INPGI, UN TERZO DEL CONSIGLIO GENERALE DICE NO AL BILANCIO DEL PROFONDO ROSSO

di Alessandra Spitz*

Per la prima volta nella sua storia il bilancio dell’Inpgi chiude ufficialmente in rosso e viene bocciato da un terzo dei votanti in Consiglio generale.

Il 24 aprile scorso – ma stranamente non ne è stata ancora data notizia al momento della pubblicazione di questo articolo – il Consiglio generale, dopo una lunga e accesa discussione, ha approvato con 43 voti a favore ma con 15 voti contrari il bilancio 2017 della gestione principale.

A esprimersi sfavorevolmente sono stati soprattutto gli esponenti di Inpgi Futuro (che già da 4 anni non votano a favore), cui si sono aggiunti nel voto negativo due colleghi di Milano e uno di Roma.

Il motivo del voto contrario è tutto politico, visto che è dal 2011 che i conti della gestione previdenziale sono in rosso via via crescente senza che – anche da soggetti presenti nel cda come le parti sociali e i rappresentanti del governo – siano state rimosse le cause dello squilibrio, dovute ai continui prepensionamenti concessi dalla Fnsi alle aziende editoriali aggravati dalla crisi del settore.

Dal 2010 ad oggi sono usciti dal lavoro attivo oltre 3 mila giornalisti.

La stessa presidente dell’Inpgi Marina Macelloni ha riconosciuto che non si può più andare avanti così, affermando: ”La crisi industriale del nostro settore non è solo un problema di sostenibilità dei conti dell’Inpgi, è un problema che riguarda tutti gli attori del sistema e che attiene al tessuto democratico del paese. Penso che non sia più rinviabile una legge di sistema per l’editoria – ha aggiunto la presidente – che riporti al centro dell’interesse pubblico il lavoro giornalistico e la tutela di un bene prezioso garantito dall’articolo 21 della Costituzione. Una legge che non si limiti a finanziare il processo di ristrutturazione delle aziende consentendo l’espulsione di centinaia di giornalisti ma stimoli l’emersione e la rappresentazione di tutte le forme nuove che l’informazione e la comunicazione stanno assumendo grazie all’innovazione tecnologica e all’economia digitale”.

Gli esponenti di Inpgi Futuro hanno ricordato di avere sempre chiesto che venisse imboccata questa strada ma che i vertici dell’Inpgi e della Fnsi non hanno mai accolto finora tali suggerimenti, nonostante la disponibilità al dialogo della opposizione interna.

I conti dell’istituto ora sono drammatici (vedi questo articolo e quest’altro): il bilancio 2017 chiude con un disavanzo di gestione di 100,613 milioni di euro. Il risultato della gestione previdenziale è pari a -134 milioni (nel 2018 si prevede a circa 160 milioni) ed è determinato dal complessivo perdurare dell’andamento negativo degli indicatori principali dell’attività caratteristica dell’Ente: anche quest’anno, infatti, il numero degli attivi registra una diminuzione di ulteriori 865 unità.

Si evidenzia quindi una contribuzione in diminuzione del 2,33% rispetto al 2016, mentre si continua a registrare un aumento della spesa per le pensioni pari nel 2017 a 511 milioni di euro con un incremento, rispetto al 2016, del 5,19%. La spesa complessiva per gli ammortizzatori sociali nel 2017 – pari a 24,2 milioni di euro – pur risultando in diminuzione rispetto al 2016, continua a rappresentare una voce rilevante del bilancio dell’Istituto.

Anche il rappresentante del ministero del Lavoro in Cda, professor Mauro Maré, ha sottolineato che i conti si stanno deteriorando e che dovranno essere intraprese iniziative per allargare la platea contributiva dell’Istituto e per invertire questa tendenza negativa.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


venti − nove =