GIORNALISMO, ADDIO A STEFANO TRINCIA, INVIATO E SINDACALISTA DI RAZZA

 

di Rossella Lama

Stefano Trincia non c’è più. Al Messaggero abbiamo condiviso tante battaglie. Ne abbiamo viste tante. Per venticinque anni era stato corrispondente di punta del giornale da New York.

Sempre informato, sempre sulla notizia, preciso ma mai puntiglioso come è chi ha lo sguardo lungo sulle cose. Ha raccontato la storia americana degli ultimi trent’anni a tutto tondo, facendosi apprezzare al là e al di qua dell’Atlantico. Era bravo, bravissimo, Stefano. Un grande giornalista, una firma di prestigio per un giornale che sembra aver perso la propria memoria.

Al suo ritorno a Roma ha guidato il servizio Esteri, vivendo intensamente la vita di Via del Tritone, dalle riunioni del mattino fino alle assemblee dei giornalisti che nel salone della Cronaca si facevano fitte, perché i segnali che stavamo entrando in un periodo drammatico per la nostra professione c’erano già tutti, se solo si voleva vederli.

Lo sciagurato protocollo firmato dal sindacato e dalla Fieg che permetteva agli editori di dichiarare stati di crisi non necessariamente in presenza di perdite di bilancio, ma anche solo nella previsione di un rosso nei conti dell’anno successivo, ha dato la stura a quella ondata di prepensionamenti che ha decimato le redazioni, portato l’Inpgi sull’orlo del fallimento e creato serissimi problemi alla Casagit.

Contro tutto questo Stefano ha combattuto, con coraggio e facendosi nemici potenti a Via del Tritone, e non solo. Lo spirito critico non è cosa che si eserciti a senso unico, o in modo intermittente. Stefano lo aveva e in ogni sede esprimeva il suo dissenso contro le politiche degli editori, ma anche dell’Fnsi sempre più a rimorchio della Fieg.

Così a gennaio del 2011 è stato eletto delegato al Congresso Fnsi di Bergamo nelle liste di Puntoeacapo. Nel giorno del suo cinquantottesimo compleanno, con raccapricciante tempismo, proprio quel giorno gli uomini di Caltagirone gli hanno fatto recapitare la lettera che lo metteva in cassa integrazione se non avesse accettato il prepensionamento. Non c’era scelta, Stefano era fuori, vittima, come tanti altri dopo di lui, di un editore maestro nell’ottenere stati di crisi a raffica per tutte le sue testate, e di un sindacato che continua a boccheggiare senza opporre argini allo scempio della nostra professione.

E’ morto in un letto del policlinico Gemelli per un brutto male, a 66 anni. Lascia un grande vuoto nei colleghi che lo hanno conosciuto, apprezzato, amato, come giornalista e come uomo. Io sono tra questi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci − 8 =