INPGI, PERDITE MONSTRE A 175 MILIONI, PATRIMONIO A PICCO. PERCHÉ IL NO DI INPGI FUTURO

di Gianni Dragoni *

Aumentano le perdite e si assottiglia il patrimonio. La crisi dell’Inpgi si fa sempre più grave. Nel 2018 le perdite della gestione previdenziale e assistenziale saliranno a -167,1 milioni, cioè 33 milioni in più del 2017 (erano -134 milioni), mentre il risultato economico del bilancio – l’ultima riga del conto economico – indicherà una perdita netta di -175,4 milioni, con un peggioramento di circa 75 milioni rispetto all’anno scorso (era -100,6 milioni).

Questi risultati, riferiti alla gestione principale dell’istituto (Inpgi 1), sono contenuti nel bilancio di assestamento del 2018, che aggiorna le previsioni del bilancio preventivo in base ai dati al 31 agosto e fa una proiezione a fine anno. Non sono dati definitivi, pertanto nel consuntivo finale dell’esercizio potrebbero esserci variazioni. Nel bilancio di assestamento c’è un peggioramento dei risultati anche rispetto al preventivo, che già dipingeva un quadro molto negativo, con una perdita della gestione previdenziale e assistenziale prevista pari a -164,4 milioni e una perdita netta pari a -163,1 milioni.

Per l’anno prossimo si prevede un ulteriore peggioramento. Il risultato della gestione previdenziale e assistenziale è stimato in perdita per -175,4 milioni e il risultato economico è previsto in rosso per -181,48 milioni.

I due bilanci, assestamento 2018 e preventivo 2019, sono stati approvati il 25 ottobre dal consiglio di amministrazione dell’Inpgi, con il voto contrario di Inpgi Futuro.

Per l’ottavo anno gestione in perdita

I risultati economici previsti per quest’anno sono i peggiori nella storia dell’Inpgi. Per l’ottavo anno consecutivo la gestione previdenziale e assistenziale è in perdita, mentre il risultato economico di esercizio, che corrisponde al risultato netto del bilancio di una qualsiasi azienda, sarà in rosso per il secondo anno consecutivo. E nel 2019, come abbiamo appena visto, è previsto che la situazione si aggravi.

In pericolo la sostenibilità

Bastano queste brevi osservazioni a mettere in risalto come sia in pericolo la sostenibilità della gestione, cioè la capacità dell’Inpgi di continuare a pagare le pensioni ai giornalisti e le altre prestazioni. Il pericolo non ci sarà nell’immediato, ma nel giro di 3-4 anni la stuazione potrebbe essere definitivamente compromessa se non interverrà una sostanziale inversione di tendenza.

Ci riferiamo alla gestione principale dell’Inpgi, che riguarda la maggioranza dei giornalisti, quelli che hanno un contratto di lavoro dipendente. Diversa, come diremo più avanti, la situazione della gestione separata (Inpgi 2), che riguarda rapporti di lavoro autonomo e partite Iva, situazioni nelle quali però si celano anche contratti sostanzialmente di lavoro dipendente mascherati da partite Iva.

La crisi dell’editoria

Il motivo per cui i conti dell’Inpgi sono disastrosi è la crisi dell’editoria e del mercato giornalistico. Dopo la diminuzione di 889 rapporti di lavoro nel 2017 (e quasi 3.000 giornalisti attivi in meno negli ultimi cinque anni) l’istituto dice che circa 300 giornalisti sono usciti quest’anno, fino a giugno. I (pochi) nuovi assunti nelle redazioni hanno retribuzioni ampiamente più basse di quelli usciti e quindi i contributi che entrano nell’Inpgi sono sempre più insufficienti rispetto a una spesa per pagare le pensioni che è in crescita. Per sopravvivere senza fare un taglio drastico delle pensioni l’Inpgi avrebbe bisogno di un forte incremento delle entrate.

L’istituto ha assunto iniziative per estendere la platea dei soggetti che contribuiscono all’Inpgi. Se questa operazione riuscirà ad avere successo si potrebbero rivedere queste proiezioni così negative.

