INPGI, NUOVE VENDITE DI CASE PER RIMEDIARE AL FLOP DEGLI IMMOBILI COMMERCIALI

di Alessandra Spitz *

Nuove case Inpgi saranno offerte in vendita, nonostante la fase delle dimissioni fosse stata dichiarata per il momento chiusa. La decisione è stata adottata dal Comitato consultivo Inpgi delegato al controllo del Fondo immobiliare dell’Istituto che si è riunito il 24 settembre.

La nuova vendita delle abitazioni, che si trovano prevalentemente a Roma, è stata decisa per fare fronte, dal punto di vista degli incassi, al deludente risultato delle vendite del terziario, settore che nei primi mesi del 2018 è stato colpito da un forte trend negativo. L’unica offerta congrua giunta dagli investitori istituzionali, infatti, è risultata quella di Blackstone Group International Partners LLP per gli immobili di Roma in Via del Quirinale 21 e Via delle Quattro Fontane 147.

Nonostante continui da parte della Sgr la ricerca di potenziali acquirenti per gli immobili non assegnati in gara (Roma Lungotevere de’ Cenci 6, Roma Via U. Novaro 32, Roma Largo Loria 3, Roma Via del Fornetto 85), si è resa necessaria l’integrazione della quarta tranche di dismissioni con ulteriori fabbricati, a destinazione d’uso prevalentemente residenziale, e per un valore complessivo pari a circa 80 milioni di euro. Questo per rispettare gli obiettivi prefissati dall’Inpgi e cioè di realizzare entro il 2020 vendite di immobili per complessivi 650 milioni di euro.

I gestori della Sgr hanno perciò presentato una lista di immobili che è stata approvata. Gli immobili messi in vendita sono i seguenti:

  1. A Roma: Via E. Glori 30 ; Via dei Giornalisti 21/F e 21/G; Vicolo S. Celso, 4 – 8 ;Via Cassia 1207-1215 ; Via I. Guidi 7-13-27-33 ; Piazza della Torretta 36.
  2. A Napoli: Via D. Fontana 7-9-11-13-15-17; Vicoletto Belvedere 1-6; Via Santo Stefano 9.
  3. A Bologna: Via San Giorgio, 6.
  4. A Torino: Via Fidia 12 – 16.

Anche per questi immobili, come nel caso dei precedenti, sono previsti interventi di manutenzione straordinaria per una spesa complessiva di 2,8 milioni di euro. Le quotazioni a metro quadro degli immobili sono state fatte secondo gli stessi criteri delle altre vendite, così come invariato è lo sconto riservato ai locatari (tutti i particolari sono riportati sul sito dell’INPGI).

La riunione del Comitato è stata anche l’occasione per tracciare un bilancio aggiornato dell’andamento complessivo delle vendite.

Finora sono stati venduti in totale 565 appartamenti per un incasso di 167,35 milioni di euro.
Sul totale delle vendite realizzate fino ad ora, 434 immobili sono stati acquistati dagli inquilini mentre 131 da terzi. Questi ultimi hanno acquistato 83 appartamenti occupati e 48 unità libere.

Nel corso della riunione è stata discussa anche la proposta avanzata dalla Sgr di adottare un sistema informativo più adeguato a garantire la completezza e correttezza dei dati amministrativo/contabili e fiscali legati al processo di dismissioni immobiliari, tenendo conto della significativa mole di unità che sono coinvolte in tale processo in un arco temporale molto ristretto.

Il considerevole lavoro di back office conseguente a tale attività di dismissione, finora svolto dalle strutture tecniche ed amministrative dell’Istituto, necessita – secondo la Sgr- di un sistema informativo gestionale del property più efficiente soprattutto per quanto riguarda il costante scambio di flussi informativi property/SGR, che devono essere puntualmente aggiornati in funzione delle vendite frazionate eseguite.

A tale scopo nel giugno scorso è stato richiesto a tre dei principali operatori del settore dei servizi immobiliari, già presenti nell’Albo Property Manager della SGR (AGIRE S.r.l., REVALO S.p.A., Yard S.p.A. – tutti fornitori di analoghi servizi di gestione immobiliare per conto di fondi della SGR) di formulare un’offerta tecnico economica

La SGR ha ritenuto, cogliendo l’opportunità della prima scadenza quinquennale al 31/12/2018 del contratto di servizi in essere con l’Inpgi, di indire un processo competitivo, al fine di valutare le migliori condizioni di mercato per lo svolgimento dei servizi in outsourcing, anche nell’ottica di ridurre i costi di gestione a carico del Fondo.

Esaminate le varie offerte, la più congrua e conveniente è risultata quella della società Yard che, secondo i calcoli della Sgr, dovrebbe consentire un risparmio, nei prossimi cinque anni, di circa un milione di euro.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, comitato di gestione del Fondo Amendola

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 + due =