INPGI, PENSIONI. I GIORNALISTI A PUNTOEACAPO: PRONTI A MOBILITARCI CONTRO TAGLI FUORILEGGE

Attendere gli eventi o studiare iniziative immediate, per così dire deterrenti. Negli interventi delle centinaia di giornalisti che hanno scritto dopo la lettera del portavoce di Puntoecapo Carlo Chianura, non prevale nessuna delle due ipotesi.

In quasi tutti i commenti emerge però che la professione giornalistica non assisterà inerte a un eventuale taglio ingiusto e ingiustificato degli assegni pensionistici: è una buona base di partenza per riflettere.

Di certo, questo prezioso materiale che Puntoeacapo sta raccogliendo non sarà lasciato cadere e porterà a una analisi complessiva nelle prossime settimane.

Di seguito altri interessanti e autorevoli pareri dei colleghi.

 

Cari amici, sono delľopinione che ci si debba muovere subito. Di certo mi rivolgerò alla magistratura (meglio se lo faremo tutti insieme con un’azione collettiva) qualora venissero messi in pericolo i diritti acquisiti.

Cesare Gerosa

 

Secondo me occorre agire subito e con la massima decisione. Il passo di De Maio sulle pensioni e sull’Ordine è solo il primo di una guerra con cui vuole sovvertire diversi principii giuridici, cominciando col fare la pelle ai vecchietti. E noi siamo in prima linea, come pensionati e come giornalisti. Non sarà facile, perché i populisti godono ora di grossi appoggi, a cominciare da chi vuole utilizzarli come cuneo anti europeo. Per questo occorre battersi subito, battersi a fondo. E’ una questione di principio, di autodifesa e di impegno sociale, perché un rilancio economico dell’Italia non può cominciare con un misura iniqua e inefficace.

Vorrei poi aggiungerne un’osservazione che non credo sia stata fatta finora e che riguarda i residenti esteri. Come diavolo farebbe Di Maio a stabilire il mio netto, visto che le tasse io le pago in Francia? In Francia, ripeto, che non è un paradiso fiscale e dove la tassazione è su basi assai diverse che in Italia (non posso dedurre, per esempio, le spese sanitarie ed esistono una tassa fondiaria e una di abitazione). E c’è chi risiede in Inghilterra o in Cina. Saremmo «scremati» sulla base di quella che sarebbe la tassazione se residessimo in Italia? Oppure in base a una formula con un quoziente per nazione? Quoziente stabilito da chi e in base a quali piroette contabili (che richiederebbero immenso tempo e denaro)? Altro che ricorso a Strasburgo (ammettendo che l’Italia non riesca a farsi cacciare dall’Ue)! Sottometterci a un obbligo di rimpatrio? Anche chi ha ormai un’altra nazionalità? Certo, i residenti esteri sono una piccola minoranza, ma la loro «anomalia» mette in luce l’iniquità e la stupidità di base dell’intero progetto in un mondo complesso e articolato come quello attuale. Il padrone del casinò può permettersi sparate propagandistiche alla Trump, i clienti straccioni farebbero meglio a starsene zitti, a smettere di giocare e a mettersi a lavorare sul serio.

Pier Luigi Zanatta

 

I nostri giornalisti che si sono occupati delle pensioni, da Vieri Poggiali a Manunta da Guglielmo Moretti a Orlando Scarlata, inorridirebbero nel sentire che vengono messi in discussione i diritti acquisiti di uno dei pilastri sui quali si fonda la tutela della professione giornalistica. Molta acqua è passata dalla legge del 1951 che fissava compiti e modalità di funzionamento dell’Inpgi. Sarebbe opportuno prepararsi per la difesa non di privilegi (eliminare i contributi figurativi di alcune categorie di politici) ma di possibilità di vita per chi ha lavorato in radio tv e nei quotidiani, periodici. E’ necessario attendere la sentenza del Tar sul prelievo in corso per i pensionati.

