GIORNALISMO E RAI, IL GARANTISMO VA BENE SE NON È A CORRENTE ALTERNATA

di Stefania Conti

Devo fare due premesse. La prima: se si è garantisti – e io lo sono – bisogna esserlo per tutti, anche per quelli che non senti a te vicini. Seconda premessa: fino ad una sentenza definitiva, tutti sono innocenti.

Tutto ciò detto, resto alquanto perplessa e leggermente scandalizzata dal fatto che un ex direttore del “Sole 24 Ore” come Roberto Napoletano, professionalmente ineccepibile, venga costantemente intervistato dalla Rai. L’ultima, in ordine di tempo, questa mattina in una trasmissione del TG2. La Rai, come sappiamo, è servizio pubblico e senza avvolgerci nella retorica del servizio pubblico (che tanto piace), credo abbia il dovere di seguire anche regole, come dire?, di opportunità e di bon ton.

Perché lo dico? A Roberto Napoletano è stata formalmente contestata la manipolazione del mercato «per l’implementazione di pratiche commerciali e di reporting per incrementare artificiosamente i dati del quotidiano». Nonché il reato di false comunicazioni sociali in società quotate, reato punito nel massimo con otto anni di carcere. Come lui, sono indagati per falso in bilancio anche l’ex presidente del Sole 24 Ore Benito Benedini e l’ex amministratore delegato Donatella Treu. In sostanza – secondo i magistrati – avrebbero gonfiato il numero di copie digitali e cartacee vendute per aumentare il prezzo agli inserzionisti. Si ipotizza anche il reato di aggiotaggio e, per quanto riguarda Napoletano, l’azienda ha contestato “spese pazze” per 250-300.000 euro in due anni.

Per carità, siamo ancora solo alla chiusura delle indagini e neanche al rinvio a giudizio, ma intanto il Sole nel febbraio 2017 ha accelerato la cassa integrazione forzata a zero ore per chi, avendo 59 anni e potendo accedere al prepensionamento, non si dimetteva. Sono usciti 35 giornalisti a fine 2017; due non hanno accettato l’uscita e sono rimasti 10 mesi in cassa integrazione; due hanno trasformato il rapporto di lavoro in part time. Senza contare i poligrafici che sono in regime di contratto di solidarietà abbastanza pesante.

Roberto Napoletano, che si è sempre dichiarato estraneo alla vicenda, in una intervista televisiva ha detto di aspettare con ansia il pronunciamento della magistratura che certamente lo solleverà da ogni responsabilità. E noi siamo con lui.

Ma tornando alla Rai, non avrebbe potuto aspettare un qualche pronunciamento, appunto, prima di fare pubblicità ai suoi libri? Perché, dio non voglia – e nemmeno noi lo vogliamo – uscisse fuori una qualche responsabilità del suddetto, che figura ci farebbe la Rai? O forse il concetto di garantismo, servizio pubblico, etica, eccetera, vale solo a volte e solo per qualcuno?

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × 3 =