EX FISSA, DOMANDE E RISPOSTE SU UNO SCANDALO CHE CHIAMA L’OLIGARCHIA FNSI-FIEG

Domande e risposte sulla ex fissa. Per ristabilire verità e responsabilità.

E’ vero che il fondo Ex Fissa è sempre stato in crisi?

La vera crisi di questo istituto contrattuale nasce all’alba di questo decennio a causa delle scelte scellerate della Federazione nazionale della stampa. Stiamo parlando comunque di un fondo contrattuale che aveva vivacchiato a causa degli squilibri strutturali che consentivano forzature come il pagamento della doppia, della tripla e a volta della quadrupla fissa, calcolato rigorosamente sull’ultima retribuzione. I vertici della Fnsi fin dall’inizio del secolo conoscevano i gravi limiti del fondo, ma si sono ben guardati di riformarlo in maniera equa nel corso di almeno due rinnovazioni contrattuali, quella del 2001 e quella del 2009. Chi è responsabile di questo fallimento – la Fnsi e la Fieg – non può oggi far ricadere queste responsabilità storiche su chi ha diritto a un credito.

Perché scoppia il caso, con i ritardi nei pagamenti e l’aumento esponenziale del debito?

Nel 2009, sotto la gestione Siddi, viene firmato il contratto che spalanca le porte agli stati di crisi indiscriminati. Centinaia e centinaia di prepensionati si riversano fuori dal mercato del lavoro. Lo squilibrio del fondo diventa incontrollato. Si verificano vantaggi giganteschi per gli editori (condivisi da tutti coloro che solo ora si stracciano le vesti sui conti dell’Inpgi e della Casagit) cui non fanno da contrappeso in nessun modo né garanzie per l’Istituto di previdenza né – per restare all’Ex Fissa – un semplice meccanismo di aumento progressivo delle aliquote a carico dei datori di lavoro per tenere in equilibrio un istituto contrattuale che era nato con il nobile intento di tutelare la libertà economica dei giornalisti.

Come sono stati modificati gli accordi sul fondo nel 2014?

In occasione del rinnovo contrattuale del 2014 sembra di assistere a un fallimento programmato: il classico caso di chi porta alla decozione un bene in modo da poterlo fortemente annullare al giro successivo. Con oltre 1.000 giornalisti in lista di attesa per anni, la stessa maggioranza Fnsi – invece di mettere gli editori di fronte alle proprie responsabilità e alla presa di coscienza dei mostruosi vantaggi ottenuti con l’abbattimento del costo del lavoro – scava la fossa ai diritti. Risultato: prestazioni abbattute a un massimo di 65.000 euro, rateazioni fino a 16 anni, diritti negati a molti giornalisti in attività che si sono visti danneggiati e anche beffati per il fatto di dover contribuire a tenere in piedi un fondo che li avrebbe ricompensati (forse) con pochi spiccioli o (probabilmente) neanche con un euro.

Che cosa è accaduto dal 2014 a oggi?

Questa domanda ne suscita altre, inquietanti. Dopo avere indebolito il malato, il prossimo passo è quello di ucciderlo. A che cosa se non a questo mirano gli accordi segreti di un debitore che unilateralmente riduce i diritti del creditore? E a che cosa mira davvero la manovra che offre la rottamazione del credito, una rottamazione che potrebbe costare anche oltre 50 milioni di euro? Dove si andrebbero a trovare tutti questi soldi, visto che non ci sono soldi sufficienti per pagare la rata programmata per dicembre 2017?

Che cosa dicono i vertici della Fnsi di questa situazione?

Istigano lo scontro generazionale tra attivi e pensionati, parlano di privilegi riservati a questi ultimi, dimenticando di essere storicamente e attualmente gli unici responsabili del grave squilibrio finanziario di questo fondo. Utilizzano segretamente la carta Ex Fissa per giocarsi qualche due di briscola sul tavolo del nuovo contratto di lavoro. Un tavolo dove sanno già che, nella migliore delle ipotesi, porteranno a casa la permanenza delle attuali norme, visto che gli editori vogliono tagliare pesantemente permessi, festivi, domenicali. E portare a termine l’opera di distruzione del contratto. Giocare sulla pelle di chi attende da anni il pagamento della Ex Fissa è dunque una carta di scambio che la Fnsi vuole giocarsi con gli editori. Ma rischia di ritrovarsi con un pugno di mosche.

Che cosa possono fare realisticamente gli aventi diritto?

Dopo la vergognosa lettera di dicembre, è nato un comitato spontaneo Diritto Ex Fissa, che si propone di difendere i diritti di chi aspetta anche da sette anni la Ex Fissa. Il comitato è formato da persone di buona volontà che si sono riunite spontaneamente e che ora stanno studiando le mosse più adeguate per opporsi all’attuale stato di cose. Con una premessa: la sezione Lavoro del Tribunale civile di Roma sta bastonando da mesi i giornalisti che osano opporsi allo status quo imposto da Fnsi e Inpgi. A volte condannando al pagamento di pesanti spese. Sarebbe interessante sapere se questi pronunciamenti sono frutto di indirizzi giuridici precisi e raffinatissimi. Ma questo è un altro discorso. Il comitato manifesterà in occasione della riunione della commissione paritetica Fnsi-Fieg, in programma il 10 gennaio, e nel frattempo cercherà le risposte più giuste, eventualmente coinvolgendo la politica (ingenti i finanziamenti ricevuti nel 2017 dagli editori in cambio di nessun impegno sul piano occupazionale) e se necessario anche la magistratura. Con la fiducia che è giusto riporre nelle istituzioni, visto che così poca se non inesistente si può concedere alle parti sociali.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 − otto =