CASAGIT, 4 MOTIVI TRA I TANTI PER INSISTERE SULLA RAPPRESENTANZA DI GENERE

 

di Giovanni Innamorati *

Nella prossima consiliatura della nostra Cassa, come esponenti di Casagit Per Te vogliamo darci tra gli obiettivi uno per il quale ci siamo battuti negli anni precedenti, sfumato mentre eravamo quasi al traguardo: introdurre le quote di genere nel Consiglio di amministrazione, per garantire una presenza equa del genere meno rappresentato, al momento le colleghe, che nella nostra professione sono ormai la metà.

Nel 2014 riuscimmo ad eleggere tra gli otto membri del Cda due nostri rappresentanti, Rossella Lama e Corrado Chiominto, anticipando così quello che chiedemmo con un ordine del giorno presentato all’assemblea nazionale: la modifica dello Statuto così da assicurare la parità di genere nel Consiglio di amministrazione. Si aprì una laboriosa trattativa con la maggioranza, con tanto di commissione di studio, che portò a un compromesso: non era l’ideale ma lo accettammo; meglio qualcosa che nulla.

Al momento del voto, nel dicembre 2016, la maggioranza ha chiesto il voto a scrutinio segreto e ha impallinato l’accordo. A oggi dunque, nonostante la legge Golfo-Mosca, la Casagit non ha nello Statuto l’obbligo di una quota di genere.

Perché è così importante la quota di genere e perché vale la pena porre tra i nostri obiettivi la sua introduzione nello Statuto? Spiego alcune ragioni:

  1. Un motivo generale riguarda l’efficienza degli output del Cda, cioè le sue decisioni. Importanti studi condotti negli Usa hanno mostrato che la diversità di approcci presenti nei consigli, ne rende migliori le decisioni. I Cda di alcune grandi aziende Usa hanno così introdotto non solo le quote di genere, ma addirittura di razza: ci deve essere almeno uno-due componenti che non siano Wasp (white, anglo-saxon, protestant). Insomma, la quota di genere è utile anche agli uomini!
  2. Siamo una Cassa sanitaria, e la medicina di genere è una realtà sui cui dobbiamo incamminarci, a partire dalla prevenzione. Chi, meglio delle donne, può aiutare il Cda a prendere decisioni intelligenti in questa direzione?
  3. La metà di chi lavora oggi nelle nostre redazioni sono giornaliste. Più si va avanti negli anni e più la percentuale di donne nelle redazioni cresce: nella mia sono la maggioranza. Siamo lontani dal 1965 quando Giulia Borgese era l’unica giornalista al Corriere della Sera. I nostri enti di categoria sono sentiti come lontani dai colleghi (basta notare il crollo degli iscritti al sindacato): vogliamo continuare su questa strada, con Cda che non fotografano le realtà delle redazioni?
  4. La Casagit dovrà nei prossimi anni cambiare assetto statutario, passando da ente senza fini di lucro, a ente di mutuo soccorso. Se non cogliamo l’occasione per introdurre le quote di genere, rimarremmo l’unica grande professione ordinistica i cui enti ne sono privi. Già l’opinione pubblica non ha grande considerazione della nostra categoria, così la considererebbe ancora più una casta chiusa. E ci riderebbero anche dietro. Giustamente.

* Candidato con Casagit Per Te, Collegio dei probiviri di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + diciotto =