GIORNALISTI, IL MONOLOGO SENZA DOMANDE DELLA FNSI SUL CONTRATTO PERDUTO

di Gianni Dragoni*

Non si vede la luce per il nuovo contratto collettivo di lavoro dei giornalisti. Il contratto Fieg-Fnsi è scaduto da quasi due anni, il 31 marzo 2016. Nulla si sa dello stato delle trattative per il rinnovo. Ci sono troppi silenzi.

Intanto gli editori proseguono nelle ristrutturazioni, nei tagli, nei prepensionamenti, nella cassa integrazione, nell’ampliamento del ricorso al lavoro precario e sottopagato.

Siamo andati ad ascoltare il confronto sul contratto di lavoro giornalistico organizzato il 20 febbraio dall’Associazione Stampa romana, che ha invitato sindacalisti di settore, le parti sociali, politici, giuristi. Dall’intervento del segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, non abbiamo avuto informazioni rassicuranti.

Ecco quello che ha detto Lorusso: “La contrattazione deve riprendere il filo del discorso dopo anni in cui il leitmotiv è stato quello dei tagli. Non siamo in una vacanza contrattuale perché è stato deciso di prorogare il contratto finché non ce ne sarà uno nuovo. Con la controparte non è che ci siano grandissime divergenze. Questo settore soffre, in Italia e anche all’estero, la difficoltà è rimettere in moto i fatturati. Quello su cui divergiamo è la terapia. Fieg dice, prendendo spunto dal fatto che oggi si parla molto di algoritmo, che bisogna tornare a sviluppare l’algoritmo della qualità. Su questo siamo d’accordo, ma diciamo che finora gli editori sono stati in grado di sviluppare solo l’algoritmo della precarietà. Il quadro generale deve prevedere l’estensione dei diritti anche a coloro che oggi ne sono esclusi. Bisogna ripartire dal lavoro. Non parliamo di nuova occupazione, ma dell’occupazione che c’è già, di 3.000 persone che fanno un lavoro tutti i giorni, esercitano già la professione, ma non hanno le tutele previste da questo contratto”.

Quindi Lorusso ha parlato dei co.co.co, contratti usati per mascherare lavoro dipendente ma a costi più bassi. “Siamo insoddisfatti di quello che ha fatto il Parlamento in questi anni: non ha cancellato il carcere per il reato di diffamazione, non ha introdotto le sanzioni per le liti temerarie, non ha cancellato i co.co.co. Con i deputati Verini e Ginefra abbiamo cercato di abolirli, non li usa più nessuno, li usano solo giornalisti e infermieri. Verini, che ha parlato prima di me, ha detto che l’emendamento che ha fatto saltare l’abolizione dei co.co.co. è arrivato alle 4 di mattina, ed è stato presentato da esponenti del governo”.

Poi la rissa tra agenzie di stampa per i contributi pubblici. “C’è il problema delle agenzie di stampa. C’è un’agenzia – ha detto Lorusso – che è rimasta fuori da tutti i lotti, che minaccia di portare i libri in tribunale, è Askanews. Ce ne sono altre due che si contendono un lotto e questo potrebbe portare a una fase di incertezza”.

Infine i prepensionamenti. “Dal 2014 a oggi questo governo ha stanziato 188 milioni per i cosiddetti prepensionamenti: 120 milioni nel 2014, 23 milioni a fine 2016, 45 milioni la legge di stabilità 2017 per il 2018. Sono stanziamenti per accompagnare all’uscita numerosi colleghi in aziende in difficoltà. Noi – ha affermato Lorusso – non contestiamo questo, abbiamo riconosciuto la fase di difficoltà delle aziende, ma contestiamo il fatto che il governo non abbia preteso l’impegno delle aziende per la politica del lavoro e la lotta al precariato”.

In conclusione, secondo Lorusso, “questa divergenza di vedute potrà portare a una nuova forma di contrapposizione pubblica. Si sta sostituendo sempre più il lavoro regolare con lavoro precario e irregolare. Questo non può produrre informazione di qualità”.

Ognuno potrà fare la sua valutazione sulle parole del segretario del sindacato dei giornalisti. Qui facciamo solo alcune nostre osservazioni.

La prima è che nel “confronto” presso Stampa Romana non c’è stata la possibilità di rivolgere neppure una mezza domanda al segretario della Fnsi, perché appena finito l’intervento Lorusso se n’è andato, adducendo “altri impegni alla Fieg, per una vertenza di un gruppo editoriale”. Se Lorusso fosse rimasto, gli avremmo chiesto di dar conto anche di quello che sta avvenendo con la Ex fissa, una prestazione già dovuta a quasi 2mila giornalisti che la Fieg ha deciso di rottamare, con il sostanziale beneplacito della Fnsi, con la recente “letterina di Natale” che punta a dimezzare il credito residuo dei giornalisti e a non pagare gli interessi sul debito. Lorusso non ha detto una parola su questo argomento.

L’altra osservazione è sui precari. Siamo d’accordo che i diritti e le tutele vanno estesi ai precari. A Lorusso diciamo che la lamentela sulla mancanza di assunzioni nelle aziende editoriali per sostituire i colleghi che escono (e non soltanto con i prepensionamenti, ma anche con i pensionamenti o con uscite “volontarie”) dovrebbe rivolgerla agli editori, non venirla a raccontare ai giornalisti. Se poi Lorusso è contento dei prepensionamenti, come sembra di capire dalle sue parole, ricordiamo che i prepensionamenti sono aiuti pubblici dati alle aziende editoriali (alcune che ne hanno beneficiato in maniera massiccia fanno lauti profitti, tra le altre qualcuna addirittura è oggetto di indagini penali per l’accusa di falso in bilancio) e che il sindacato dovrebbe battersi per ottenere almeno un nuovo assunto per ogni giornalista uscito, non importa che sia prepensionato o pensionato. Un assunto giovane che costerebbe meno di un quarto del collega più anziano in uscita. Invece ricordiamo che l’unico obbligo di legge, imposto con la modifica della legge 416, è quello di assumere un giornalista ogni tre prepensionati.

Ogni assunzione in meno rappresenta uno sfruttato in più nelle redazioni piccole e grandi, che continuano a produrre volumi enormi di informazione via web, via carta, via radio-tv: nel silenzio dei Cdr, delle associazioni regionali e naturalmente della Fnsi. Una pratica suicida che ha causato il dissesto degli enti di categoria.

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, commissione Bilancio

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 − uno =