ASSALTO ALLE PENSIONI, ONDATA DI COMMENTI ALLA LETTERA DEL PORTAVOCE DI PUNTOEACAPO

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo, cda Inpgi

Una vera e propria ondata di commenti, nonostante la pausa di Ferragosto, si è riversata dopo la lettera inviata ai giornalisti italiani. Volevamo dare voce ai colleghi sul contestato progetto di riduzione degli assegni pensionistici, dopo che i giornali avevano dato notizia del raffazzonato progetto di legge M5S-Lega che in sostanza avrebbe colpito senza criteri realmente oggettivi le pensioni.

Cominciamo oggi a dare spazio alle lettere dei giornalisti, mantenendo comunque aperta la tribuna. Seguiranno nei prossimi giorni altre decine e decine di commenti.

Poi, naturalmente, tutti insieme, cercheremo una sintesi.


 

1) Ritengo opportune prese di posizioni immediate.
2) Per esempio lanciando raccolta firme per una petizione da inviare anche alla Corte costituzionale, in Europa e a Mattarella.
3) I punti chiave sono che va separata la previdenza dall’assistenza, l’aumento delle pensioni minime dev’essere a carico della fiscalità generale, non è corretto toccare i diritti acquisiti, occorrono interventi adeguati contro l’evasione fiscale e contributiva, inoltre va rifiutato ogni eventuale intervento che non sia sul ricalcolo dei contributi effettivamente versati.
4) E’ inaccettabile che alcune categorie professionali (per esempio professori universitari e magistrati, quelli che possono andare in pensione a 70 anni) vengano messe al riparo dai tagli con astuzie variamente assortite.
5) Basta con la definizione di pensioni d’oro per chi se le è pagate versando contributi elevati.

Fabio Tamburini

 

Rispondo con due Sì ai vostri interrogativi: penso che sia il caso di mobilitarsi subito, per difendere in nome dell’equità i nostri diritti acquisiti e in particolare il principio dei contributi effettivamente versati; sono disposto a rivolgermi alla magistratura ed eventualmente alla Corte costituzionale.
Le vere “pensioni d’oro”, o meglio di platino, sono le cosiddette “pensioni baby” percepite da chi ha lavorato anche molto meno di 40 anni e non ha versato contributi in misura adeguata.
Fatemi cortesemente sapere se deciderete di prendere iniziative in questo senso ed eventualmente come posso contribuire.

Giovanni Valentini

 

Prevenire è meglio che reprimere, dunque meglio muoversi subito, facendo arrivare un messaggio durissimo. Personalmente sono disposto a tutto, pur di non farmi rapinare.

LETTERA A DI MAIO SULLE PENSIONI D’ORO

Egregio ministro, mi sono letto con attenzione il disegno di legge D’Uva Molinari sulle cosiddette “pensioni d’oro”. Non colpisce – come lei afferma nel suo post- chi ha avuto il privilegio di versare pochi contributi e avere in cambio un’alta redditività, ma indistintamente tutti quelli che superano gli 80 mila euro. Io li supero, ma me li sono guadagnati tutti sul campo, in quanto non ho usufruito di alcun privilegio (scivoli, condoni e via dicendo). La mia pensione è frutto solo dei contributi da me versati per ben 40 anni (anzi, nel 2007 ho versato sull’unghia ben 35.000 euro per convertire i contributi Inps a contributi Inpgi). Leggendo il suo post, un’unica considerazione: o lei è male informato sul disegno di legge D’Uva-Molinari, o è in malafede. Scelga lei.

Arnaldo Sassi

 

Vedo che sta accadendo l’impensabile! Or dunque, visto che solleciti cortesemente ai colleghi pensionati qualche considerazione:

1) L’intervento di Messina (in tutto condivisibile) sembrerebbe oggi superato, almeno a leggere il pezzo di Salvia uscito stamane sul Corriere.

2) Pezzo che ventila l’ipotesi di un CdS. Immagino a vita, visto che la mannaia egalitarista 5S non si placherà con misure a tempo.

3) Noi, il CdS, già lo paghiamo, teoricamente triennale. Al riguardo: a) Stento a pensare che il CdS 5S-Lega sarà meno sanguinoso. Anzi! b) Noto una sorprendente rapidità del TAR a pronunciarsi sul No Prelievo. Cosicché in autunno, quando i giudici forse si degneranno, la sentenza potrebbe essere influenzata dalla canea moralizzatrice parlamentare sulla legge in oggetto. Passeremo da un CdS all’altro? Ipotesi, certo, ma il rischio c’è.

