INPGI, SOLDI AL SINDACATO: ALTRI 2,5 MILIONI, ANCHE DI CHI NON E’ ISCRITTO

Due milioni quattrocentoquarantaduemila cinquecentouno euro. E’ la somma che è stata assegnata dal Cda dell’Inpgi per il 2018 alle associazioni regionali della stampa e alla Fnsi a titolo di “prestazioni rese” agli iscritti all’istituto. Iscritti o no al sindacato. Paola Cascella e Carlo Chianura, i due consiglieri di Inpgi Futuro, hanno votato contro.

Intervenendo in consiglio, Chianura ha fatto osservare che anche quest’anno, come il 15 marzo 2017, ai consiglieri non sono stati forniti neanche in visione, e neanche in corso di Cda, i rendiconti sulle somme effettivamente spese dalle associazioni. Anche solo per questo motivo, per non potere cioè esprimere un parere consapevole e documentato, il voto non poteva che essere contrario.

Il portavoce di Puntoeacapo è poi entrato nel merito del promemoria consegnato ai consiglieri, unico documento utile per valutare il provvedimento. Nel promemoria è scritto che dall’esame delle rendicontazioni “è risultato che le somme erogate dall’Inpgi sono effettivamente rispondenti ai costi sostenuti dalle associazioni” per gestire gli uffici di corrispondenza.

Chianura ha chiesto come sia possibile sostenere una tesi del genere, visto che la rendicontazione è richiesta dal solo istituto di previdenza e non anche dalla Casagit, che nella maggior parte dei casi svolge il proprio compito di assistenza degli iscritti negli stessi locali e con lo stesso personale impiegato per l’Inpgi. Non si può affermare – per esempio – che il costo del lavoro sia imputato per due volte sullo stesso lavoratore, ma allo stato delle cose non si può neanche escludere.

Sia la presidente Marina Macelloni che il direttore generale Mimma Iorio hanno fatto notare che questa circostanza non mette in discussione la regolarità del conteggio relativo al costo del lavoro, poiché fotografa la reale situazione della prestazione oraria fornita in favore degli iscritti all’Inpgi. Il consigliere di Inpgi Futuro ha osservato che, per quanto sia corretto in linea teorica, questo ragionamento si scontra con l’evidenza dei fatti, giacché dalle ultime rendicontazioni conosciute spesso traspare una valutazione del costo del lavoro molto alta in rapporto alle prestazione fornite, come Puntoeacapo ha dimostrato in una lunga inchiesta. (Vedi la prima, la seconda e la terza puntata)

Pur volendo tralasciare la circostanza che questo servizio agli iscritti Inpgi continua a essere svolto in regime di monopolio, Chianura a questo punto ha svolto considerazioni su come l’Istituto della previdenza sociale gestisca il sistema dei patronati.

Per ogni pratica conclusa positivamente, ai patronati viene assegnato un determinato punteggio. Per esempio, 6 punti per la pensione di vecchiaia, 1 punto per l’indennità di accompagnamento, 5 punti per una pensione di invalidità, e così via. A ogni punto corrisponde una indennità lorda di 50 euro. Il compenso viene riconosciuto ai singoli patronati solo in seguito a una ispezione annuale dell’Inps.

Chianura ha concluso chiedendo alla presidente di valutare almeno in una prima fase l’opportunità di rendere più oggettiva e trasparente la valutazione delle prestazioni fornite dagli uffici di corrispondenza.

Di seguito gli importi deliberati dal Cda alle associazioni, che ammontano a 2.176.316 euro. Alla Fnsi andranno invece 266.185 euro.

 

CIRCOSCRIZIONE STANZIAMENTO 2017
Lombardia 365.970
Lazio 337.910
Piemonte 133.104
Emilia Romagna 132.718
Toscana 131.840
Veneto 123.971
Campania 111.117
Sicilia 107.017
Puglia 100.686
Friuli V.G. 88.070
Calabria 82.406
Liguria 82.242
Trentino A.A. 77.962
Sardegna 66.248
Marche 64.403
Abruzzo 44.373
Umbria 44.304
Basilicata 29.607
Molise 26.344
Valle d’Aosta 26.024

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


16 − sei =