EX FISSA, ORA LA FNSI ANTICIPA ANCHE LE DELIBERE DELL’INPGI. NON E’ MEGLIO SE FA I CONTRATTI?

La vicenda della ex fissa non finisce di proporre sorprese e colpi di scena.

La parte del protagonista (vedremo se nella parte del buono o del cattivo) la sta facendo di sicuro la Fnsi. Lo squillo di tromba lo dette un comunicato congiunto del 12 gennaio con l’Unione pensionati nel quale in buona sostanza si dirigeva il cannoncino verso via Nizza, sede dell’Inpgi, accusata di scarsa trasparenza nella gestione delle informazioni ai duemila giornalisti da anni in attesa dei loro soldi.

Una novità fatta passare come un supporto all’Inpgi, che peraltro ha già uno staff di funzionari molto esperti e molto capaci che svolgono questo lavoro. I vertici di via Nizza si sentirono sotto accusa come se la propria macchina organizzativa non fosse all’altezza della situazione o avesse commesso errori.

La cosa non piacque al quarto piano dell’istituto di previdenza soprattutto perché fu chiaro definitivamente che l’errore capitale dell’Inpgi era stato negli anni Novanta e anche in seguito quello di avere accettato di gestire il Fondo, sottoponendosi per di più al rischio che la giurisprudenza maturasse l’idea definitiva che il soggetto debitore fosse e sia proprio l’istituto. Con il risultato finale di caricare sui disastrosi bilanci altri 140-150 milioni. Un colpo potenzialmente mortale.

Ma quel comunicato del 12 gennaio era solo un antipasto. Incontrando il comitato spontaneo di giornalisti Diritto Ex Fissa, che ha il merito di avere acceso un altro faro sulla storia di un debitore che vuole dettare le sue regole ai creditori, il segretario della Fnsi pronuncia parole gravi e però illuminanti. Lorusso dice che non risulta dagli atti che la Federazione abbia preso in passato “iniziative di sorveglianza della liquidità della gestione” del Fondo ex fissa, così come prevedeva la Convenzione stipulata con la Fieg nel 1994.

Un’accusa gravissima da parte del segretario nei confronti di chi lo ha preceduto alla guida della Fnsi dal 1994 al 2015, ovvero Franco Siddi e Paolo Serventi Longhi (per tacere dei presidenti Lorenzo Del Boca, Roberto Natale e Giovanni Rossi).

Il Re è nudo, avranno pensato speranzosi e ingenui alcune migliaia di giornalisti. Finalmente si dicono le cose come stanno. Finalmente le responsabilità emergeranno da un sano conflitto di interessi e di ruoli. Niente di tutto questo, naturalmente. Il potere è un collante straordinario, come si è visto qualche giorno dopo durante il consiglio di amministrazione dell’Inpgi. Quando, invece di dirsi indignata per l’iniziativa unilaterale della Fnsi che annunciava uno sportello (non autorizzato) per gli aventi diritto, la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni ha anticipato né più né meno che l’istituto ha cambiato idea dopo un paio di anni e che erogherà un prestito prima negato per aiutare gli editori a pagare il loro debito adeguatamente dimezzato e la Fnsi a tirarsi d’impaccio con un bel po’ di giornalisti incazzati. Nessuno strascico visibile di polemiche, neanche con quel Serventi primo firmatario dell’accordo ex fissa e attuale consigliere di amministrazione Inpgi: si saranno chiariti prima.

Per farla breve, e arriviamo al comunicato del 15 febbraio, la Fnsi si sente in diritto di fare le seguenti cose:

  • a) apre uno sportello per gli aventi diritto alla ex fissa che vogliono aderire alla transazione;
  • b) fornisce, solo telefonicamente, agli aventi diritto che hanno invece invato un modulo scritto con tanto di documento di identità il quadro della situazione creditoria: capitale iniziale, capitale dimezzato, eccetera;
  • c) per farlo ottiene dall’Inpgi i dati personali di ciascuno dei creditori, non si sa in base a quali norme che regolano la privacy (materiale per il Garante?);
  • d) per il pagamento di una parte del debito annuncia il via libera all’utilizzo di quel Fondo chiamato Allegato O del contratto che prevede un utilizzo per i fini sociali ma che accumula anche soldi derivanti dalla “tassa” sui prepensionamenti dal 2009 a carico delle aziende. Tutto regolare?;
  • e) annuncia che “nel mese di marzo” il Cda dell’Inpgi erogherà il famoso prestito in modo da pagare entro marzo le prime transazioni.

Un attivismo come si vede che sfocia nella disinvoltura a proposito del rispetto dei ruoli. Una Fnsi che si sente padrona di tutto, anche delle delibere Inpgi sconosciute agli stessi amministratori. Chiediamo alla presidente Macelloni: ma non si sente sminuita da questa arroganza?

Chissà, forse no. Il modello è sempre lo stesso: il sindacato come cinghia di trasmissione del potere. Un potere che però, tragicamente, si esaurisce quando invece avrebbe titolo legittimo di esprimersi, vale a dire nel rapporto con gli editori se si tratta di rinnovare un contratto, o con la politica se si tratta di rivendicare qualcosa che vada oltre un generico comunicato di protesta.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × 2 =