CASAGIT, NUOVA DISCRIMINAZIONE IN LIGURIA. “ORA INVALIDARE QUELLE ELEZIONI”

 

di Alessandra Spitz *

“…Perseverare diabolicum”, dicevano i latini ed altrettanto diciamo noi di fronte all’incredibile comportamento della segretaria della Associazione stampa della Liguria Alessandra Costante che, per la seconda volta, ha adottato una iniziativa gravemente discriminatoria nei confronti di uno dei propri iscritti, il collega Gian Luigi Corti.

Corti è candidato in Liguria con Casagit Per Te, la lista sostenuta da Puntoeacapo.

Già un anno fa, in occasione delle elezioni Inpgi, Costante ha utilizzato il sito della sua Associazione per sponsorizzare 2 candidati su 3 senza citare il terzo candidato, lo stesso Corti, presidente del Gruppo pensionati liguri. Questa iniziativa, contraria ai più elementari principi della par condicio e a quelli dello Statuto della Fnsi, è ora all’esame del Collegio nazionale dei Probiviri del sindacato.

Invece di ammettere i propri errori, Costante ha perseverato inviando nei giorni scorsi a tutti i colleghi della Liguria una mail in cui raccomanda di votare 6 candidati liguri su 7, con esclusione sempre del collega Gian Luigi Corti.

Ma questa volta ha commesso un errore ancora più grave del precedente. Invece di utilizzare il sito istituzionale della Associazione (comportamento già scorretto) , ha inviato la sua mail da un indirizzo targato CAPSCASAGIT che cioè rimanda direttamente alle strutture della Casagit, fatto non consentito visto che si tratta di una Cassa finanziata da tutti i giornalisti e che deve essere rigorosamente imparziale.

E’ per questo che ci associamo pubblicamente alla richiesta, inviata dal socio Pierluigi Franz ai vertici Casagit, di invalidare le elezioni in Liguria per palese violazione della par condicio elettorale.

“Alessandra Costante – scrive Franz – ha dimenticato di essere il legale rappresentante di un sindacato unitario dei giornalisti che, come tale, dovrebbe essere super partes applicando rigorosamente la par condicio elettorale in occasione delle imminenti elezioni Casagit in Liguria e nel resto d’Italia. E continua a confondere la profonda diversità esistente tra il ruolo di legale rappresentante di un sindacato regionale unitario dei giornalisti e quello di leader di una corrente sindacale aderente al suddetto sindacato unitario. Solo in quest’ultima veste o a titolo personale è possibile reclamizzare chi si vuole in una competizione elettorale di categoria. Mai, però, come segretaria dell’Assostampa che deve comportarsi, invece, in modo assolutamente equanime”.

Ma noi andiamo oltre: chiediamo ai vertici della Casagit non solo di invalidare le elezioni in Liguria, ma anche di censurare pubblicamente il comportamento di chi , senza averne alcun diritto, ha usato una mail che rimanda alla istituzione Casagit che figura così “de facto” coinvolta in una iniziativa scorretta e discriminatoria.

Chiediamo anche al presidente della Fnsi di prendere posizione ufficialmente contro un comportamento, quello di Costante, di negazione dei più elementari principi di democrazia e di abuso di utilizzo delle cariche istituzionali. Per quanto ci riguarda, chiediamo alla collega di dimettersi per palese incapacità di ricoprire una carica istituzionale, vista la sua arrogante pervicacia nell’ignorare i limiti del suo ruolo e il rispetto dei principi che esso impone.

Infine, invitiamo tutti i colleghi, che ci rappresentano nella Casagit o che siano semplici iscritti, a unirsi alla iniziativa di Pierluigi Franz per chiedere con forza la fine di atteggiamenti discriminatori e prevaricanti operati da una associazione che dovrebbe essere un esempio di democrazia, rispetto deontologico della informazione e delle regole statutarie.

In caso contrario, l’Associazione ligure dovrebbe essere costretta a restituire i soldi che Inpgi e Casagit le versano per fornire servizi a tutti i colleghi, senza discriminazioni e senza alterazioni di una competizione elettorale libera e corretta.

* Esecutivo di Puntoeacapo

AGGIORNAMENTI

Lettera del presidente Casagit a Pierluigi Franz

Caro Pierluigi,
a seguito della tua richiesta abbiamo contattato Alessandra Costante chiedendo chiarimenti in merito alla questione che ci hai rappresentato.

L’interessata ci ha fatto notare come non abbia mandato alcuna e-mail per le elezioni Casagit utilizzando la sua carica di Segretario della Associazione di Stampa Ligure ma abbia utilizzato un indirizzo mail che si rifà alla sua stessa persona e alla sigla della sua sensibilità sindacale.

La mail – dice Alessandra Costante – è stata inviata nella veste di portavoce del Capss per dare a colleghe e colleghi diffusione sulle prossime elezioni in Casagit.

Il tutto, dice la Costante, “è stato fatto in trasparenza e la mail è semplicemente firmata con il mio nome e cognome” e ci ha sottolineato come non avesse avuta nessuna intenzione di utilizzare in maniera poco appropriata il nome della Casagit.

In ogni caso abbiamo dato pronta informativa alla Commissione elettorale, circa la tua richiesta.

Daniele Cerrato – Presidente CASAGIT

Controreplica del socio Pierluigi Franz

Caro presidente,

ti ringrazio molto per la rapida risposta alla mia e mail, ma non posso non rilevare – come ho peraltro già scritto ieri –  come la Segretaria dell’Associazione Ligure dei Giornalisti abbia utilizzato furbescamente come mittente della sua e mail l’equivoca e subdola sigla di “CAPSCASAGIT”.

E’ una classica “furbata”, come la definirebbero i romani, palesemente ingannevole sia perché la Costante avrebbe dovuto usare il suo indirizzo personale di posta elettronica senza inserimento della “CASAGIT” che non c’entra proprio nulla, sia perché il contenuto dell’email – ma senza indicazione dei 6 candidati  “reclamizzati” – è pressoché identico all’articolo da lei pubblicato come portavoce del Caps (sigla, peraltro, che a molti colleghi appare sconosciuta e incomprensibile) nel sito https://assostamparegionali.wordpress.com/2017/05/30/costante-capss-casagit-cambiamenti-per-rispondere-alle-nuove-esigenze-della-categoria/.

Non comprendo quindi per quale motivo la Costante non abbia inviato l’email dal suo indirizzo privato di posta elettronica a suo nome, ma l’abbia invece inviata con indirizzo “CAPSCASAGIT” senza altre indicazioni o specificazioni e senza poi firmarla come portavoce del Caps, magari spiegando ai destinatari cosa sia realmente il Caps. Peraltro firmandola a suo nome ha fatto erroneamente credere a molti destinatari di scrivere come Segretaria dell’Assostampa Ligure dando precise indicazioni di voto.

La scelta della Costante è stata quindi volutamente equivoca perché in Liguria è certamente conosciuta soprattutto per la sua veste di Segretaria dell’Associazione Ligure dei Giornalisti e non di portavoce del Caps. Ecco perché ritengo assolutamente ingannevole tale uso strumentale della sigla “CAPSCASAGIT”.

Al tuo posto di presidente della CASAGIT la inviterei a non usarla più da oggi in poi proprio perché il suo uso è stato del tutto improprio ed ha ingenerato confusione tra i colleghi in un momento delicato come questo alla vigilia di elezioni dove la par condicio va assicurata al mille per mille a tutti i candidati.

Pierluigi Roesler Franz

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 − cinque =