EX FISSA, NASCE UN COMITATO. “SOSPENSIONE DEI TERMINI E INCONTRO IMMEDIATO”

Un Comitato di giornalisti contro la gestione scandalosa della indennità Ex Fissa. Si è costituito il 29 dicembre 2017 al termine di una affollatissima riunione svoltasi nella sede di Stampa Romana. Chiesto un incontro immediato con i legali rappresentanti del Fondo.

E’ stata dunque avviata una iniziativa coordinata sul pasticciaccio della Ex Fissa, sulle ambigue lettere ultimatum prive di garanzie e di certezze, inviate (non ancora a tutti) dalla fantomatica commissione paritetica gestione liquidatoria Ex Fissa e sulle fughe dalle responsabilità degli esponenti di Inpgi e di Fnsi.

Il Comitato Diritto Ex Fissa, come primo atto, rivendica incontri di chiarimenti nel segno della correttezza, della trasparenza e del rispetto della dignità degli aventi diritto.

La lettera inviata alla Commissione paritetica Fieg-Fnsi, a INPGI, FNSI, FIEG, oltre a chiedere un incontro, sollecita anche “l’immediata sospensione del termine del 31 dicembre 2017 richiesto dalla Commissione paritetica gestione liquidatoria Ex Fissa e il rinvio al 31 gennaio 2018 della scadenza annunciata, come proposto dal segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso”.

“Cogliamo l’occasione per comunicarvi che almeno la metà dei pensionati aventi diritto alla Ex Fissa non ha ricevuto, ad oggi, alcuna lettera di informazione sulla procedura prevista. Inoltre si fa presente che non è stato comunicato l’importo reale del credito (comprensivo degli interessi) al quale ognuno ha diritto”.

Per il Comitato Diritto Ex Fissa: De Angelis Massimo, Di Mizio Paolo, Mauro Silvia, Pepe Guglielmo, Sbardella Marina, Topi Maria Novella, Trentin Antonella, Virdò Angela. Referente: Romano Bartoloni, presidente Gruppo romano giornalisti pensionati, r.bartoloni@tin.it. Corso Vittorio 349 00184 ROMA

5 Commenti "EX FISSA, NASCE UN COMITATO. “SOSPENSIONE DEI TERMINI E INCONTRO IMMEDIATO”"

  1. Angelo Bocconetti | 29 dicembre 2017 ore 16:59 | Rispondi

    Di qualunque cosa abbia bisogno Romano, basta un fischio ed accorro.

  2. Francesco La Spina | 30 dicembre 2017 ore 9:35 | Rispondi

    Mi associo alla iniziativa. Visto che la associazione ligure non si è mossa sulla vicenda sono pronto a seguire gli sviluppi. Spero che anche i nordisti siano ben accetti dai colleghi romani.

  3. VINCENZO OLIVERI | 30 dicembre 2017 ore 11:02 | Rispondi

    Avanti così- Questa storia della lettera è una furbata, visto che nel periodo natalizio è molto probabile che qualcuno, se non molti, finisca per non riceverla in quanto fuori sede. Così “salterà” il termine del 31 dicembre e… ciccia! E poi voglio sapere chi ha gestito il fondo in questi anni? Nessuno ha avuto solo la percezione che il meccanismo non funzionava? Adesso a pagarne il conto debbono essere solo chi ha diritto a quei soldi?

  4. Propongo class action contro enti inpgi fieg fnsi e relative persone fisiche che li hanno gestiti dal 1995 a oggi, piu editori di ciascun giornalista coinvolto e relativo responsabile.
    In aggiunta studiare se esistono estremi per denuncia penale ed eventuale costituzione di parte civile nei confronti di tutti o parte dei soggetti suddetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × cinque =