CASAGIT, I SINDACI AL CDA: RENDICONTARE I SOLDI ALLA FNSI E ALLE ASSOCIAZIONI REGIONALI

Finalmente! Per la prima volta, la relazione del Collegio sindacale al bilancio Casagit 2017 riconosce la necessità di guardare con attenzione ai contributi che la Cassa versa ogni anno al sindacato.

E’ – questa dei soldi di tutti messi nelle mani del sindacato di alcuni – una questione che Puntoeacapo solleva da anni: fanno fede i molti interventi dei nostri delegati nelle Assemblee nazionali Casagit per chiedere che almeno si pretenda una rendicontazione veritiera e puntuale delle somme distribuite alle Associazioni regionali di stampa.

Ora – finalmente ora – il Collegio dei sindaci scrive che, in materia, una riflessione va fatta. Nella loro relazione, i sindaci ricordano le cifre versate nel 2017 alla Fnsi (623.804 euro) e alle Associazioni regionali (1.121.218 euro) per sottolineare che si tratta di somme considerevoli distribuite in base ad un protocollo d’intesa (del 2002) tra Casagit e Fnsi sulla destinazione del contributo contrattuale previsto dal CNLG.

I sindaci osservano, però, che se le somme versate alle associazioni regionali possono avere una giustificazione nel servizio reso da queste ai giornalisti con il lavoro delle Consulte sul territorio, ben diversa appare la situazione per i soldi consegnati alla Fnsi, per i quali è difficile trovare una spiegazione plausibile.

E qualche perplessità si potrebbe avere anche per l’entità delle some versate alla associazioni lombarda (222.168 euro ) e romana (199.050 euro).

E’ da rilevare peraltro che l’assenza di qualsiasi forma di rendicontazione delle spese Casagit non consente di verificare se ci sia una duplicazione con le spese addebitate all’Inpgi per servizi spesso svolti dallo stesso personale.

In definitiva, il Collegio sindacale di Casagit si augura che la convenzione sia rivista, e sia rivista al ribasso anche per allineare queste elargizioni alle difficile realtà della categoria.

I sacrifici dovrebbero farli tutti, sindacalisti compresi.

Qui infatti non si tratta di chiudere i rubinetti. Qui si tratta di una esigenza elementare: chiarire quanto costa il servizio prestato a Casagit dalle associazioni regionali. Qui si tratta di una esigenza normale: sapere come e perché sono spesi i soldi della Casagit.

Qui si tratta di una esigenza morale: i giornalisti lasciano a Casagit i loro soldi per avere assistenza sanitaria e allora ogni euro speso in maniera diversa deve essere giustificato e documentato. Sempre e alla luce del sole.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 5 =