INPGI, CHIANURA: PRESENTATO IN CONSIGLIO DI STATO IL RICORSO CONTRO LA SENTENZA DEL TAR SUL PRELIEVO FORZOSO

Il Comitato NoPrelievo ha reso noto di avere presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza che nello scorso agosto ha ritenuto legittimo il prelievo forzoso dell’Inpgi sulle pensioni dei giornalisti. Di seguito la lettera inviata dal portavoce di Puntoeacapo Carlo Chianura ai circa 2000 giornalisti che animano da due anni la protesta contro il prelievo.

Gentile collega,

ti comunico che il Comitato Giornalisti NoPrelievo ha presentato nei giorni scorsi il ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR che di fatto aveva reso legittimo il prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti italiani.

Contro la delibera adottata nel 2016 avevamo votato in Consiglio di amministrazione io e Paola Cascella, consiglieri di Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo.

Il ricorso è firmato da Demetrio De Stefano, Liliana Madeo e Salvatore Rotondo, gli stessi giornalisti che avevano fatto ricorso al Tar, ed è curato dagli avvocati Alfonso Amoroso e Carlo Guglielmi, che dall’inizio seguono l’iniziativa del Comitato NoPrelievo.

Questa iniziativa è stata resa possibile dalla capacità di reazione del gruppo spontaneo che si è creato attorno ai NoPrelievo, concretizzatasi dapprima in una raccolta di firme ai ministri dell’Economia e del Lavoro, poi in una raccolta di fondi che ha consentito il primo ricorso nel 2017 e oggi questo al Consiglio di Stato.

Il Comitato Giornalisti NoPrelievo mantiene così l’impegno preso due anni fa con i quasi 2000 giornalisti in attività e in pensione che firmarono il primo appello ai ministri.

E’ certamente un momento difficile per l’Inpgi, ma non si può certo dire che i giornalisti pensionati finora non abbiano dato il loro contributo ai conti dell’istituto. Basti pensare agli oltre 100 milioni di euro rimasti nelle sue casse dal 2012 a causa del blocco della perequazione. E agli altri milioni che gli verranno con l’ulteriore blocco imposto dal governo Conte per i prossimi anni.

Né questa è solo una battaglia dei pensionati, giacché oggi chi ricorre contro questa ingiusta decisione vuole difendere anche i diritti di chi è ancora al lavoro e deve essere sicuro che i patti previdenziali vadano rispettati. Per tutti.

A te e a tutti voi, che avete aderito e sostenuto l’iniziativa, va un forte ringraziamento, in attesa di un verdetto definitivo speriamo favorevole, considerando anche la giurisprudenza che si è formata negli ultimi due anni.

Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × 4 =