GIORNALISMO, PUNTOEACAPO IN PIAZZA CONTRO UN ATTACCO SENZA PRECEDENTI ALLA LIBERTÀ DI INFORMARE

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Puntoeacapo aderisce alla manifestazione che il 13 novembre 2018 in molte piazze italiane vedrà i giornalisti protestare contro l’attacco venuto in queste ore da esponenti di rilievo del Movimento 5Stelle.

Lo facciamo non per scelta politica “contro”, ma per segnalare assieme ad altri soggetti istituzionali come l’Ordine dei giornalisti, e sindacali, come la Fnsi e le associazioni regionali della stampa e altre associazioni di categoria, che è stato passato un segno.

Oggi si mette all’indice da parte di un partito di governo una intera categoria di lavoratori, sparando nel mucchio, mettendo all’indice la professione dei Siani, degli Impastato, dei Fava.

Lo si fa minacciando scompostamente provvedimenti contro la stampa, agitando la leva di una ipotetica legge contro gli “editori impuri”. Con ciò ipotizzando che si possano da un lato mettere a repentaglio migliaia di posti di lavoro, dall’altro che ci voglia un bollino di qualità dei 5Stelle per poter scrivere notizie in un Paese dove, fino a prova contraria, è sancita dalla Costituzione oltre alla libertà di espressione anche quella di impresa.

Il bavaglio alla stampa appariva con chiarezza in un certo documento ritrovato nel 1982 e denominato Piano di rinascita democratica. Si parlava della necessità di controllare i giornalisti della Rai e dei maggiori quotidiani attraverso “un’agenzia centrale per la stampa”.

Proprio oggi un esponente di rilievo del Movimento 5Stelle ha auspicato la nascita di una “Netflix della stampa”, un’agenzia centrale insomma che veicoli le notizie. Cambiano i termini in nome di una pretesa modernità, ma sembra di tornare a trentasei anni fa.

Di fronte a queste minacce che raccolgono tristemente sui social decine di migliaia di entusiastici commenti, Puntoeacapo non può che manifestare appellandosi alla massima carica dello Stato, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. In uno spirito necessariamente unitario, pur nella propria diversità, nella convinzione che opporsi a un’onda melmosa non è solo doveroso, ma necessario per salvaguardare la propria sopravvivenza.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × 2 =