INPGI: TROPPE RATE NON RESTITUITE, REGOLE PIÙ STRINGENTI PER I PRESTITI AI GIORNALISTI

 

di Paola Cascella *

La crisi del giornalismo colpisce anche i prestiti Inpgi. Troppi colleghi non sono in grado di pagare le rate e per questo l’istituto si vede costretto a rivedere le regole per la concessione dei finanziamenti. Vediamo come.

Viene modificato il Regolamento di concessione dei prestiti agli iscritti, per riportare ai livelli adeguati il Fondo di garanzia istituito proprio per tutelare la gestione dei crediti. Misure necessarie, che il Consiglio di amministrazione ha votato all’unanimità di fronte ai numeri che parlano da soli: il Fondo, cui si ricorre proprio in situazioni di particolare difficoltà rispetto al recupero del prestito (per esempio il decesso del beneficiario, la sua invalidità permanente, l’entrata in Cigs o disoccupazione), fino al 2012 si era mantenuto costantemente sopra la soglia del milione di euro.

Dal 2013 ha fatto registrare una inversione di tendenza fino a scendere nel 2018 a circa la metà del suo importo originario. Inpgi dunque corre ai ripari portando al 2 per cento (dall’attuale 1 per cento) il contributo una tantum che il richiedente dovrà versare sull’ammontare totale del prestito (il tetto dal 2015 è fissato a 30000 euro).

Non solo. Un ulteriore surplus dell’1 per cento verrà aggiunto nei casi in cui il giornalista chieda un rinnovo, calcolato sul debito residuo del prestito in corso.

Con questi ritocchi, competitivi, sottolinea Inpgi, rispetto alle regole applicate per esempio dall’Inps, si punta a mantenere in equilibrio il Fondo di garanzia che ora conta su un budget di erogazione di 5 milioni.

Diversamente la Cassa dei giornalisti potrebbe vedersi costretta a istituire una contribuzione straordinaria a suo carico per ripianare il saldo negativo tra entrate e uscite. Un passo da evitare, soprattutto alla luce del profondo rosso che Inpgi vive attualmente. Basti pensare che per il 2019 si stimano disinvestimenti mobiliari per circa 220 milioni di euro a supporto del disavanzo della gestione previdenziale.

*Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 − uno =