EX FISSA, FNSI ADDOSSA LE COLPE DEL SUO DISASTRO A CHI CHIEDE IL RISPETTO DI UN DIRITTO

Sono tanti gli interrogativi e i punti ancora oscuri dopo il comunicato della Fnsi dell’11 dicembre scorso in cui – dopo mesi di silenzio – si annuncia che la rata 2017 della indennità ex fissa sarà pagata a gennaio.

Come se in corso Vittorio ci fossero passanti che non hanno compartecipato a tutta questa vicenda, così la Fnsi dà lezioni di moralità a chi ha l’unico torto di chiedere il rispetto di un diritto: “La storia di un fallimento annunciato. Via libera all’erogazione della tranche 2017. Permane la situazione di criticità. Ripercorrendo la storia dell’istituto si capisce perchè i conti sono saltati da tempo”.

Innanzitutto non si sa se la lettera “capestro” cui i 1.948 giornalisti in attesa dovrebbero dare risposta entro il 31 dicembre sia già partita dall’Inpgi o eventualmente da dove altro e entro quanto tempo partirà. Di conseguenza sarà difficile che possano tutti rispondere entro il 31 dicembre alla proposta di “concordato” avanzata dalla Fieg tramite la Fnsi.

Occorre quindi chiarire da subito che succederà se entro il 31 dicembre non dovessero arrivare le 1.948 risposte: decadrà la proposta di concordato? O varrà solo per chi si fosse espresso entro tale data? O slitterà di almeno un mese?

E perchè la Fnsi ha tardato così tanto prima di far conoscere questa proposta? Questa lettera non poteva forse essere spedita dall’Inpgi a settembre, visto che la situazione di criticità del fondo Ex Fissa era già nota da tempo?

Peraltro prima dir poter rispondere a un’importante e tranciante proposta di “concordato” con notevoli riflessi economici per i 1.948 giornalisti interessati, chiamati a pronunciarsi se rinunciare a decine di migliaia di euro e in certi casi anche a centinaia di migliaia di euro ciascuno, nessuno di loro dovrebbe consultare un avvocato o un fiscalista per valutare ponderatamente i pro e i contro dell’offerta? Ma tra pochi giorni non è forse Natale? E quanti consulenti sarebbero disponibili nel pieno delle festività a rispondere alle varie richieste dei colleghi?

Il fatto ancora più grave è che dopo sette anni di pensionamento ancora sono pochissimi i pensionati che conoscono l’esatto ammontare del loro credito relativo all’Ex Fissa perchè non è stato loro mai comunicato nero su bianco con tanto di cifre, nè di firma del debitore del fondo Ex Fissa.

Hanno soltanto ricevuto una “una tantum” di 10 mila euro ciascuno (grazie al prestito di 12 milioni di euro concesso alcuni anni fa dall’Inpgi alla Fieg) e due rate del presunto ammontare maturato spettante a ciascuno.

Finora gli unici a conoscere il loro credito sono stati i giornalisti che nel corso della loro vita lavorativa hanno cambiato azienda dopo almeno 15 anni ininterrotti, maturando così il cosiddetto “accantonamento” presso l’Inpgi. Solo loro hanno a suo tempo ricevuto dall’Inpgi una lettera con l’ammontare della somma accantonata, salvo poi scoprire, purtroppo, che si trattava di un improprio accantonamento, vista la corrispondente assenza di denaro che – anche in tempi di vacche grasse – la Fieg non ha mai realmente messo da parte presso l’Inpgi, limitandosi solo ad indicare il relativo importo.
Peraltro la somma complessivamente dovuta ai 1.948 giornalisti creditori oscilla di continuo a seguito del cambiamento del tasso di interessi con effetto retroattivo come concordato tra Fieg e Fnsi negli accordi “segreti” dell’aprile scorso, svelati solo di recente da Puntoeacapo.

Come si può quindi pensare che entro il 31 dicembre tutti i creditori possano rispondere alla proposta di rinunciare ad una bella fetta dell’Ex Fissa se la stragrande loro maggioranza neppure conosce l’importo fino ad oggi a loro dovuto? Al momento sembra utopistico.

C’è poi da chiarire un altro punto di rilievo: il presunto 50 (o 45 o 40) per cento di decurtazione sarà al netto o al lordo della rata 2017? Facciamo un esempio pratico per far meglio capire di che si tratta.
Supponiamo che un collega pensionato debba ancora ricevere a saldo per Ex Fissa 110 mila euro e che entro il 15 dicembre 2017 avrebbe dovuto percepire una rata di 10 mila euro.

