INPGI. NO PRELIEVO, PRIMO ROUND: COMPETENTE IL TAR. NELLE PROSSIME SETTIMANE IL VERDETTO

Comitato NoPrelievo

Ora, per la sentenza e le relative motivazioni, bisognerà attendere qualche tempo: forse un paio di mesi.

Ma l’andamento della udienza pubblica in cui, il 20 febbraio, al Tar del Lazio (sezione Terza Bis) si sono discussi in sede unificata i ricorsi relativi al “contributo di solidarietà”, o meglio prelievo forzoso, deciso dall’Inpgi, senza una copertura legislativa, sulle pensioni superiori ai 38 mila euro, consente di guardare alla vicenda con un moderato ottimismo.

Appare infatti presumibilmente risolto in maniera positiva quello che si presentava come il primo, e pregiudiziale, problema di questa vertenza: lo scoglio della giurisdizione, cioè della competenza o meno del Tribunale Amministrativo a decidere in materia. Lo fa ritenere l’attenzione manifestata, nella udienza pubblica, dal Collegio giudicante ad ogni aspetto della materia, più volte dichiarata un “problema difficile” ma allo stesso tempo di “particolare interesse” da parte del presidente del Collegio. Tra l’altro, lo stesso presidente non ha neppure invitato gli avvocati a discutere la questione, che quindi è da ritenersi presumibilmente superata.

Resta, ovviamente, tema del tutto aperto che cosa i giudici decideranno nel merito sui ricorsi paralleli al Tar, uno dei quali presentato dagli avvocati Alfonso Amoroso e Carlo Guglielmi, per Demetrio De Stefano, Liliana Madeo e Salvatore Rotondo, del Comitato NoPrelievo.

Bisognerà aspettare ancora qualche tempo: i 15 e i 90 giorni. Dopo la Camera di consiglio, dove il collegio definisce la decisione, la sentenza – pronunciamento e motivazioni – dovrà infatti essere messa nera su bianco dal giudice estensore, con un lavoro che necessariamente richiede il suo tempo.

Dal momento poi in cui verrà depositata la sentenza, le parti avranno 60 giorni per presentare un eventuale ricorso al Consiglio di Stato: ricorso che, naturalmente, appare comunque piuttosto scontato. Un percorso lungo, dunque: ma il primo giro di boa sembra superato.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × uno =