CASAGIT, BILANCIO IN ATTIVO MA SUI CONTI FUTURI RISPOSTE LENTE E POCO INCISIVE

di Mario Antolini*

Il Cda Casagit ha approvato all’unanimità il Bilancio consuntivo 2017. Sul Bilancio preventivo 2018 i quattro consiglieri di opposizione – eletti anche da Puntoeacapo – si sono invece astenuti per sottolineare il disagio per una gestione che appare indecisa e comunque in ritardo.

Alcune cifre. Il Bilancio consuntivo 2017 si chiude con un attivo di 3,972 milioni di euro: 1,769 milioni dalla gestione caratteristica (la attività di assistenza sanitaria ai soci) e 2,203 milioni dalla gestione extracaratteristica (finanziaria).

Nel 2017, Casagit ha introitato 79,601 milioni dalla contribuzione dei soci, ha speso 66,084 milioni per prestazioni sanitarie e 11,748 milioni per costi di gestione e altri costi (compresi i contributi al sindacato).

Si direbbero cifre rassicuranti; ma basta guardare i conti del preventivo e si capisce che l’abisso del deficit è dietro l’angolo. Nel 2018, la cassa prevede di incassare 78 milioni dai contributi (cioè lo 0,9 per cento in meno rispetto al 2017) e di spendere oltre 68 milioni (cioè il 3 per cento in più) per le prestazioni sanitarie.

Il risultato è un passivo atteso di quasi 350 mila euro, che non sarebbe drammatico (la Cassa ha oggi un Fondo di garanzia che supera i 41 milioni) se non fosse indicativo di una tendenza all’erosione delle risorse che appare difficilmente contrastabile.

Sono i dati statistici a costruire le maggiori preoccupazioni. Nel 2017, i contributi versati dai giornalisti contrattualizzati sono scesi del 3 per cento, in misura quindi maggiore rispetto al calo registrato nel 2016 e nel 2015. Su 1.400 aziende che denunciano rapporti di lavoro giornalistico, ben 280 hanno debiti verso la Cassa, 150 sono cessate o sospese, oltre un centinaio sono già fallite.

Continuano a calare gli iscritti: sono 49.102 ed erano 49.975 nel 2016; diminuiscono i giornalisti contrattualizzati (meno 380, di cui 340 professionisti) e aumentano di 250 unità i pensionati. A fine 2017, i contrattualizzati erano 13.469 e i pensionati 9.025: nel 2008, i contrattualizzati erano 17.564 e i pensionati 6.669.

Ma ad allarmare davvero è l’andamento anagrafico della categoria: negli ultimi dieci anni, l’età media dei soci titolari è passata dai 47 a 58 anni. In Casagit calano del 7,24 per cento gli iscritti tra i 30 e i 40 anni (erano calati del 10,23 per cento nel 2016 e del 7,9 nel 2015), calano del 6,7 per cento gli iscritti nella fascia di età tra i 40 e i 50 anni (meno 7,5 nel 2016, meno 5,1 nel 2015) e cresce invece la fascia di età tra i 70 e gli 80 anni: più 4,19 nel 2017, che si aggiunge al più 6,4 del 2016 ed al più 1,8 del 2015.

Di fronte a questo scenario, la risposta della dirigenza Casagit appare lenta e poco incisiva. La trasformazione della natura giuridica della Cassa, presentata di continuo come il necessario ed inevitabile passaggio per garantire un futuro al nostro sistema di assistenza sanitaria, continua a procedere con tutta calma.

Se ne parla dal 2013: e se ne parla praticamente sempre nello stesso modo, insistendo sulla necessità di allargare la platea degli assistiti, aprendo ad altre categorie professionali. Sono passati cinque anni. La commissione istituita ad hoc si è riunita una volta sola e tutto lascia pensare che non ci si voglia affrettare troppo.

La spiegazione ufficiale è che si deve capire in quale scenario politico ci si muoverà nell’immediato futuro: l’impressione è invece che si aspetta di vedere che cosa succederà in Fnsi, dove le elezioni per il rinnovo del vertice sono attese per fine anno. Impressione poi non troppo peregrina, visto che il presidente del sindacato lombardo lo ha detto in una occasione pubblica: dobbiamo aspettare il congresso della Fnsi. Insomma, il sindacato continua ad essere la presenza ingombrante.

* Fiduciario Casagit per il Lazio, vice portavoce di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 + 5 =