CASAGIT PER TE, UNA RISPOSTA PER IL WELFARE INTELLIGENTE DEI GIORNALISTI ITALIANI

 

di Mario Antolini *

Ricordiamocelo sempre: Casagit gestisce i nostri soldi per supportarci nel momento del disagio sanitario. Casagit, quindi, merita tutta la nostra attenzione per esprimere fino alle 18 di sabato 10 giugno un voto ragionato e ragionevole.
E allora, per favore, un minuto di attenzione.

Le donne e gli uomini della lista CASAGIT PER TE nel Lazio e in Italia propongono di  affrontare con determinazione il problema, anzi l’incubo, delle malattie neurodegenerative, con iniziative di prevenzione ma anche avviando rapporti convenzionali con le Case di sollievo; lavoreranno per migliorare, grazie agli utili di bilancio, alcune prestazioni (per esempio le lenti da rimborsare ogni anno e non più ogni due) oppure per alleviare il peso dell’Iva sui ricoveri; si  batteranno affinché le somme non banali indirizzate dalla Cassa alle Associazioni Regionali di Stampa abbiano l’obbligo di una rendicontazione accurata; si impegneranno a rilanciare la battaglia per la parità di genere; pretenderanno che sia finalmente distribuita una Casagit Card, per permettere a tutti i giornalisti iscritti all’Ordine (anche se non iscritti a Casagit) di avere comunque accesso alla rete convenzionale della Cassa, così da pagare le prestazioni al prezzo Casagit e non di mercato.

Sono questi solo alcuni dei punti programmatici della Lista CASAGIT PER TE, promossa da Puntoeacapo.

Ma soprattutto le donne e gli uomini di CASAGIT PER TE continueranno l’impegno sul territorio, quello sforzo di servizio a favore dei colleghi che ha caratterizzato la loro azione negli ultimi otto anni. Perché, vedete, un diluvio di belle parole per esempio si rovescia di continuo sui colleghi senza tutele e penalizzati da un mercato del lavoro diventato selvaggio e crudele anche e soprattutto per le dissennate politiche sindacali negli ultimi decenni.

Ma poi è CASAGIT PER TE a chiedere di aprire ai non tutelati la rete convenzionale della Cassa. E sarà davvero un caso se ben 647 iscritti ai Nuovi Profili (le formule studiate dalla Cassa per dare assistenza decorosa anche ai non contrattualizzati), cioè il 46 per cento del totale nazionale, vengono dalla Consulta di Roma, dove gli uomini di CASAGIT PER TE hanno da otto anni un ruolo ed una responsabilità predominanti?

Una responsabilità gestita sempre con senso della misura, sempre tenendo ben salda l’attenzione alla compatibilità economica, sempre tenendo ben vigile il controllo sulle spese, sempre studiando ben prudenti i passi futuri per costruire la Casagit del domani, quella che dovrà allargare i suoi spazi ad altre categorie per restare sul mercato, ma che dovrà allo stesso tempo difendere la sua specificità di cCassa di assistenza sanitaria integrativa dei giornalisti italiani.

Senso della misura e della responsabilità, si diceva.

E invece in questa campagna elettorale abbiamo visto affermazioni demagogiche e proclami clamorosamente strampalati: come la richiesta di bloccare i rimborsi per i massaggi ayurvedici, ignorando che la Cassa non li ha mai pagati; come la pretesa di finirla con la chirurgia estetica, anche qui sempre ignorando che la Cassa non la rimborsa certo.

E c’è perfino chi ha disinvoltamente messo in paragone la retribuzione media dei pensionati con quella dei giornalisti dipendenti, solo per continuare ad alimentare uno scontro generazionale di cui proprio non si vede né il bisogno né l’utilità.

Noi invece sappiamo bene che Casagit non ha bisogno di demagogia, pressappochismo, facilonerie contabili o volgari bugie. Ha bisogno di responsabilità, buon senso, professionalità, impegno: non ha bisogno di belle parole, ma di azione concreta.

Ha bisogno delle donne e degli uomini di CASAGIT PER TE. Vota i 14 nomi di CASAGIT PER TE

 

*Fiduciario uscente Casagit nel Lazio, candidato con Casagit Per Te

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × uno =