INPGI, CHIANURA: LAVORO COMUNE CONTRO IL DISASTRO MA A CONDIZIONI CHIARE. IL NO AL BILANCIO

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

La relazione della presidente dell’Inpgi Marina Macelloni allegata al bilancio consuntivo del 2017 propone un quadro realistico sulla situazione dell’istituto.

Potremmo definirla un compendio alla relazione dello scorso autunno quando per la prima volta propose un appello a tutti i soggetti in campo volto a prendere atto della difficile situazione finanziaria e ad agire di comune accordo.

Aggiungo le annotazioni finali del collegio sindacale che ricordano correttamente come il disavanzo 2017 sia di oltre 134 milioni, frutto di un “costante peggioramento” dei conti e di una riforma che non dispiega ancora i suoi effetti. Il collegio ritiene indispensabile rimettere mano al bilancio tecnico e la presidente ha appena riferito che questo incarico è già stato conferito all’attuario. Così come, aggiungono i sindaci, bisogna “monitorare attentamente gli effetti della riforma previdenziale”.

Siamo insomma di fronte a un quadro drammatico, che disvela definitivamente il disastro di una lunga stagione durante la quale l’Inpgi è stato terreno di spoliazione per violente riorganizzazioni aziendali.

Il voto contrario mio e della consigliera Paola Cascella è dunque allo stato l’unico modo per segnalare dentro e fuori dall’istituto l’urgenza di un radicale cambio di passo da parte di chi ha l’onere di mettere l’Inpgi nelle condizioni di essere risanato. E cioè, nell’ordine: le parti sociali, la Presidenza del Consiglio, il ministero del Lavoro, la politica in generale.

In questo senso sono interessanti alcuni spunti che è possibile cogliere dalla relazione di Macelloni. A partire dalla considerazione che l’Inpgi è “un problema che riguarda tutti gli attori del sistema” (esattamente quello che ho appena affermato). O che sia necessaria una legge di sistema che stimoli, e tuteli aggiungo io, l’emersione del lavoro nero e di tutte quelle forme di lavoro considerabili contigue al nostro ambito previdenziale. Mentre qualche dubbio ho sulla possibilità di incidere del coordinamento degli enti che ha chiesto incontri al presidente della Repubblica piuttosto che a quelli delle Camere e magari anche a Donald Trump, perché no…

Già in occasione della approvazione del bilancio di assestamento 2017 il mio gruppo ha dato disponibilità a partecipare a un lavoro serio e comune in difesa dell’istituto. Confermo che questo percorso può essere avviato se si concorda sulla necessità di allargare la base contributiva e di ragionare senza pregiudizi sullo status giuridico dell’ente.

Devo prendere atto però che nessun atto concreto di recepimento di questa disponibilità è venuto. Nel momento in cui la stessa presidente ribadisce la indispensabilità di un cammino comune, rinnovo oggi questa offerta di confronto, a dimostrare cioè la volontà di un percorso in difesa del bene comune.

Vincolo questa disponibilità alla presentazione di atti formali e concreti che vadano oltre il pur cortese confronto, rendendoci disponibili – se richiesti – a dare un contributo di idee e proposte.

Sintesi dell’intervento del portavoce di Puntoeacapo durante il consiglio di amministrazione Inpgi del 19 aprile 2018

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + 10 =