4) Noto altresì che anche sulla partita Ex Fissa il silenzio è totale e il risultato, a oggi, pari a zero! Personalmente ho seguito tutte le indicazioni del Comitato: tra seccature e spese, inclusa l’installazione Pec (convenzionata, vero, ma con conto salato causa assistenza tecnica). Sei diffide inviate il 10 luglio, nessuna risposta.

5) Azioni legali? Mi atterrò alle proposte dei colleghi. Ma faccio presente che sono strade lunghe, incerte e assai dispendiose. Ciò detto, il Ddl in questione è una minaccia così grave (parla di casse “sostitutive”, dunque pure Inpgi) che, come scrive Messina, qualche colpo bisognerà pur batterlo…

Betty Risaliti

 

Sì, sono d’accordo sull’intervenire subito, ancor prima di rincorrere un provvedimento iniquo. Come? Con una controinformazione puntuale e attenta. Per esempio, spiegando nei dettagli (anche con riferimenti internazionali, che:
1) le pensioni sono il frutto di risparmi privati (non pubblici) accumulati in anni di lavoro
2) che tuttavia vengono tassate come redditi normali e non come redditi da capitale, come sono, per esempio, gli interessi pagati sui titoli di Stato
3) che il calcolo retributivo era per sua natura iniquo ma aveva comunque un tetto oltre il quale non fruttava più nulla
4) che nel passato sono stati regalati anni di contributi, per esempio ai sindacalisti (legge Mosca) allo scopo di ingraziarsi intere categorie
5) che il sistema contributivo, per sua natura equo, in Italia è stato introdotto tardi perché sempre osteggiato da forze populiste e dai sindacati.
6) che anche “per andare in pensione” i criteri non sono mai stati uguali per tutti i lavoratori. Non dimentichiamoci dei baby pensionati, categoria cui potevano accedere i dipendenti pubblici.
Insomma, “la pensione” è sempre stata oggetto di mercanteggiamento politico, malgrado si trattasse (si tratta) di risparmio privato. In molti casi le pensioni sono state addirittura regalate, come nel caso, per esempio, dei falsi invalidi: a proposito, alcuni di questi o medici compiacenti sono stati perseguiti e condannati.
E non dimentichiamo che la nuova proposta mira di nuovo a mettere gli uni contro gli altri. Serve per dire: visto che noi perseguiamo i ricchi a favore dei poveri?

Ezio Chiodini

 

Sugli aspetti paradossali e incostituzionali di questa proposta di legge sappiamo già quasi tutto, così come pensiamo, forse illudendoci, che gli screzi tra 5S e Lega potranno rendere l’attacco alle pensioni un po’ più “accettabile”. Ma aspettare il meno peggio significa rassegnazione e abdicare al nostro lavoro di giornalisti. Poiché il governo si sta rivelando molto più populista di quanto potessimo immaginare, e la sua azione è veicolata da messaggi esclusivamente propagandistici e il più delle volte basati su balle e incitazioni all’odio sociale, la libera informazione dovrebbero fare semplicemente opera di verità.
Questo se si parla di vaccini, di adozioni delle coppie gay in nome delle “famiglie normali con papà e mamma” (andarsi a vedere lo status familiare e genitoriale di Matteo Salvini), o di pensioni, contributi versati, parassiti, ecc.

Si indicano all’odio pubblico in quanto “nababbi con lo yacht” persone che dopo una vita di lavoro percepiscono pensioni a norma di legge di 4-5000 euro; contemporaneamente il ministro del Lavoro assume in staff come caposegreteria una giovane 26enne con stipendio di poco inferiore a quello di nababba-parassita, praticamente priva di curriculum e con l’unico merito di essere compaesana di Di Maio.

Si sproloquia di contributi onestamente versati e tasse onestamente pagate: ebbene, basta rileggersi che cosa hanno fatto nella vita i due leader della maggioranza fino e anche dopo i 30 anni, età alla quale la stragrande maggioranza di noi lavorava da anni, e quindi pagava tasse allo Stato sostenendo i servizi pubblici, e contributi previdenziali prima all’Inps poi all’Inpgi sostendo il sistema pensionistico. I due hanno come è noto “lavorato” come webmaster e steward allo stadio, l’uno, e come pubblicista, frequentatore di concorsi tv, Leoncavallo e poi subito in politica, l’altro. Quanto allo studio, leggere per credere.

Ci sono altri esempi: dalla proposta di ripristino del servizio militare all’attacco all’aborto.
Quindi, cari colleghi, io non propongo lo sputtanamento ma il semplice racconto della verità e la verifica della loro propaganda e coerenza in base alle loro esperienze personali (le quali nei leader politici sono parte integrante del pubblico).

