EX FISSA, PERCHE’ DEVONO PREOCCUPARSI ANCHE I GIORNALISTI IN ATTIVITA’

La lettera raccomandata a firma Fieg/Fnsi spedita in questi giorni che sta angosciando durante le Festività natalizie circa duemila giornalisti pensionati di tutta Italia perché propone una drastica decurtazione del loro rilevante credito per la cosidetta Ex Fissa (che è una sorta di seconda liquidazione aggiuntiva al Tfr) non dovrebbe forse far scattare l’allarme anche tra i giovani ancora al lavoro e tra coloro con la valigia in mano pronti ad andare in pensione o in prepensionamento nel 2018?

Le loro mancate prese di posizione appaiono, purtroppo, significative di un certo clima di rassegnazione, o, peggio, quasi di disinteresse, come se l’Ex Fissa fosse stata già abolita.

Occorre, invece, che siano anch’essi dettagliatamente informati al più presto del serio rischio di non incassare più nulla per il Fondo Ex Fissa che appare sull’orlo del baratro con la cassa ridotta al lumicino.

Colleghi, sveglia! Fate bene i conti di quanto rischiate di perdere a vantaggio della Fieg e poi consapevolmente decidete il da farsi. Ma non arrendetevi in partenza senza combattere perché l’Ex Fissa vi riguarda, eccome se vi riguarda!

Venerdì 29 dicembre alle 10,30 in piazza della Torretta 36 è in programma all’Associazione Stampa Romana un’assemblea aperta a tutti, che si annuncia infuocata, indetta dal presidente del Gruppo Romano Giornalisti Pensionati Romano Bartoloni.

I pensionati del Lazio esamineranno nei minimi dettagli la lettera aut aut spedita da Fieg e Fnsi con le proposte ultimative in essa contenute prima di dare una risposta per e mail consapevole e possibilmente condivisa dalla maggioranza dei partecipanti alla riunione.

Alla vigilia sembra, tuttavia, prevalere l’idea di rispondere con una lettera interlocutoria in cui condizionare l’eventuale accettazione della decurtazione del 50% all’indicazione dettagliata per ogni pensionato dell’esatto credito maturato ad oggi, comprensivo di interessi, e la tempistica del suo eventuale pagamento entro precise e improrogabili scadenze.

Come è noto l’Inpgi in tutta questa vicenda non c’entra per nulla, perché funge solo da gestore e mero esecutore degli accordi intervenuti tra le Parti Sociali, cioè tra Fieg e Fnsi, firmatarie della lettera informativa/ultimatum/sondaggio.

E’ solo a loro che occorre quindi rivolgersi per avere chiarimenti, spiegazioni e rassicurazioni.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici − 4 =