INPGI, SULLA VENDITA DELLE CASE DISTANZA NETTA TRA DOMANDA E OFFERTA

 

di Alessandra Spitz*

Da Freccia Rossa a treno normale: è questa la trasformazione che, rispetto alle ottimistiche previsioni iniziali, ha subito il processo di dismissioni di una bella fetta del patrimonio immobiliare Inpgi, avviato per far fronte alla crisi finanziaria dell’Istituto.

Un progetto che, pur se lentamente, va avanti ma che ha accumulato finora quattro mesi di ritardo rispetto alla tabella di marcia fissata nello scorso luglio dai vertici dell’Istituto e di InvestiRe, la società che gestisce gli immobili della Sgr “Giovanni Amendola”.

Ma cosa è successo da luglio fino a oggi? A settembre, quando sono partite le lettere agli inquilini per la proposta di vendita della prima tranche di immobili, l’obiettivo dichiarato era di chiudere questa fase entro 60 giorni. Ma contemporaneamente sono stati avviati gli incontri con le organizzazioni sindacali degli inquilini che hanno chiesto la sospensione dei termini previsti nelle lettere per la risposta che gli inquilini dovevano fornire.

Gli incontri sono andati avanti per circa tre mesi fino a quando, il 29 novembre scorso, i sindacati hanno presentato ad InvestiRe una proposta unitaria che prevede un ampliamento delle tutele previste per le fasce deboli ed una definizione dei prezzi degli immobili basata sull’applicazione dei valori medi fissati dall’Omi (Osservatorio del mercato immobiliare) scontati del 30%, anzichè del 20 % come aveva deciso il Cda dell’Inpgi.

La Sgr, visto l’impatto economico di tale richiesta, ha chiesto un parere al consulente finanziario di Inpgi, Mangusta Risk, per conoscere la sostenibilità dei mancati introiti rispetto alle esigenze di liquidità dell’ Istituto. Sulla base del parere di Mangusta Risk ha elaborato una ipotesi di controproposta che è stata sottoposta al vaglio di tutti gli organismi competenti dell’Inpgi (Comitato di comparto, Commissioni congiunte alloggi e dismissioni) per poi acquisire il parere determinante del Cda dell’Istituto e di InvestiRe.

Il cda dell’Inpgi, riunitosi nel pomeriggio del 14 dicembre, ha approvato una proposta che va incontro ma solo fino a un certo punto alle proposte dei sindacati. Il consigliere Carlo Chianura, prima di uscire dall’aula al momento del voto per non prestarsi a strumentali polemiche in quanto inquilino di un appartamento Inpgi, ha fatto presente la posizione di Inpgi Futuro.

“Prendo atto con favore della decisione del Cda di ritornare sui propri passi dopo avere deciso a giugno in maniera irragionevole misure rigide e controproducenti, come dimostra l’attuale retromarcia”. Una decisione evidentemente dovuta ai risultati più che deludenti, anzi fallimentari, del primo tentativo di collocamento. “Avevamo sottolineato sin dall’inizio una distanza netta tra domanda e offerta. Dubito francamente anche oggi che la forbice si riduca in maniera sufficiente. Il timore è che le deliberazioni odierne non siano risolutive, con tutti i rischi che ciò comporterebbe per un istituto che ha la necessità e l’urgenza di vendere il patrimonio immobiliare, non di svendere magari in blocco, magari a qualche soggetto che già attende dietro una porta”.

La consigliera di Inpgi Futuro Paola Cascella si è astenuta. Altrettanto hanno fatto, con diverse motivazioni, il rappresentante del ministero del Lavoro Mauro Maré e quello della Fieg Francesco Cipriani.

Poco prima si erano riunite in seduta comune le commissioni Alloggi e Dismissioni. Anche i rappresentanti di Inpgi Futuro in quelle commissioni, Stefania Conti e Corrado Chiominto, si sono astenuti.

* Consigliera per Inpgi Futuro,  comitato di gestione del Fondo Giovanni Amendola

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 + sette =