EX FISSA, COMINCIANO I PAGAMENTI. CHE COSA CAMBIA DAVVERO PER I GIORNALISTI

L’ex fissa non è più un miraggio? Evviva, sembra proprio di sì, stando alle ultime indiscrezioni dell’Inpgi e alle notizie che in contemporanea arrivano dalla Federazione della stampa.

Non è più un miraggio, e anzi l’assegno si materializzerà in tempi brevi, almeno per i giornalisti disponibili ad accontentarsi di una quota percentuale del loro credito: 50, 55 o 60 per cento, da incassare rispettivamente in uno, tre o cinque anni, secondo l’opzione fatta pervenire all’Inpgi entro il 20 gennaio e tra mille difficoltà. Come dimenticare, tanto per dirne una, la fuorviante letterina di Natale?

Ma guardiamo al futuro. Via Nizza ha fissato per il 15 maggio un Consiglio di amministrazione che dovrebbe dare il via ad un finanziamento destinato al Fondo che alimenta i pagamenti dell’ex fissa. Un finanziamento cospicuo con l’interesse del 4,6 per cento in carico alla Fieg, che in questo modo riuscirà a far fronte a un abbattimento sostanziale del debito.

Intanto già il 23 aprile il sindacato, presente la Fieg, ha firmato le prime transazioni con chi è andato in pensione fin dal giugno 2009 e di conseguenza occupa le posizioni più alte nella graduatoria degli aventi diritto. Sempre stando alla Fnsi, gli assegni verranno depositati entro dieci giorni dalla firma sugli stessi conti correnti che vedono il normale accredito della pensione.

Questo iniziale sblocco della situazione è stato possibile in seguito alla decisione della Commissione paritetica Fnsi-Fieg di destinare la somma di 6,7 milioni del Fondo contrattuale per Finalità sociale, (che riceve l’apposito contributo dello 0,60 per cento di cui all’allegato O del contratto di lavoro), alla prima tranche di liquidazione delle prestazioni anticipate in forma ridotta, che riguarda 185 giornalisti entrati in quiescenza tra giugno 2009 e aprile 2011 e che hanno manifestato l’intenzione di accettare l’opzione di rottamare il proprio credito.

Il secondo flusso di danaro, ovvero il finanziamento targato Inpgi, che dovrebbe essere deliberato a metà maggio, andrà invece a beneficio degli altri giornalisti che si sono dichiarati propensi al taglio e alla transazione, ma occupano le posizioni successive nella graduatoria approvata dalla Commissione paritetica nella sua ultima riunione.

In tutto vi figurano i nomi di 1029 colleghi, iscritti, precisa la Fnsi, in base a criteri oggettivi, esclusivamente legati all’anzianità di ingresso in pensione. E’ stata la Federazione a contattare i primi giornalisti in graduatoria, a cominciare da chi risiede nel Lazio (circa un terzo degli aventi diritto).

Toccherà poi a chi vive in Lombardia (anche qui circa un terzo). I residenti in altre regioni, fa sapere la Fnsi, disponibili ad andare a Roma o Milano potranno scrivere alla mail exfissa@fnsi.it per fissare un appuntamento.

E gli altri 920 giornalisti e passa che non hanno accettato la rottamazione? Che fine farà il loro credito? La speranza è che l’uscita di scena di mille colleghi consenta al Fondo ex fissa di recuperare il segno positivo grazie al flusso ordinario di versamenti mensili da parte della Fieg. In modo che possa essere ristabilito il criterio della rateizzazione del dovuto, magari in tempi meno disumani di quelli annunciati.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sei + 20 =