EX FISSA, IL GIUDICE DI APPELLO SPIEGA PERCHE’ HA DATO TORTO ALL’INPGI

 

di Paola Cascella

Accettando di gestire il Fondo ex fissa, regolato dalla Convenzione Fieg-Fnsi a metà degli anni ’80, e rinnovata nel ’94, Inpgi si è assunto alcuni rischi. E lo ha fatto “volontariamente”.

Primo fra tutti “la non coincidenza tra l’ammontare dei contributi versati e accantonati a nome del singolo giornalista e l’importo dell’indennità dovuta a ciascuno”. Un’evenienza più che probabile. Anzi, “quasi certa”. Che, come sappiamo, ha una buona parte della responsabilità della situazione fallimentare in cui versa oggi il Fondo stesso.

Lo scrivono i giudici del lavoro nella motivazione della sentenza che in appello ha dato ragione al giornalista Giancarlo Minicucci condannando via Nizza a pagargli l’ex fissa della quale era in attesa dal 2012. Una sentenza potenzialmente deflagrante per l’Istituto e per i suoi conti afflitti da una crisi epocale. A fronte di questo e di un secondo giudizio favorevole ai colleghi e contrario all’Inpgi, dopo altri di segno opposto, la Corte d’Appello sta decidendo in questi giorni se riunire tutte le cause riguardanti il tema in questione, assegnandole allo stesso collegio.

Vediamo su quali elementi si fonda questa sentenza.

Il rischio volontario dell’Inpgi – Il sistema che regola il Fondo ex fissa non si basa su una “mera prenotazione virtuale della indennità”, quanto piuttosto “sull’accantonamento individuale nominativo” (denominazione atecnica, secondo l’Inpgi) spettante a ciascun giornalista andato in pensione, scrivono i giudici. Un accantonamento costituito dal contributo dell’1,50 per cento versato dall’azienda e del 10 per cento calcolato sull’1,50 a titolo di contributo di solidarietà.

Ma l’ex fissa è “del tutto sganciata dall’ammontare dei contributi versati e invece ancorata a un moltiplicatore di mensilità” a sua volta legato alla qualifica ricoperta dal giornalista al momento della risoluzione del rapporto di lavoro. Il che fa sì che l’ammontare dei contributi versati e accantonati per ciascun collega raramente coincida con l’importo dell’indennità.

Una non coincidenza “quasi certa”: ma questo rischio è stato volontariamente assunto dall’Inpgi con la ricordata convenzione (che peraltro aveva previsto un preciso corrispettivo in favore dell’ente previdenziale per questo servizio di gestione del Fondo) a cui l’Istituto aveva evidentemente pensato di far fronte con i suoi sistemi di gestione previdenziale già collaudati”.

L’illiquidità del fondo – Vero è, ricordano i giudici, che nella Convenzione si specifica che la mancanza di disponibilità finanziaria del Fondo esonera l’Inpgi da responsabilità. Il Tribunale fa un riferimento esplicito a quanto accaduto nel mondo dei giornalisti a causa dei pensionamenti e prepensionamenti forzati: “…può effettivamente verificarsi una situazione di illiquidità, ad esempio determinata da una concentrazione non prevedibile e non programmabile di risoluzioni di rapporti di lavoro e quindi di domande volte ad ottenere la prestazione a carico del Fondo (come sarebbe avvenuto nella specie secondo Inpgi)”. E tuttavia non si può chiamare in causa il fenomeno, per quanto grave, per giustificare la mancata corresponsione del dovuto al singolo collega.

“Ai fini dell’esonero da responsabilità, occorre pur sempre riferire questa situazione di illiquidità alla singola posizione creditoria del singolo giornalista, sicché non è sufficiente prospettarla in termini generali ed evanescenti, come invece ha preteso di fare Inpgi”.

Un bilancio da un milione di euro – Per dimostrare l’incapienza del Fondo, Inpgi ha depositato i bilanci del Fondo 2012 e 2013. Il primo è un bilancio consuntivo al 31 dicembre 2012, non significativo dal momento che Minicucci avrebbe dovuto percepire la sua indennità dieci mesi prima, a gennaio e a febbraio. Ragion per cui, quello del 2013 “è del tutto irrilevante”. Di più: in quei bilanci alla voce attivo, disponibilità liquide, depositi bancari, “è indicato un ammontare di oltre un milione di euro”.

Più creditori con gli stessi diritti – “Nell’ipotetico caso di concorso di più giornalisti creditori in uno stesso momento dell’anno, aventi pari diritto, e di limitate disponibilità finanziarie per tutti loro, l’Inpgi avrebbe dovuto in primo luogo assicurare il pagamento dell’indennità nei limiti dei contributi versati dai rispettivi datori di lavoro e, per l’eccedenza, provvedere a un riparto secondo notorie regole concorsuali (ossia in una determinata e identica percentuale per ciascun giornalista) piuttosto che preferire – in modo del tutto ingiustificato (e con rischio di arbitrio) – un giornalista (al quale versare l’intera indennità) a un altro (al quale non versare alcunché).

1 Commento "EX FISSA, IL GIUDICE DI APPELLO SPIEGA PERCHE’ HA DATO TORTO ALL’INPGI"

  1. Marco Peschiera | 22 aprile 2018 ore 9:19 | Rispondi

    Questa sentenza (se sarà confermata in giudizio definitivo) è rilevante solo per il collega interessato, al quale vanno le mie congratulazioni.
    La Corte ha infatti riconosciuto un “travisamento di fatto”, cioé un errore materiale nella definizione delle date in cui il collega presentò le domande di liquidazione. Per questo ha parzialmente accolto il ricorso.
    Su tutto il resto e per tutti gli altri, invece, non cambia nulla: rimane il gigantesco pasticcio dovuto all’inadempienza della Fieg e all’insipienza della Fnsi che per decenni hanno trascurato di verificare la compatibilità tra i ridicoli versamenti previsti dagli accordi e il mostruoso meccanismo di calcolo dell’indennità finale.
    Se avessi tempo, voglia e soldi per sostenere una causa non citerei in giudizio l’Inpgi (che in tutta evidenza non ha alcuna responsabilità) ma in primo luogo gli Editori che hanno alleggerito i propri bilanci mandando in pensione migliaia di giornalisti a spese dei giornalisti.
    Ma non ho tempo, voglia né soldi. Mi accontento di esprimere il mio personale disprezzo per chi è stato in grado di amministrare giornali soltanto fino a quando ha percepito sostanziosi contributi pubblici. Con i soldi dello Stato sarei stato capace anch’io di fare l’editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + sei =