Questa rata sarà comunque pagata dal fondo e la proposta di concordato riguarderebbe solo la residua differenza, cioè 100 mila euro? O, invece, questa rata non sarà più pagata e la proposta di concordato riguarderebbe l’intero credito a oggi di 110 mila euro?

Non è forse necessaria un’immediata risposta della Fnsi su questo delicato punto, visto che nel suo comunicato si legge che entro il 31 gennaio 2018 verrà erogata la rata 2017 senza però precisare se ciò prescinde dalla decisione “volontaria” dei 1.948 colleghi di accettare una decurtazione?

A chi ci si deve poi rivolgere per avere dei chiarimenti: all’Inpgi, alla Fnsi o alla Fieg? E perchè la Fnsi fa le proposte? Non doveva essere, forse, la Fieg a doverle proporre e la Fnsi a dover trattare per i giornalisti in pensione dopo averli consultati? E che ci sta a fare l’Ungp – Unione Nazionale Giornalisti Pensionati? Non dovrebbe, forse, aiutare i colleghi a capire meglio?

E ancora: nella lettera non viene indicato a quanto ammonta il debito complessivo già maturato del fondo Ex Fissa Fieg. Supponiamo che fosse a oggi di 120 milioni di euro e che tutti i 1.948 giornalisti pensionati accettassero di ridurre il loro credito del 50%. La Fieg disporrebbe davvero di 60 milioni di euro da pagare in contanti entro il 31 gennaio 2018, visto che deve ancora rimborsare all’Inpgi gran parte del prestito concessogli anni fa di 12 milioni di euro? Se si verificasse tale ipotesi quanti milioni di euro perderebbe il fisco, tenendo conto che sull’Ex Fissa ogni giornalista si vede trattenere per l’Irpef a tassazione separata circa un terzo della somma da incassare?

E quali garanzie avrebbero, invece, i colleghi che accettassero il pagamento del 55% in tre anni o del 60% in cinque anni o del 100% al termine delle rate? Saranno, forse, emesse cambiali o altri titoli di credito equivalenti? Altrimenti che valore avrebbe questo loro ingente credito?

Un altro tema scottante sono gli interessi decurtati con effetto retroattivo dal debitore, cioè dalla Fieg, in base all’accordo dell’aprile scorso con la Fnsi. Ma quando mai si è visto che il creditore debba accettare questa decurtazione senza essere stato neppure consultato? E che valore ha, allora, questa decurtazione?

Se ne tiene conto nel “concordato” oppure no?

Infine come dovranno regolarsi quei colleghi, che di recente hanno acquistato una casa anche dell’Inpgi e contestualmente stipulato un mutuo bancario, fidandosi del puntuale pagamento a rate annuali dell’Ex Fissa? Chi li risarcirà del danno?

1 Commento "EX FISSA, FNSI ADDOSSA LE COLPE DEL SUO DISASTRO A CHI CHIEDE IL RISPETTO DI UN DIRITTO"

  1. Riceviamo dalla collega Marina Sbardella.
    Cari colleghi, pensionati e non…. pubblico il testo delle mie due lettere raccomandate di diffida inviate rispettivamente il 25 novembre e il 15 dicembre alla FNSI ALL’INPGI e alla FIEG. Esorto tutti a muoversi e a trovare un modo per costituirci in un gruppo che possa esercitare pressione afinche’ nostri diritti vengano salvaguardati.

    Lettera inviata il 15 dicembre:

    Faccio seguito alla lettera inviata in data 25 novembre 2017 per confermare che a tutt’oggi, 15 dicembre, non ho ricevuto alcuna risposta alla mia lettera raccomandata, ne’ ho ricevuto alcuna proposta da parte di INPGI, FNSI, FIEG relativa ad una presunta lettera di “concordato” avanzata dalla FIEG tramite la FNSI inerente la risoluzione anticipata e decurtata del credito che vanto sulla ex fissa. Lettera alla quale, a quanto si dice, si dovrebbe rispondere entro il 31 dicembre.

    Mi domando perchè la Fnsi ha tardato così tanto prima di far conoscere questa proposta? Questa lettera non poteva forse essere spedita dall’Inpgi a settembre, visto che la situazione di criticità del fondo Ex Fissa era già nota da tempo?

