INPGI, LA CASSAZIONE BOCCIA DOPO 19 ANNI SANZIONI CONTRIBUTIVE PER 5 MILIONI

A distanza di ben 19 anni dalla notifica del verbale dei suoi ispettori, l’Inpgi ha visto sostanzialmente respinte dalla Cassazione le pretese di pagamento di oltre 5 milioni di euro rivendicate nei confronti di R.T.I – Reti Televisive Italiane Spa (Gruppo Mediaset) per omissioni contributive riferite a 73 posizioni previdenziali di altrettanti giornalisti.

Dovrà essere, invece, rivista davanti alla Corte d’appello di Roma esclusivamente la posizione di 4 di essi (Iacona, Ruotolo, Santoro e Barisoni). Per i primi tre si tratta di differenze contributive, mentre il quarto era stato erroneamente assicurato all’Enpals, anziché all’Inpgi. Solo su questo punto é stato annullato il verdetto di 2° grado.

La decisione della sezione lavoro della Suprema Corte n. 16140 del 19 giugno 2018 è scaricabile a questo link.

Nel confermare sostanzialmente i precedenti verdetti di primo e di secondo grado i supremi giudici hanno, tra l’altro, “bacchettato” l’Inpgi, sottolineando che “nella fattispecie il verbale e le dichiarazioni raccolte in sede ispettiva non sono state invece partitamente indicate, né riprodotte nel corpo del ricorso o ad esso allegate. Manca quindi il vizio di motivazione per difetto di autosufficienza e mancata allegazione di fatti decisivi”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × tre =