GIORNALISMO, L’HARA KIRI DI FNSI E ODG CHE SNOBBANO DI MAIO E DANNEGGIANO L’INPGI

E’ davvero stupefacente la decisione della Fnsi e dell’Ordine dei giornalisti di declinare per ben due volte l’invito del ministro del Lavoro Luigi Di Maio a un incontro su un tema vitale per una categoria come la nostra: la tutela del lavoro precario.

Le motivazioni del rifiuto sono un paio. La prima è il recente attacco ai giornalisti venuto dallo stesso Di Maio (“infimi sciacalli”) e Alessandro Di Battista (“puttane”), con la conseguente richiesta da parte di Fnsi e Odg di scuse ufficiali. La seconda è che Di Maio aveva annunciato la presenza di “non meglio identificate altre associazioni”.

Puntoeacapo è stata in prima fila in occasione dell’attacco ai giornalisti nella sacrosanta protesta contro una ingiustificata criminalizzazione della professione giornalistica. E’ di tutta evidenza però la strumentalità con cui oggi vengono agitati pretesti per il rifiuto, con una preoccupante incapacità di distinguere i terreni del confronto e in definitiva gli interessi reali della categoria.

Del tutto censurabile la seconda motivazione, cioé che la Fnsi e l’Odg non vogliono la presenza all’incontro di altre associazioni. E come mai, quando ci fu da discutere e soprattutto da rinviare alle calende greche la discussione sull’equo compenso con il precedente governo, furono accolti al tavolo soggetti i più vari e numerosi, senza che nessuno si opponesse?

Non facciamo processi alle intenzioni, ma non sfuggirà a nessuno che la Federazione vive un momento pre-elettorale di grande incertezza, con una maggioranza profondamente divisa. Una Fnsi che ha ridotto ai minimi storici il numero degli iscritti, ma che resta abbarbicata (vedi il caso Casagit) alla propria rendita di posizione.

Perché allora, deve essere stato il ragionamento, prendere impegni con un governo nemico che magari nel corso di un congresso così incerto e difficile potrebbero essere rinfacciati e tacciati di intelligenza con il nemico?

Una logica miope, una visione asfittica dei problemi veri della categoria per una Federazione che per esempio da anni non riesce a fare un passo in avanti sulla trattativa per il rinnovo del contratto, relegandosi al ruolo marginale di organizzazione dedita soprattutto a denunce via comunicati.

Ma una cosa, soprattutto, ci chiediamo: che cosa pensi di questa decisione la presidenza dell’Inpgi, che da mesi sta tentando proprio di stabilire rapporti proficui e istituzionali con quello stesso ministero del Lavoro. Contatti che potrebbero portare a un salvataggio del nostro disastrato ente previdenziale.

Speriamo solo che queste alzate di ingegno non costituiscano a loro volta il pretesto per un governo chiaramente ostile ai giornalisti (e al giornalismo) di fare di tutta l’erba un fascio e punire nuora (l’Inpgi) per colpire suocera (Fnsi e Odg). Che capolavoro sarebbe…

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici − 3 =