CASAGIT, ATTIVATE SOLO 2.000 CARD. STORIA DI UNA BUONA IDEA ABBANDONATA AL FALLIMENTO

Con una certa enfasi, il vertice Casagit fa sapere che, con la collaborazione di 19 Ordini regionali su 20, ad oggi sono state attivate già 2.000 Card Open: su circa 100 mila giornalisti non contrattualizzati e quindi interessati a questa opportunità, non sembra un gran risultato.

Questa della Casagit Card Open è una vicenda abbastanza paradigmatica di certo modo di lavorare nella nostra Cassa. L’idea di una tessera che permettesse ai molti – ai troppi – giornalisti iscritti all’OdG, ma senza tutela Casagit, di avere comunque accesso alla rete convenzionale della Cassa, pagando così prestazioni sanitarie a costo inferiore a quello di mercato, è vecchia di anni.

Lanciata da alcuni delegati di Puntoeacapo in una Assemblea generale, la proposta fu subito accolta da universale favore e altrettanto immediatamente messa a bagnomaria per un paio di anni: non si voleva che a fregiarsi di questa medaglietta fosse l’allora presidente dell’OdG, Enzo Iacopino.

Poi, nuovo presidente all’Odg, tutto parte in frettoloso movimento. La Card Open – che dà accesso alla rete convenzionata di Casagit Servizi – è presentata ufficialmente e lanciata sulla scena senza preparazione e così velocemente che la Fnsi si irrita forte (si sono dimenticati di invitarla alla presentazione) e gli Ordini regionali, colti di sorpresa, non sanno che pesci pigliare: chi si nega, chi traccheggia, chi addirittura chiede a Casagit di pagare un impiegato ad hoc.

Sono i numeri a certificare il non-successo dell’operazione. All’Ordine sono iscritti oltre 120 mila giornalisti e di questi poco più di 21 mila sono i soci Casagit: rimane insomma un esercito di circa centomila giornalisti tagliati fuori dal welfare della categoria.

Appunto a questi è destinata la Card Open: ma per fargliela avere bisogna contattarli e, visto che freelance, giornalisti a pezzo e precari a vario titolo non stanno nelle redazioni, il modo più efficace era quello di avvicinarli al momento del rinnovo dell’iscrizione all’OdG, tra dicembre e gennaio. Insomma, se tu non puoi andare a pescarli in giro per il mondo, aspetta che siano loro a contattare l’OdG regionale.

Bisognava però fare un minimo di propaganda su questa opportunità (la Card è gratuita) magari attraverso gli indirizzari degli Enti, magari coinvolgendo le strutture sindacali, i fiduciari… niente di tutto ciò. Non si può fare perché, dopo aver sprecato un paio di anni in astio a Iacopino, tranquillamente indifferenti al fatto che nel frattempo il popolo dei non tutelati dovesse continuare a pagarsi la sanità a prezzo di mercato e non a quello più vantaggioso della convenzione Casagit, una volta eletto presidente Verna a fine ottobre 2017 bisogna far tutto in fretta e furia, di corsa.

Così, a sorpresa, le Card Open arrivano alle sedi degli OdG regionali generalmente solo a metà gennaio, spesso nella seconda metà del mese, quando una bella quota di colleghi ha già rinnovato il tesserino. Lo dicono le cifre. Ipotizziamo che, di quei centomila giornalisti senza tutela, 30 mila siano ritardatari e in 70 mila abbiano già rinnovato il tesserino: ma se con 70 mila colleghi entrati in contatto con il loro OdG regionale, hai potuto consegnare solo 2.000 tessere (diconsi duemila su settantamila interessati) non si può certo vantare un trionfo da celebrare con la Marcia dell’Aida.

Bisogna riconoscere il fallimento, da accompagnare con una marcia funebre di Shostakovic.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − uno =