GIORNALISMO, ADDIO A GIANCARLO MINICUCCI, UN AMICO DI PUNTOEACAPO

di Stefania Conti

Questa Kojak non ce la doveva fare. Non  me la dovevi fare. Lasciarci così all’improvviso , a 67 anni, dopo che ci siamo messaggiati fino all’altro ieri. Non è giusto.

Giancarlo Minicucci è stato direttore del “Quotidiano di Lecce” che sotto la sua direzione è diventato “Nuovo quotidiano di Puglia”. Nel 2009 è tornato come vice direttore al “Messaggero”. Dico tornato perché il grosso della sua vita professionale è stata al Messaggero.

Ha fatto l’inviato, il capocronista, il capo degli interni e della giudiziaria. Poi capo della redazione centrale e dell’edizione di Pescara. Minicucci era un pezzo del Messaggero, di quello degli anni migliori, del mio Messaggero. Quello che mi è rimasto nel cuore, così come c’è ancora Giancarlo.

Lo chiamavamo Kojak non solo per l’assenza dei capelli, ma perché gli piaceva fare  il burbero, quello che abbaia, ma poi senza dire una parola, magari ti mette una mano sulla spalla. Ti vedeva giù e ti abbaiava: coraggio, e se avevi bisogno, ci puoi giurare che sempre abbaiando, se poteva ti dava una mano.

Un cuore di panna che voleva nascondere a tutti i costi. Ma mica ci riusciva. Se ripenso agli anni in cui stavamo tutti e due al Messaggero, rivedo come in un film le nostre litigate, gli insulti che gli lanciavo, le discussioni magari più pacate. Ma sempre con un grandissimo affetto di fondo che ci univa.

Lo so, si dice sempre così quando uno muore. Ma è vero. Era proprio così.

Giancarlo è stato un grande cronista. Un collega del Messaggero di allora mi ha ricordato che aveva abolito il gabbiotto da capo redattore perché preferiva stare in mezzo ai “suoi” redattori, magari strillando, ma insegnando loro un mestiere come ora non si fa più.

Perché il nostro Kojak era uno che scavava le fonti, che <graffia senza mai arrendersi perché non si fida a prescindere>, come ha scritto Claudio Rizza. Professionalmente affidabile e serio, ha cercato di insegnare ad un’intera generazione di giornalisti a non essere mai banali né retorici . perché erano proprio le cose che non sopportava.

Chi oggi sta nelle redazioni – e a maggior ragione al Messaggero – forse non sa cosa si perde quando non ci sono più signori cronisti così. Noi, della vecchia guardia, invece si, lo sappiamo. E non possiamo che piangere.

Non ci saranno funerali religiosi, come lui ha voluto. E resterà in Puglia, regione che aveva imparato ad amare al punto di trasferirsi nel Salento una volta andato in pensione.

Un addio con grande rimpianto a Giancarlo, un amico di Puntoeacapo 
Carlo Chianura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 + diciotto =