivo”. Prima di tutto va chiarita la base di partenza: prezzo di vendita,  modalità con cui è determinato, e lo sconto reale per ogni singolo inquilino.

“Non va affatto sottovalutato- sostengono alcuni inquilini- quello che potrebbe essere il più che evidente conflitto di interessi di Sgr: più alti sono i prezzi di vendita più ci guadagna. E questo potrebbe non essere nell’interesse dell’Inpgi, anzi, come si sta verificando con un piano di dismissione bloccato, non lo è…

Nessuno deve restare solo. Chi non vuole o non può comprare deve poter contare su tutele vere (a cominciare da una diminuzione almeno del 15% cento per gli affitti che sono, non per tutti e non dappertutto, troppo alti). Chi intende acquistare la propria abitazione – concludono gli inquilini- deve poterlo fare ad un prezzo congruo e a condizioni in tutto e per tutto trasparenti. Niente di più, niente di meno. “

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, comitato di gestione del Fondo Giovanni Amendola

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − 2 =