Altrimenti bisognerà mettere mano ad altri interventi.

Il voto contrario di Inpgi Futuro

Inpgi Futuro vede con favore queste iniziative concrete per cercare di estendere la platea contributiva a nuovi soggetti. Ma, in attesa di verificare l’esito di questo lavoro e l’impatto sui conti dell’Inpgi, che si potrà valutare a partire dalle riunioni consiliari della prossima primavera sul bilancio consuntivo finale del 2018, Inpgi Futuro nel consiglio di amministrazione e in commissione Bilancio ha espresso voto contrario al bilancio di assestamento 2018 e al preventivo 2019 dell’Inpgi 1. Perché non possiamo limitarci a una presa d’atto contabile, quasi notarile, della drammatica crisi dell’editoria.

Il “no” al bilancio è anche un voto contrario alla strategia di chi – essendo da anni al governo del sindacato e, a cascata, anche delle “istituzioni” della categoria – si è mosso in ritardo nel cercare di rispondere a una crisi strutturale che è sotto gli occhi di tutti da anni. La crisi andava affrontata in maniera più tempestiva. Anche evitando di regalare agli editori – come invece ha fatto il sindacato – stati di crisi selvaggi che, oltre ai costi della cassa integrazione e altri ammortizzatori, hanno sospinto molti giornalisti fuori dalle redazioni, con prepensionamenti e pensioni di anzianità anticipate, riducendo così le entrate dell’istituto mentre è aumentato il costo delle prestazioni.

Ogni 100 euro incassati l’Inpgi ne spende 142

I ricavi totali della gestione previdenziale e assistenziale dell’Inpgi 1 quest’anno sono previsti in diminuzione a 390,66 milioni, rispetto ai 412 milioni del 2017. I costi previsti sono pari a 557,77 milioni, in aumento rispetto ai 546 milioni dell’anno scorso.

Quindi ogni 100 euro che incassa di contributi l’Inpgi ne spende 142 per pagare le pensioni e le altre prestazioni, tra cui c’è anche l’assistenza (disoccupazione, cigs, solidarietà, ecc.). Gli indennizzi per la voce assistenza sono in calo ma sempre rilevanti (22,08 milioni nel 2018 rispetto a 28,66 milioni nel 2017).

Se si guarda alla voce principale del bilancio, il pagamento delle pensioni Ivs (cioè Invalidità, vecchiaia, superstiti), la spesa quest’anno salirà a 529,9 milioni rispetto a 511 milioni del 2017, mentre le entrate per contributi Ivs obbligatori, riscatti e ricongiunzioni diminuirà da 360,9 a 348 milioni: c’è uno squilibrio di 182 milioni, ogni 100 euro incassati l’Inpgi ne pagherà 152,2 per le pensioni Ivs (il rapporto era 141,6 nel 2017).

Nel 2019 i ricavi previsti sono pari a 392,6 milioni, 2 milioni più di quest’anno, mentre per le spese è previsto un aumento di 13,5 milioni fino a 571,25 milioni.

Lo squilibrio tra entrate e uscite

Riassumiamo nella seguente tabella l’andamento dal 2011 al 2018

GESTIONE PREVIDENZIALE E ASSISTENZIALE
Andamento dal 2011 al 2018 (dati in milioni di euro)

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, commissione Bilancio

(1 – continua)

2 Commenti "INPGI, PERDITE MONSTRE A 175 MILIONI, PATRIMONIO A PICCO. PERCHÉ IL NO DI INPGI FUTURO"

  1. Lino Ceccsrelli | 26 ottobre 2018 ore 21:16 | Rispondi

    Ma come è finita la caccia agli abusivi (e non per colpa loro) negli uffici stampa di istituzioni, enti, società e testate web? E’ un tesoretto di non poco conto che farebbe comodo all’Inpgi. O no?

    • I consiglieri di Inpgi Futuro chiedono da anni – inascoltati – la istituzione di un ufficio apposito incaricato di prendere contatto con le singole realtà, in modo da portare questi contributi nel recinto dell’istituto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dodici − 1 =