Partire da qui per una mobilitazione: costituire un comitato ristretto per sapere quanti giornalisti pensionati superano i 4 mila euro netti al mese, quanti sono in pensione con il contributivo (che per noi fu obbligatorio dopo la riforma Dini ma che avevamo già subito cambiamenti con la riforma Spadolini). I giornalisti che vanno in pensione oggi hanno pensioni calcolate con il contributivo per circa 25 anni. Stiamo perdendo, purtroppo, autonomia gestionale e con la proposta di abolire l’Ordine si rischia di perdere anche l’indipendenza.

Sergio Menicucci

 

Sì, muoviamoci subito e sono disposto a rivolgermi alla magistratura per tutelare i diritti acquisiti.

Alfredo Orlando

 

Grazie per tutti questi commenti allarmati su quanto stanno progettando i “nuovi dilettanti” al governo. A questo punto era molto meglio il “Fonzie” – almeno lui tagliava PIANO, pur fregandosene della Corte Costituzionale. Purtroppo però, ho paura che questa non sia proprio “farina del sacco” dei giallo-verdi… Su internet si trovano le richieste dei cosiddetti “grandi investitori” come Black Rock, i quali martellano da anni i governi europei: Vanno ridotte tutte le pensioni in Europa!

E se collegate questo con lo spread che cresce, forse capite da dove parte quest’offensiva tutta tesa solo a garantire il Grande Capitale, riducendo sempre di più ogni vera misura sociale a favore di “quelli non nati in una famiglia di élite” mondiale. Con tutti i problemi che ha questo paese – il viadotto Morandi ne ha evidenziato uno gigantesco – proprio le pensioni di chi ha versato tutti i contributi per 40 e più anni pensano di usare per risolvere qualcosa? Lo sanno anche loro che è pura propaganda. Ma c’è anche chi ragiona in questa nuova maggioranza: Claudio Borghi della Lega ha detto a IN ONDA: Chi ha pensioni totalmente coperte da contributi non può essere toccato. Speriamo che questi personaggi riescano a farsi ascoltare nel “ventre di questa nuova balena” impazzita.

Kurt Andrich

 

Sono assolutamente d’accordo con il collega Sebastiano Messina e sulla necessità di non attendere eventi che già di per sè sono sgradevoli ma di assumere subito una posizione netta e inequivocabile. Grazie del vostro lavoro.

Emanuela Medi

 

E’ una violazione, per tutti quelli che hanno pagato una montagna di soldi, versando contributi che sono stati impiegati per altri usi, certo non sociali, né solidali. Meriterebbero che ci trasferissimo tutti in massa!

Mariù Safier

 

Sì misure preventive. Sì magistratura

Marco Marozzi

 

Penso che non si debba aspettare il varo del provvedimento, – uno qualunque tra quelli che annunciano, ritirano, riscrivono, ricambiano ecc.- perché i giornalisti pensionati e no debbano muoversi. Con tutte le forme di pressione, di spiegazione, di lobby insomma possibili e immaginabili. Ovvio che di fronte a simili mostri annunciati dovremo mobilitarci nelle sedi giudiziarie. Ma intanto chi ha rapporti di lavoro, di conoscenza, di vicinanza con questa gente credo debba e possa fare molto.

Giancarlo Minicucci

 

Il collega Messina ha scritto: “…sono convinto che la Corte Costituzionale abrogherebbe una simile legge, ma è assai probabile che essa venga comunque approvata”. Ma non credo di aver capito bene: se la Corte Costituzionale abrogasse questa legge (come dice di essere convinto il collega), non ci dovremmo preoccupare che essa venga approvata. Perché invece ci stiamo preoccupando? perché c’è il serio rischio che la Consulta non la abroghi, questo è il vero problema. La nostra unica speranza è che i magistrati, che percepiscono tutti pensioni superiori agli 80.000 euro annui, non si sentano toccati anch’essi nel portafogli e quindi intervengano prima di tutto per autodifesa e, di conseguenza, a difesa di tutti gli altri pensionati minacciati da questa legge infame. A meno che la categoria dei magistrati non venga esclusa dall’applicazione della legge!