    Peraltro prima dir poter rispondere a un’importante e tranciante proposta di “concordato” con notevoli riflessi economici per i 1.948 giornalisti interessati, chiamati a pronunciarsi se rinunciare a decine di migliaia di euro e in certi casi anche a centinaia di migliaia di euro ciascuno, ritengo di avere il sacrosanto diritto di consultare un avvocato o un fiscalista per valutare ponderatamente i pro e i contro dell’offerta. Ma tra pochi giorni non è forse Natale? Non so quanti consulenti sarebbero disponibili nel pieno delle festività a rispondere alle mie richieste .

    Il fatto ancora più grave è che dopo sette anni di pensionamento ancora non conosco l’esatto ammontare del mio credito relativo all’Ex Fissa perchè non mi è stato volutamente mai comunicato, ne’ verbalmente ne’ nero su bianco, con tanto di cifre, nè di firma del debitore del fondo Ex Fissa. Nell’unica lettera ricevuta dall’INPGI mi viene comunicata una dilazione in 12 rate di un ammontare che, ritengo, dovrebbe contemplare anche il famoso 5 per cento di interessi di cui si parla nella lettera stessa.

    A tutt’oggi ho ricevuto una “una tantum” in data giugno 2015 e due rate del presunto ammontare maturato, in data dicembre 2015 e 2016.

    Finora gli unici a conoscere il loro credito sono stati i giornalisti che nel corso della loro vita lavorativa hanno cambiato azienda dopo almeno 15 anni ininterrotti, maturando così il cosiddetto “accantonamento” presso l’Inpgi. Solo loro hanno a suo tempo ricevuto dall’Inpgi una lettera con l’ammontare della somma accantonata, salvo poi scoprire, purtroppo, che si trattava di un improprio accantonamento, vista la corrispondente assenza di denaro che – anche in tempi di vacche grasse – la Fieg non ha mai realmente messo da parte presso l’Inpgi, limitandosi solo ad indicare il relativo importo.

    Peraltro la somma complessivamente dovuta ai 1.948 giornalisti creditori suppongo oscilli di continuo a seguito del cambiamento del tasso di interessi con effetto retroattivo come concordato tra Fieg e Fnsi negli accordi “segreti” dell’aprile scorso, svelati solo di recente da Puntoeacapo.

    Come si può quindi pensare che entro il 31 dicembre tutti i creditori possano rispondere alla proposta di rinunciare ad una bella fetta dell’Ex Fissa se la stragrande maggioranza neppure conosce l’importo fino ad oggi a loro dovuto? Al momento sembra utopistico.

    C’è poi da chiarire un altro punto di rilievo: il presunto 50 (o 45 o 40) per cento di decurtazione sarà al netto o al lordo della rata 2017? Facciamo un esempio pratico per far meglio capire di che si tratta.
    Supponiamo che la sottoscritta debba ancora ricevere a saldo per Ex Fissa 110 mila euro e che entro il 15 dicembre 2017 avrebbe dovuto percepire una rata di 10 mila euro. Questa rata sarà comunque pagata dal fondo e la proposta di concordato riguarderebbe solo la residua differenza, cioè 100 mila euro? O, invece, questa rata non sarà più pagata e la proposta di concordato riguarderebbe l’intero credito a oggi di 110 mila euro?

    Non è forse necessaria un’immediata risposta della Fnsi su questo delicato punto, visto che nel suo comunicato si legge che entro il 31 gennaio 2018 verrà erogata la rata 2017 senza però precisare se ciò prescinde dalla decisione “volontaria” dei 1.948 colleghi di accettare una decurtazione?

    A chi ci si deve poi rivolgere per avere dei chiarimenti: all’Inpgi, alla Fnsi o alla Fieg? E perchè la Fnsi fa le proposte? Non doveva essere, forse, la Fieg a doverle proporre e la Fnsi a dover trattare per i giornalisti in pensione dopo averli consultati? E che ci sta a fare l’Ungp – Unione Nazionale Giornalisti Pensionati? Non dovrebbe, forse, aiutare i colleghi a capire meglio?

    Un altro tema scottante sono gli interessi decurtati con effetto retroattivo dal debitore, cioè dalla Fieg, in base all’accordo dell’aprile scorso con la Fnsi. Ma quando mai si è visto che il creditore debba accettare questa decurtazione senza essere stato neppure consultato? E che valore ha, allora, questa decurtazione?

