INPGI, INUTILE FARE DOMANDE SULLE DISMISSIONI IMMOBILIARI ANCHE SE STAI NELLA COMMISSIONE

 

di Stefania Conti *

Il 10 gennaio di quest’anno ho mandato una mail alla presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni; al presidente della commissione Acquisti e Dismissioni Enrico Giuseppe Mirani; al vice presidente della medesima commissione Vincenzo Colimoro. Non avevo intenti polemici, né provocatori. Volevo solo sapere e capire un aspetto importante della vita dell’istituto, come è quello della vendita di due importanti complessi immobiliari, poiché il problema che ho posto mi sembra degno di attenzione e soprattutto di informazione.

Non ho ricevuto risposta da nessuno dei tre. Non ho parole, perché siamo arrivati al punto che l’arroganza della maggioranza non rispetta nemmeno la buona educazione.

Questo il testo della mia lettera:

Cara Marina, caro Enrico e caro Giuseppe,

apprendo con una certa sorpresa dal sito di Puntoeacapo, che l’Inpgi ha proceduto alla cessione “di due dei palazzi più belli e prestigiosi del vasto patrimonio immobiliare dell’Istituto, entrambi situati a Roma, a due passi dal Quirinale. Sono Palazzo Volpi, in via del Quirinale 21, e un immobile limitrofo più piccolo ma sempre di grande pregio in via delle Quattro Fontane 147″.

Dico con sorpresa perché sul sito ufficiale dell’Inpgi non ne ho trovato notizia. Per carità, magari è stata la mia distrazione a non farmela trovare sul sito, però – facendo io parte della commissione Acquisti e Dismissioni – ritengo che sarebbe stato corretto riunire anche questo organismo per discuterne e avere qualche informazione in più. Sono perfettamente conscia che l’operazione è stata vagliata e approvata dal comitato di gestione del fondo Giovanni Amendola – come dovuto – e che la vendita dei due prestigiosi immobili dell’INPGI era prevista nel maxi piano di dismissioni immobiliari dell’Istituto. Tantomeno intendo chiedere sovrapposizioni di ruoli e competenze.

Ma mi piacerebbe sapere, per esempio, quanto è entrato nelle casse dell’istituto e se questa è stata l’unica operazione andata a buon fine del pacchetto di immobili direzionali che era stato deciso di vendere.

Mi chiedo inoltre per quale motivo non siano stati messi a conoscenza anche i componenti della commissione Acquisti e Dismissioni, visto che fino a prova del contrario è un organismo dell’Istituto preposto proprio alla discussione di simili operazioni e che – tra l’altro – si è riunito una sola volta da quando c’è questa consiliatura”.

Fin qui la mia lettera senza risposta. A me sembra di non aver chiesto la luna. Per la maggioranza, invece, la luna deve essere la democrazia interna.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, Commissione Acquisti e dismissioni

1 Commento "INPGI, INUTILE FARE DOMANDE SULLE DISMISSIONI IMMOBILIARI ANCHE SE STAI NELLA COMMISSIONE"

  1. Quanto scritto dalla collega Conti mi sembra più che giusto e ritengo doveroso che le informazioni relative al NOSTRO patrimonio immobiliare vengano rese pubbliche tempestivamente, non fosse altro che per una questione di trasparenza. Sapere poi che all’interno dell’Inpgi la mano sinistra non sa quel che fa la destra, beh, è inconcepibile e sconfortante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 − 2 =