EX FISSA, L’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL COMITATO CHIEDE PIÙ GARANZIE SUI PAGAMENTI FUTURI

Si è riunita a Roma il 16 maggio l’assemblea nazionale dei giornalisti del Comitato Ex Fissa. Tra presenti e deleghe erano rappresentati circa 180 giornalisti in attesa della liquidazione del loro credito relativo all’indennità ex fissa.

Il Comitato è nato su base spontanea per tutelare i diritti di oltre duemila giornalisti pensionati, nonché di alcune migliaia di giornalisti in attività che hanno già maturato il diritto all’indennità. Ad oggi il Comitato ha più di 300 iscritti e oltre duemila contatti. Ha disertato la riunione il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso. Era stato invitato, ma ha avvertito di non poter partecipare per altri impegni “improrogabili”.

L’assemblea ha preso atto del recente intervento finanziario della Fnsi, che ha messo a disposizione 6,7 milioni di euro. Con questa somma è prevista la liquidazione del credito per una prima tranche di 185 giornalisti che hanno aderito alla proposta di rottamazione del credito arrivata con la famosa “letterina” di Natale.

I primi colleghi sono già stati convocati a Roma per la firma dell’atto definitivo che – è stato spiegato dall’avvocato Maurizio Lanigra – non si può definire una vera transazione perché la transazione è un contratto mentre qui manca la controparte, c’è solo la firma del giornalista. In pratica è un atto con il quale il giornalista rinuncia a parte del credito pur di ottenere la quota promessa del 50, 55 o 60 per cento. Le convocazioni proseguiranno a breve a Milano e nelle altre città, per i 185 la procedura di firma e pagamento dovrebbe concludersi entro l’estate.

A questo intervento si è aggiunta la decisione dell’Inpgi, approvata dal cda dell’istituto il 15 maggio (come riferito da Puntoeacapo nell’articolo di Paola Cascella del 15 maggio), di prestare 14 milioni al fondo integrativo contrattuale Fieg (Ex Fissa). Questo prestito, secondo le stime, dovrebbe consentire di saldare il credito di altri 600-700 colleghi che hanno manifestato la volontà di aderire alla rottamazione.

Attenzione, però. E’ stato infatti sottolineato che i tempi per l’erogazione di questi soldi non sono immediati. La delibera del cda Inpgi che presta 14 milioni non può diventare esecutiva finché non sarà approvata dai ministeri vigilanti, cioè Economia e Lavoro, e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip). Di solito passano parecchi mesi prima che i ministeri si pronuncino, possono trascorrere anche 8-10 mesi e più. Per questa delibera, viste le fragili condizioni economico-finanziarie dell’Inpgi, la valutazione potrebbe essere ancora più prudente. E non è scontato che ci sia l’approvazione.

L’assemblea ha anche sottolineato la necessità che si faccia chiarezza e si diano risposte ai colleghi, circa un migliaio solo tra i pensionati, che non hanno accettato la rottamazione, ai quali va data una risposta precisa sulle condizioni e sui tempi di pagamento, augurandoci che non siano disumani, visto che un alto esponente della Fnsi nei mesi scorsi è arrivato a ipotizzare una rateazione fino a vent’anni. Era una battuta? Se lo è, non c’è miglior risposta di una indicazione precisa sui tempi di pagamento per i giornalisti che non rottamano il loro diritto.

L’assemblea ha approvato una lettera da inviare a Fnsi, Inpgi, Fieg e rappresentanti del governo nel collegio sindacale Inpgi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + venti =