EX FISSA, INPGI NON ESCLUDE UN PRESTITO ALLA FIEG. LA FNSI APRE LO SPORTELLO PER I CREDITORI

“L’istituto c’è, e c’è sempre stato. A maggior ragione in un momento di emergenza sociale come questo. Dunque, pur nei limiti delle sue possibilità, Inpgi farà la sua parte sulla questione della ex fissa”.

Nel giorno in cui la Fnsi apre il suo sportello per i creditori, Via Nizza ipotizza una strada per il futuro dei duemila pensionati dell’ex fissa e lo fa per bocca della sua presidente Marina Macelloni che, a conclusione del Consiglio di amministrazione del 31 gennaio ha annunciato la schiarita che potrebbe venire da un nuovo prestito dell’Istituto di previdenza. Un prestito che, si è capito, non sarebbe dell’intera tranche (23 milioni) congelata in passato dopo presunti veti dei ministeri di fronte alle difficoltà economiche dell’ente e alla mancanza di garanzie di sopravvivenza del Fondo ex fissa. E neppure a tempo indeterminato. Ma tale da fornire la liquidità necessaria a breve.

Come mai questa correzione di rotta? Ora le cose sono cambiate, fa capire Macelloni, che dopo molte polemiche con FNSI per le implicite critiche alla macchina organizzativa di via Nizza dei giorni scorsi, stamattina ha ringraziato le parti sociali “che si mostrano vicine a trovare una soluzione positiva per l’ex fissa. Va detto subito che se c’è una soluzione strutturale, potenzialmente definitiva, un’ipotesi di percorso sano (per risollevare il Fondo ndr), Inpgi, sulla scorta delle risposte dell’attuario, potrà esaminare le proposte” e dunque non far mancare il suo aiuto.

Il “percorso sano”, ipoteticamente capace di rimettere in ordine i conti del Fondo ex fissa, è evidentemente quello della rinuncia a una parte del credito proposto nei giorni scorsi dalla Commissione paritetica FIEG-Fnsi, verso cui hanno dichiarato interesse oltre mille colleghi interpellati con la lettera di Natale inviata a tutti gli aventi diritto.

Naturalmente è confortante che Inpgi consideri virtuoso un percorso che finora ha sollevato tra i colleghi non poche perplessità per la sua incongruenza, le sue contraddizioni, affermazioni e smentite che hanno contraddistinto quest’ultimo mese. Ci sono elementi dai quali si attendono ulteriori esiti positivi? Non è chiaro.

Di certo si sa che molti pensionati, sballottati tra aut aut e informazioni tutt’altro che rassicuranti, hanno deciso di formare un Comitato per il diritto ex fissa, dota dosi anche di assistenza legale. Il consigliere di Inpgi Futuro Carlo Chianura ha ricordato nel suo interventoo che “le cifre che mancano all’appello ballano tra i 140 e i 150 milioni. Il tema ex fissa è stato il convitato di pietra in questa consiliatura anche sul fronte della comunicazione”.

È la prima volta dalla sua elezione, nella primavera del 2016, che la presidente offre al Cda una panoramica tanto ampia dell’argomento. Anzi. Finora le domande di chiarimento poste da Inpgi futuro non avevano mai trovato risposta. Ora apprendiamo che già un anno fa Macelloni aveva segnalato “alle parti sociali che la scarsa provvista del Fondo difficilmente consentirà di pagare la rate ex fissa del 2017”.

Ma proprio in questi giorni si sono aperti nuovi fronti, molto pericolosi per Inpgi. Una sentenza della Corte d’Appello di Roma il 30 gennaio ha dato ragione al giornalista Giancarlo Minicucci, condannando Inpgi al pagamento dell’intera ex fissa dovutagli da anni e l’Inpgi e la FNSI (che si era costituita parte civile contro il collega) alla liquidazione delle spese processuali.

Ora “c’è preoccupazione – ha osservato Chianura. – Il timore è che l’Istituto sia tirato in questo vortice”. Un vortice che nel profondo rosso degli attuali bilanci, Inpgi non sarebbe in grado di sostenere. Macelloni ha commentato che via Nizza ha l’unico ruolo di gestore del Fondo, ma nessuna competenza sulla regolazione dei flussi che lo alimentano. Per questo ricorrerà in Cassazione sperando anche, ha detto la direttrice generale Mimma Iorio, nelle sentenze che in 74 casi su 79 hanno dato ragione all’istituto.

Tutta da verificare infine l’efficacia dello sportello aperto dalla Fnsi a partire da domani. Notiamo due particolarità: si precisa che le comunicazioni sull’importo lordo finale avverranno solo telefonicamente e non per iscritto: inoltre – pur precisando che non ci sono obblighi per chi manifesta nuovamente il proprio interesse – si chiede imprescindibilmente in copia il documento di identità. Mhm…

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + 16 =