CASAGIT, TEMPI CERTI SUL NUOVO STATUS CHE GARANTISCE SOPRAVVIVENZA E RILANCIO DELLA CASSA

La nuova natura giuridica di Casagit dovrà essere votata a marzo, il relativo Statuto dovrà essere approvato entro giugno: è solo grazie all’impegno dei delegati di “Casagit per Te – Puntoeacapo” assieme ai delegati milanesi di “Prima la salute” ed alcuni colleghi di altre Regioni (Sicilia, Trentino, Veneto, Piemonte, Toscana, Abruzzo) se finalmente c’è una data certa per la trasformazione della Cassa.

All’Assemblea nazionale (18-19 dicembre) questi delegati di buon senso hanno infatti ottenuto che la presidenza Casagit ritirasse la propria delibera iniziale (era stata approvata in Cda dalla sola maggioranza, con il voto contrario dei consiglieri Azzolini, D’Amico, Gariboldi e Roverotto perché il testo indicava tempi lenti, quasi facendo l’occhietto alla Fnsi che, per ragioni francamente inspiegabili, vuole marciare a passo di tartaruga) e che ne presentasse invece una seconda, concordata e scritta assieme alla minoranza, per fissare tempi certi, solleciti e definiti.

Non c’è alcun dubbio che Casagit debba cambiare pelle, se vuole sopravvivere oltre il 2026: deve allargarsi ad altre categorie professionali, pur mantenendo ai giornalisti tutte le garanzie di oggi in materia di prestazioni, tutela del patrimonio, controllo della governance; e può farlo trasformandosi in Società di Mutuo Soccorso o in Fondazione, anche se la prima soluzione appare preferibile. Il problema però è il tempo: sul business dell’assistenza integrativa si stanno tuffando un po’ tutti e non si può pretendere che il mercato aspetti i nostri comodi. Arrivare tardi può significare tuffarsi quando gli altri hanno già tolto l’acqua dalla piscina. Ma la Fnsi sta avviandosi al suo congresso e quindi ritiene che il mondo debba fermarsi in trepida attesa.

Lo scontro, alla 79.a Assemblea dei delegati, era tutto su questa contrapposizione. Ma nel dibattito i delegati di “Casagit per te – Puntoeacapo” e di “Prima la salute” hanno dettato la linea: una serie di interventi dalla tribuna – sia detto per inciso: tutti di alto livello, per temi e argomentazioni, senza paragone rispetto al balbettio ascoltato in alcuni momenti – ha via via messo a nudo la debolezza di molte delle ragioni dei frenatori (che oltretutto rispolveravano questioni talvolta già discusse e valutate) costruendo un consenso che appariva ben più largo degli schieramenti iniziali.

La contestazione a quello che veniva sentito come un ostruzionismo inspiegabile e immotivato da parte del sindacato faceva presa sull’assemblea e – a fine serata – la presidenza Casagit si convinceva che l’unica via per uscirne senza danni era quella di ritirare la propria delibera, concordare un nuovo testo con la minoranza, convocare d’urgenza un Cda per la mattina di mercoledì appunto per approvare la delibera corretta e presentare la nuova versione al voto dell’Assemblea.

Insomma, per il vertice Casagit una retromarcia piuttosto clamorosa dal punto di vista politico. Aggravata dal fatto che la delibera corretta, cioè quella scritta ex novo in accordo con la minoranza, ha poi avuto un voto unanime in Assemblea.

La soddisfazione delle componenti critiche (la milanese e la romana, e i delegati di altre regioni che condividono il sentire e l’azione) va però al di là del contingente successo politico di aver costretto il vertice Casagit a prendere atto, ancora una volta, che da solo non è in grado di governare con efficacia e che quindi deve inchinarsi alla logica e alla pratica del dialogo e del confronto. Non lo fa volentieri, si è visto. Ma forse ha capito che deve farlo.

Da questa 79.a Assemblea, poi, emergono altri motivi di compiacimento. Le nostre argomentazioni hanno fatto breccia tra i delegati: la gran parte condivide il disagio per l’ostruzionismo della Fnsi contro la trasformazione della Casagit, un ostruzionismo che appare tuttora inspiegabile, anche perché spesso sostenuto da deboli e nebulose motivazioni.

Un esempio: si è argomentato che, in quanto firmataria del contratto di lavoro che dispone il contributo alla Cassa, la Fnsi in fondo è l’azionista di maggioranza di Casagit. Ovviamente è bastato ricordare che i soldi del contributo sono del giornalista, escono dal suo stipendio, per cancellare tanto stravagante teoria. Ma resta sempre più invadente l’impressione che non è di Casagit che si preoccupa il sindacato e che tutte le questioni siano invece legate ai nevrotici esercizi di equilibrio in vista del congresso Fnsi oltre che al mantenimento antistorico di una odiosa rendita di posizione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 + 11 =