Questo può e deve essere fatto, nei giornali – direttori consentendo – e come liberi giornalisti. Questo si fa in ogni paese, dagli Stati Uniti al Regno Unito alla Francia. Sono paesi nei quali la stampa conta ancora qualcosa: conta ancora qualcosa anche da noi?

Renzo Rosati

 

Io ritengo che le preoccupazioni di Sebastiano Messina siano assolutamente condivisibili. L’INPGI si adeguerà al piano taglia pensioni? Certamente sì perché l’ipotesi è stata già pubblicata su alcuni quotidiani e non è stata smentita – come sarebbe stato auspicabile – dalla collega Macelloni.

Aggiungo due preoccupazioni: il nuovo “taglio” si sommerebbe al taglio già in essere come misura antideficit varato dall’istituto lo scorso anno?

E ancora: cosa succederà a chi ha proceduto al riscatto oneroso di alcuni periodi (laurea o praticantato) o al ricongiungimento dei versamenti contributivi in altre casse? Saranno soldi persi per sempre o verranno rifusi, rivalutandoli, dall’istituto?

Insomma semplici domande che ritengo debbano essere sottoposte all’INPGI prima del varo del nuovo provvedimento del governo!

Quanto all’ipotesi di ricorrere ad una class action contro il Ddl in oggetto sono assolutamente d’accordo (anche perché non mi pare che la corte costituzionale sia composta da Cuordileoni!)

Mario De Scalzi

 

Poiché gli eventi non sono del tutto prevedibili, è difficile capire come muoversi preventivamente. E’ comunque molto probabile che la legge in questione venga approvata ed estesa anche agli enti come il nostro. E’ più che evidente che siamo in presenza di un attacco preciso al principio del diritto acquisito.

Inoltre, poiché il taglio riguarda solo una fascia della totalità dei pensionati, è probabile che vengano sollevati dalla Consulta elementi di incostituzionalità. Questo tuttavia potrebbe aprire la strada ad un successivo taglio più ampio e generalizzato con criteri di progressività.

Il vero problema è la difesa del principio giuridico del diritto acquisito, che anche a livello europeo non viene tenuto in grande considerazione. E’ chiaro che, se ci sono margini per tutelare i diritti di ciascuno di noi, è necessario andare avanti. Come e quando, possono indicarlo solo valenti giuristi di un collegio difensivo, vista la complessità e la particolarità della materia. Resto in attesa di ulteriori informazioni, disponibile ad aderire ad ogni forma di lotta per la difesa delle nostre pensioni, da molti integrate anche da consistenti contributi volontari.

Carlo Sacchettoni

 

Non credo ci sia da indugiare ancora: questa riforma è particolarmente vergognosa perché ci colpisce due volte, come pensionati e come giornalisti. Basti pensare al progetto di eliminare l’Ordine dei giornalisti, all’insofferenza mostrata da costoro verso chi lavora nell’informazione, inclusi perfino i colleghi di quotidiani che si schierano con la parte sovranista e disumana del centrodestra con un atteggiamento autolesionista incredibile, all’attacco non più soltanto implicito alla libertà di stampa nel tentativo di arruolamento forzato dei giornalisti. Il taglio delle pensioni oltre i 4mila euro netti mensili rientra anche in questa strategia, pur essendo generale. Siamo noi il vero obiettivo di Di Maio, Salvini e quel piccolo esercito di ciucci e presuntuosi che vorrebbero governarci.

L’offensiva contro le pensioni è ancora più grave di quanto non appaia perché, noi giornalisti in particolare, veniamo colpiti ancora una volta, dopo la maxi rapina delle mancate perequazioni, ribadite con decisioni contraddittorie a vario livello giudiziario, e il… taglieggiamento aggiunto dall’Inpgi che invece di diversificare la politica economica del nostro istituto e di sollecitare una volta per tutte dallo Stato quegli aiuti che mai o quasi ci sono stati dati, ha preferito ricorrere alla via breve delle decurtazioni.
Nel frattempo lo Stato sperpera senza ritegno, i parlamentari percepiscono stipendi incredibilmente alti che ovviamente non pensano affatto di toccare nonostante sia da lì che dovrebbe partire l’esempio. Non mi dilungo, ci sarebbe tantissimo ancora da dire, ma badiamo al sodo. Muoviamoci subito, l’offensiva sia durissima. Ovviamente potrete contare su di me per qualunque azione giudiziaria contro chi attenta a diritti acquisiti con tanti anni di lavoro.

Francesco Cioce

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sei − 3 =