INPGI, BLOCCO PEREQUAZIONE, PRELIEVO FORZOSO, EX FISSA: I TRE FRONTI DEI PENSIONATI

 

di Salvatore Rotondo*

Le pensioni negli ultimi anni stanno subendo una serie incessante di spietate offensive. Sotto attacco quelle future, con l’innalzamento dell’età pensionistica, e martellati su più fronti i pensionati già in quiescenza.

A nove giorni dalla scadenza per aderire al ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (Cedu) contro il blocco della perequazione è utile fare ordine.

BLOCCO DELLA PEREQUAZIONE NEGLI ANNI 2012 E 2013

Diciassettemila pensionati, 170 dei quali Inpgi, hanno fatto ricorso ai giudici del lavoro di competenza territoriale con lo Studio Legale Frisani di Firenze. Altre migliaia in tutta Italia con altri studi legali. Tutti i tribunali hanno sospeso il giudizio inviando i fascicoli alla Corte Costituzionale. Che ci ha dato torto. Ora c’è la possibilità di fare ricorso alla Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo. Il ricorso costa per chi aveva già fatto il primo con Frisani 190,32 euro.

La pratica dovrà essere compilata e spedita ENTRO LA FINE DI QUESTO MESE seguendo con molta attenzione e precisioni le indicazioni del sito rimborsopensioni.it. L’avvocato Frisani (per correttezza nei confronti degli altri studi legali) non accetta l’incarico da chi ha fatto il primo ricorso con altri avvocati.

Chi si fosse limitato a inviare la diffida all’Inpgi per interrompere la prescrizione entro il 31/12/2016, può aderire al ricorso a Strasburgo pagando una somma superiore: 317,20 euro. Se si vincerà bisognerà corrispondere il 10% della somma ottenuta, una volta che ci sia stata versata, a rimborsopensioni.it Ma ATTENZIONE, la sentenza ci sarà tra circa tre anni e NON varrà erga omnes. Varrà solo per chi ha fatto il ricorso. Se Strasburgo ci darà torto non ci saranno altre possibilità.

Le somme versate a titolo di rimborso ai pensionati non sarebbero a carico dell’Inpgi, ma dello Stato. Sarebbero esentasse e spettanti agli eventuali eredi. Non ci saranno, in caso di sconfitta, ulteriori spese legali. Il Cedu non lo prevede.

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’

Contro questo prelievo mensile forzoso dalle nostre pensioni, operato dall’Inpgi con una decisione amministrativa illegale, Demetrio De Stefano, Liliana Madeo e l’autore di questa nota informativa, a nome di tutti gli altri pensionati Inpgi, hanno fatto un ricorso al Tar del Lazio. Presentato dagli avvocati Alfonso Amoroso e Carlo Guglielmi. Per sostenere economicamente il ricorso 524 colleghi hanno offerto il loro contributo. Il totale raccolto supera i 26.200 euro e garantisce la copertura di tutte le spese legali davanti al tribunale amministrativo e per l’eventuale oneroso appello al Consiglio di Stato. La decisione del Tar verrà resa nota nell’udienza del prossimo 20 febbraio. La sentenza varrà erga omnes, quindi per tutti i pensionati Inpgi. La somma che dovesse avanzare verrà data in beneficenza. Se anche il Consiglio di Stato dovesse darci torto non rimarrebbero che la cause individuali presso le sezioni di ciascuna città dei giudici del lavoro.

EX FISSA

Fnsi, Fieg e Inpgi hanno sottoposto i 1948 colleghi che non hanno avuto il pagamento della ex fissa alla difficile scelta di rinunciare o meno ad una parte della spettanza in cambio di vaghe garanzie. La materia è di tale complessità giuridica da essere difficilmente comprensibile anche per i colleghi più preparati. Per darsi reciprocamente una mano a districare questa ingarbugliata matassa a fine 2017 si è costituito un Comitato Diritto ex Fissa che sta operando con grande intelligenza con incontri esplorativi con le controparti. Il Comitato sta raccogliendo adesioni nominative e un contributo economico per le spese. Si può fare riferimento all’indirizzo di posta dirittoexfissa@gmail.com.

* Comitato Giornalisti No Prelievo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × 2 =