INPGI, SE SI PARLA DI EX FISSA DATI VIETATI ANCHE AI DIRETTI INTERESSATI. È LA PRIVACY, BELLEZZA

 

di Paola Cascella*

Il senso dell’Inpgi per la privacy, ovvero i dati dei giornalisti (alcuni dati) sono vietati… ai giornalisti diretti interessati.

Nulla cambia sotto il sole di via Nizza. Neppure nel momento in cui l’Istituto si dota di misure organizzative interne utili a garantire il rispetto delle indicazioni stabilite dal nuovo Regolamento Ue in materia di protezione dei dati delle persone fisiche e della loro libera circolazione. Anzi.

Per esempio, un argomento a caso: l’ex fissa. Il giornalista che volesse farsi certificare per iscritto dalla propria Cassa di previdenza che gestisce il fondo omonimo, la personale situazione di credito, intero o residuo, continuerà a sentirsi rispondere picche.

Mentre la Federazione della stampa potrà viceversa continuare ad accedere senza problemi a quei dati riservati, col nobile scopo – certo – di girarli al funzionario deputato a discutere dell’opzione rottamazione del credito al quale si sono detti disponibili più di mille colleghi in pensione sui 1948 in attesa, anche da otto anni. Come mai?, ho chiesto in sede di Cda il 19 aprile scorso.

“La ragione è che la Fnsi è proprietaria del Fondo ex fissa”, ha risposto la direttrice generale Mimma Iorio. Dunque ha diritto a sapere tutto della situazione di ciascuno, privacy o non privacy. E, soprattutto, una piccola-grande verità, esce dalla nebbie: quel Fondo, non è privo di un proprietario, come tante volte è sembrato in questi mesi di polemiche accese. E’ il sindacato dei giornalisti, ovviamente insieme alla Fieg.

Ma perchè mai il giornalista che ne faccia richiesta non può accedere ai suoi stessi dati, quelli che riguardano il suo stesso credito? Nuova risposta di Iorio: “Sono le disposizioni della Fnsi, proprietaria del Fondo”. E Inpgi, che quel Fondo gestisce soltanto, per la cifra di 200mila euro l’anno, comprensibilmente si adegua. Ecco.

Sembra dunque passata senza alcuna ripercussione l’ultima sentenza in ordine di tempo che ha posto il ruolo di amministratore, dunque di debitore, all’Inpgi. E poi, con un debito stimato in circa 130 milioni di euro, sarà d’accordo la Fnsi – e la Fieg – a passare per proprietario, dunque per debitore, del famigerato Fondo? Non si sa. Basti dire che i due rappresentanti delle parti sociali presenti giovedì in Cda non hanno profferito verbo dopo gli interventi di Iorio.

Intanto dal 25 aprile, via Nizza, malgrado il personale dell’istituto si aggiri attorno alle 200 unità si doterà di un nuovo Registro delle attività di trattamento dei dati e di una figura organizzativa con funzioni di Responsabile della protezione dei dati, misure interne fissate dal nuovo Regolamento Ue 2016/679, seppure per gli enti con 250 dipendenti, in sostituzione dell’attuale Codice della privacy.

L’adeguamento al General data protection regolation, detto GDPR, è stato deciso dal Cda, con l’astensione di Inpgi Futuro.

* Consigliere di amministrazione per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 5 =