INPGI CEDE I SUOI GIOIELLI IMMOBILIARI PIÙ PREZIOSI A DUE PASSI DAL QUIRINALE

di Alessandra Spitz*

 

Per sopravvivere e continuare a pagare le pensioni ai propri iscritti, l’Inpgi è stato costretto a vendere altri, preziosi gioielli di famiglia. E in questo caso il termine gioielli è veramente appropriato. Si tratta infatti della cessione di due dei palazzi più belli e prestigiosi del vasto patrimonio immobiliare dell’Istituto, entrambi situati a Roma, a due passi dal Quirinale. Sono Palazzo Volpi, in via del Quirinale 21, e un immobile limitrofo più piccolo ma sempre di grande pregio in via delle Quattro Fontane 147.

Negli ultimi giorni del 2018 i due palazzi, di proprietà del Fondo immobiliare INPGI Giovanni Amendola, sono stati venduti dalla società InvestiRE SGR al Fondo di Investimento Alternativo (FIA) immobiliare di tipo chiuso denominato Honos di Kryalos SGR.

Honos è un fondo specializzato in investimenti immobiliari a destinazione uffici in Italia, mentre Kryalos SGR è una società privata e indipendente di gestione del risparmio, attraverso cui opera in Italia Blackstone, la società di private equity più grande al mondo.

A dare notizia dell’acquisto è stata la stessa Kryalos con una nota in cui precisa anche che il palazzo situato in Via del Quirinale 21, anche conosciuto come Palazzo Volpi, è stato costruito nel corso del ‘600 ed è situato nel cuore del rione Monti, a circa 400 metri dal Quirinale. È stato oggetto di recente ristrutturazione e si compone di sei piani fuori terra e un interrato.

Anche l’immobile di Via delle Quattro Fontane, 147, limitrofo a Palazzo Volpi, è stato oggetto di recente ristrutturazione e si sviluppa su sei piani fuori terra ed un interrato. Ad oggi, entrambe le proprietà sono interamente locate ad IVASS, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni.

La vendita dei due prestigiosi immobili dell’INPGI era prevista nel maxi piano di dismissioni immobiliari dell’Istituto e in particolare è l’unica andata a buon fine del pacchetto di immobili direzionali che era stato deciso di vendere.

La procedura di queste dismissioni, per un valore totale di oltre 140 milioni di euro, era stata avviata nei primi mesi del 2018 e comprendeva, oltre ai due immobili venduti, altri asset a Roma, tra cui Lungotevere dei Cenci, via Novaro, largo Loria e via del Fornetto.

Nello scorso mese di luglio, InvestiRe SGR, dopo un lungo iter, aveva presentato al comitato consultivo dell’Inpgi i risultati complessivi della procedura di dismissione competitiva degli immobili direzionali, cui hanno partecipato i maggiori investitori istituzionali nazionali e internazionali del settore.

Gli esiti della procedura, come avevamo scritto su questo sito circa tre mesi fa, non sono stati soddisfacenti perché, all’apertura delle buste, le offerte, che sono state in tutto undici, non hanno permesso di piazzare l’intero pacchetto di immobili messo in vendita. Dopo una serie di approfondimenti con i singoli investitori, era rimasta in lizza, come l’unica offerta congrua, quella avanzata da Kryalos per Palazzo Volpi e via delle Quattro Fontane.

Quella di Kryalos è stata cioè l’unica proposta che ha rispecchiato nel prezzo offerto gli obiettivi che si era data la Sgr e quindi il comitato ha dato mandato a InvestiRE a proseguire nelle trattative per la cessione, visto che il prezzo superava le valutazioni più aggiornate sul valore degli immobili.

La cessione dei due gioielli Inpgi vicini al Quirinale è solo un tassello, anche se prestigioso, di una strada imboccata due anni fa dall’Istituto e che Inpgi Futuro ha sempre valutato criticamente sulla scorta dei criteri adottati, che hanno nella maggior parte dei casi allontanato la domanda dall’offerta.

La crisi finanziaria dell’istituto avrebbe suggerito una maggiore elasticità nelle valutazioni degli immobili, soprattutto quelli residenziali, dove si sono verificati casi paradossali di un edificio a Roma con 21 affittuari, uno solo dei quali ha accettato di acquistare l’appartamento.

In linea generale, poi, la campagna di dismissioni vede l’Inpgi impegnato nel tentativo di vendere immobili per circa 650 milioni di euro solo per continuare a pagare le pensioni.

Ma questa ingente massa di denaro, anche qualora l’obiettivo fosse raggiunto entro i tempi prefissati, sarebbe bruciata in buona parte dal rosso degli ultimi esercizi chiusi in pesante passivo, permettendo all’istituto – così restando le cose – di sopravvivere ancora solo per qualche anno. Concluso questo breve periodo, rimarranno solo le macerie, sulle cui cause profonde da anni Puntoeacapo e Inpgi Futuro hanno acceso un faro.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, Comitato di gestione Fondo Giovanni Amendola

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × 2 =