INPGI, IL BILANCIO DEL PROFONDO ROSSO PASSA CON 15 VOTI CONTRARI

 

di Alessandra Spitz*

Con 40 voti a favore e 15 voti contrari il Consiglio generale dell’Inpgi ha approvato oggi il bilancio 2016 della gestione principale che si chiude con numeri ancora peggiori rispetto agli anni precedenti.

(Per un analisi più approfondita si rimanda agli articoli di Gianni Dragoni a questo link e a questo link).

Una discesa agli inferi da brividi che si è consumata in pochi anni, visto che il deficit della gestione previdenziale è passato dai -7,4 milioni del 2012 ai -114,6 del 2016.

Il grido di allarme di Inpgi Futuro – che da almeno cinque anni invoca correttivi seri e lungimiranti e che da tre vota contro il bilancio per l’assenza di iniziative realmente incisive in tal senso – ha trovato piena conferma nei numeri di quest’anno.

Numeri che anche la presidente Macelloni giudica molto preoccupanti, visto che nel 2016 sono stati persi ulteriori 800 posti di lavoro e che l’Inpgi sta vendendo circa la metà del proprio patrimonio immobiliare per fare fronte al pagamento delle pensioni e degli ammortizzatori sociali.

Mentre l’Inpgi è costretta a vendere i propri gioielli di famiglia per sostenere i costi che editori, sindacato e governo hanno scaricato sull’istituto, i rappresentanti dei ministeri vigilanti, e anche quello della Fieg, non hanno neppure ritenuto opportuno prendere parte al Consiglio generale . Eppure, gli stessi ministeri hanno avvertito l’Inpgi che la riforma da loro appena approvata non sarà sufficiente e che nuovi, incisivi interventi dovranno essere realizzati.

Nonostante ciò, nessuno dei 40 consiglieri della maggioranza ha espresso preoccupazione o avanzato proposte per salvare una nave che affonda, come se chi ha governato l’istituto per decenni non avesse nessuna responsabilità da accollarsi, nè errori da riconoscere.

Il segretario della Fnsi, presente alla riunione, non è intervenuto al dibattito, quasi che la drammatica situazione dell’istituto non fosse un argomento degno di nota o una diretta responsabilità dell’assenza ultradecennale di politica vera da parte della Federazione della stampa.

Eppure, quegli interventi di riforma che sono stati finora, anche se tardivamente, realizzati qualche piccolo risultato lo hanno dato. La spesa per la disoccupazione è in calo per effetto della decisione del Cda di bloccare le indennità di disoccupazione in seguito alle dimissioni volontarie e i ricavi dell’istituto sono cresciuti grazie ad una accelerazione dell’attività ispettiva contro l’evasione o l’elusione fiscale dei datori di lavoro. Ma si tratta di piccoli rivoli rispetto ad un fiume in piena.

Nel motivare il proprio voto contrario al bilancio, gli esponenti di Inpgi Futuro hanno ribadito il proprio giudizio negativo sulla gestione dell’istituto i cui conti sono vicinissimi al punto di non ritorno, visto che, come ha ricordato il ministero del Lavoro nella nota sulla riforma pensionistica, l’Inpgi deve garantire per legge l’equilibrio finanziario e contabile.

Nel 2017 gli effetti delle plusvalenze di carta derivanti dal conferimento degli immobili al fondo immobiliare “Giovanni Amendola” si esauriscono. Il maquillage finanziario che finora ha permesso all’Inpgi di chiudere con un risultato netto positivo (solo formale e non sostanziale) non avrà più effetto e il bilancio del 2017 si chiuderà in negativo. Con le relative ombre, relative a un futuro dell’istituto non più autonomo.

L’operazione di dismissione degli immobili, su cui sono state fatte molte domande di chiarimento, è ancora in una fase troppo iniziale per poter essere giudicata. A luglio gli incassi previsti dalla prima fase della prima tranche dovrebbero aggirarsi sui 57 milioni di euro.

Troppo poco per capire se l’obiettivo di incassare 450-500 milioni di euro entro il 2018 sia raggiungibile o meno. E comunque quei soldi, secondo le proiezioni, sono già spesi per pagare le prestazioni che l’ Inpgi deve erogare, visto che la liquidità necessaria si aggira circa sui 140 milioni ogni anno.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, comitato di comparto Fondo Giovanni Amendola

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × quattro =