Tutti sappiamo bene infatti che la legge è uguale per tutti, ma alcuni sono più uguali degli altri. Temo inoltre che non servirà nemmeno fare ricorso alle massime istanze giurisdizionali europee. Il discorso della “solidarietà” va troppo di moda, oggi come oggi, per remare controcorrente e poi l’EU non ha alcun interesse ad intromettersi in affari interni italiani.

L’unica cosa che mi viene in mente è questa, da fare prima che la legge venga approvata: questa legge è evidentemente incostituzionale. Perché allora non fare un appello preventivo al presidente della Repubblica in quanto, oltre ad essere egli il “garante della Costituzione”, è anche colui che “vigila sul rispetto della Costituzione” stessa. Se davvero egli vigila, dovrebbe vigilare e muoversi PRIMA che essa venga violata, bloccando persino la discussione su tale progetto di legge. Questo, a mio parere, sarebbe un passo da fare. Per quanto riguarda l’eventualità di rivolgersi alla magistratura, perché farlo se la Consulta non abroga la legge perché la ritiene legittima e non incostituzionale? Quale altro tribunale potrebbe ribaltare una sentenza della Consulta?

Furio Moroni

 

Ritengo che ci debba muovere subito per portare a conoscenza dei parlamentari quale sarebbe la reazione dei pensionati che hanno basato le proprie scelte economiche verso se stessi e i propri figli contando su un reddito certo e definitivo che oggi si minaccia di tagliare. Faccio il mio esempio: ho acquistato una casa proprio dell’Inpgi lo scorso anno contraenti in mutuo piuttosto oneroso a causa della mia età contando unicamente sulla pensione che nel 2015 mi è stata attribuita “in forma definitiva”. Nel 2019 cosa faccio? Restituisco la casa all’Inpgi perché non potrò più sostenere il mutuo? Sono ovviamente disponibile a sostenere qualunque iniziativa legale.

Gian Maria Madella

 

Io credo sia meglio attendere cosa succederà. Ma è chiaro che se davvero dovesse passare questa legge iniqua, bisognerà pensare a una class action per tutelare i nostri diritti acquisiti in anni di lavoro e di versamenti.

Daniele Garbo

 

Cari amici, vedo al momento grande confusione sui tagli. La mia opinione è che bisognerebbe intanto sensibilizzare i colleghi che se ne occupano sui giornali e in tv a organizzare una sorta di campagna contraria. Se poi dovesse passare una legge che ci penalizza, non ho dubbi: subito azioni legali. Grazie

Marco Nese

 

Direi di attendere e di “vedere” fatti concreti. Ma se la cosa dovesse andare in porto, e se io venissi toccato (sono al limite dei 4000 euro netti compresa una mini-pensione inps (125 euro), sarei disposto a rivolgermi alla magistratura, se insieme con altri colleghi, nonostante quanto di negativo per noi è accaduto nel recente passato con altre sentenze. Grazie per l’info.

Domenico Paravati

 

Ritengo che i giornalisti, i pensionati, ma pure gli attivi, debbano fin da ora agire, informando nel modo più completo e corretto i decisori politici, che spesso non lo sono – informati in modo corretto e completo -, e l’opinione pubblica dei contenuti e dell’impatto dei provvedimenti ipotizzati… Se poi legge sarà, e sarà iniqua, sono ovviamente pronto a cercare di fare valere i miei diritti in tutte le sedi opportune, ivi comprese quelle giuridiche… Se la situazione del Paese, e specie dei giovani, richiede un sacrificio da parte degli alti redditi, sono naturalmente disposto a farlo, purché lo facciano tutti, non solo i pensionati, come se essere in età di pensione, avere lavorato e pagato i contributi per 45 anni, continuando a farlo, sia una colpa…

Giampiero Gramaglia

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque − tre =