    Se ne tiene conto nel “concordato” oppure no?

    Tutto cio’ premesso, prima che spendiate soldi inutili per una lettera che non sia esaustiva e priva di qualsiasi valore legale

    VI DIFFIDO

    Ad inviarmi una qualsiasi lettera di “concordato” che a vostro parere dovrebbe avere valore di “ultimatum”,nella quale non figuri l’esatto ammontare del mio credito comprensivo di interessi, con la specifica degli interessi maturati fino ad oggi (5%) e gli eventuali successivi relativi alle tre proposte (decurtazione del 40 , 55 o 60 per cento). La Lettera dovra’ anche specificare se la rata di dicembre, posticipata a gennaio sara’ inclusa o no nell’eventuale concordato. Vi diffido inoltre ad inviarmi qualsiasi “ultimatum” temporale che non tenga conto dei tempi utili perche’ io possa consultare un avvocato e/o un fiscalista che mi possa illuminare, conti alla mano, della bontà di una decisione cosi’ importante.

    Distinti saluti

    Marina Sbardella
    Giornalista

    Da: marina.sbardella@pec.it [mailto:marina.sbardella@pec.it]
    Inviato: sabato 25 novembre 2017 22:00
    A: ‘posta@inpgi.it’ ; ‘marina.macelloni@ilsole24ore.com’ ; ‘direzione_generale@inpgi.it’ ; ‘mimma.iorio@inpgi.it’ ; ‘prestazioni@inpgi.it’ ; ‘segreteria.fnsi@fnsi.it’ ; ‘r.lorusso@repubblica.it’ ; ‘fieg@fieg.it’
    Cc: ‘dgprevidenza.div1@per.lavoro.gov.it’
    Oggetto: pagamento della rata 2017 della indennità ex fissa. Marina Sbardella pensionato INPGI
    Priorità: Alta

    La sottoscritta Marina Sbardella, giornalista pensionata dal 1° Aprile 2011, come altri mille novececento quarantasette giornalisti, vanta un credito di parecchie decine di migliaia di euro per la cosiddetta “ex fissa” che sarebbe dovuta essere pagata al momento stesso del pensionamento. Dopo circa quattro anni di attesa, proprio al momento in cui il credito finalmente avrebbe dovuto essere onorato dall’INPGI (ero arrivata al n. 30 della graduatoria), non e’ stata liquidata ed il credito e’ stato rateizzato e calendarizzato con pagamenti che dovrebbero avvenire nel mese di Dicembre di ogni anno.

    Nei mesi scorsi, e ancor più nelle scorse settimane, si sono diffuse voci, riportate anche da tutti i siti web di riferimento della nostra categoria, circa la presunta impossibilità dell’INPGI di pagare la rata di Dicembre 2017 per mancanza di fondi da parte della FIEG.
    Si vocifera inoltre che gli interessi sulla cifra del debito siano stati ridotti all’insaputa dei giornalisti e con effetto retroattivo.
    A rendere ancora più preoccupanti tali voci, è intervenuta la dichiarazione del Luglio scorso (ormai cinque mesi fa!) del Segretario Nazionale della FNSI secondo cui, se non fosse stata pagata la rata del 2017, il sindacato si sarebbe costituito a fianco dei giornalisti creditori nelle cause civili eventualmente da loro intentate per ottenere il pagamento della “ex fissa”. La stessa FNSI che si e’ costituita parte civile al fianco dell’INPGI nei confronti dei pensionati che chiedevano la liquidazione dell’ex fissa in unica soluzione al momento stesso del pensionamento.

    Tutto ciò premesso

    DIFFIDA

    L’INPGI, la FNSI e l’INPGI ad effettuare l’integrale pagamento dovuto nel mese di dicembre in base ai vigenti accordi senza alcuna arbitraria dilazione o riduzione.

    Rappresenta che in mancanza, agirà nei confronti dell’INPGI quale promittente nel contratto in favore di terzo che – come noto – prevede l’irrevocabilità dell’obbligazione assunta e di cui con la presente lettera dichiara voler profittare ai sensi dell’art. 1411 del codice di procedura civile. Agirà inoltre verso i vertici fi FIEG e FNSI per il risarcimento del danno collegato alla loro condotta omissiva e commissiva che ha condotto all’attuale incapienza.

    Distinti saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 2 =