INPGI, SORPRESA ALLA CAMERA: OLTRE ALL’EMENDAMENTO COMUNICATORI SPUNTA UNA MEZZA RIVOLUZIONE PER GLI ENTI PRIVATIZZATI

di Pierluigi Franz *

La Commissione Lavoro della Camera ha dichiarato ieri ammissibile l’emendamento SALVA INPGI 25-ter.03 che prevede l’ingresso nell’ente di migliaia di comunicatori, presentato da sette deputati della Lega, primo firmatario il deputato Massimiliano Capitanio. (Vedi un estratto del documento)

Oltre che su questo fondamentale provvedimento, la Camera dovrà ora pronunciarsi su un altro emendamento dello stesso Capitanio, il 25-bis. 1, in cui si prevede che “i giornalisti già in servizio presso gli uffici stampa delle Regioni a statuto ordinario con contratto di lavoro giornalistico al momento dell’entrata in vigore della predetta contrattazione collettiva sono inseriti in un ruolo speciale ad esaurimento istituito presso le rispettive amministrazioni”.

L’Assemblea di Montecitorio dovrà poi votare nel merito altre importanti modifiche in materia previdenziale contenute negli articoli da 25 bis a 26 sexies del testo del provvedimento già approvato dal Senato il 27 febbraio scorso (che si riporta in calce) come: lo sviluppo della previdenza complementare, il riconoscimento contributivo dei periodi lavorativi con rapporto di lavoro a tempo determinato e a tempo indeterminato, con orario part-time verticale, la tutela dei lavoratori delle piattaforme digitali, l’introduzione della disciplina del lavoro autonomo digitale, il compenso per la prestazione di lavoro autonomo digitale, la contribuzione e assicurazione contro gli infortuni, i turni di lavoro, la valutazione della prestazione lavorativa, l’uso di mezzi di proprietà del lavoratore, i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, la responsabilità solidale del committente primario, la promozione dell’educazione previdenziale, le misure per favorire la consapevolezza degli aspetti previdenziali per le giovani generazioni, le misure di sostegno alla famiglia e alla genitorialità, nonché alle imprese per la valorizzazione del capitale umano e alla contabilizzazione del capitale intellettuale.

Sono inoltre previste misure di incremento dell’importo minimo della pensione di inabilità e dell’assegno mensile di cui alla legge 30 marzo 1971, n. 118, l’introduzione del salario minimo orario con definizione, determinazione ed aggiornamento periodico del salario minimo orario con sanzioni e inefficacia di accordi elusivi.

Di particolare importanza sono anche le disposizioni in materia di equo compenso per i lavoratori autonomi con modifica del decreto legislativo 15 giugno 2015 n. 81, con definizione delle clausole abusive e di compenso non equo a tutela del lavoratore autonomo e rafforzamento delle attività di controllo. E ancora: al fine di promuovere misure di sostegno all’attività libero professionale, gli enti di previdenza di diritto privato, nel rispetto dei principi di autonomia affermati nel decreto 30 giugno 1994 n. 509 e dal decreto legislativo 10 febbraio 1996 n. 103, e fermo restando gli equilibri finanziari di ciascuna gestione, possono prevedere a favore degli iscritti forme di tutela di natura socio assistenziale, di promozione e di sostegno del reddito e dell’esercizio della libera professione, in particolare per favorire l’ingresso di giovani professionisti nel mercato del lavoro, nonché di welfare.

Infine è stato invece bocciato in Commissione l’emendamento 25-ter.04 dell’onorevole Lorenzoni in quanto, fornendo un’interpretazione autentica dell’articolo 18, comma 12, del decreto-legge n. 98 del 2011, disponeva che “siano tenuti all’iscrizione presso la gestione separata INPS esclusivamente i soggetti che svolgono attività di lavoro autonomo il cui esercizio non sia subordinato all’iscrizione in appositi albi professionali, ovvero attività non soggette a versamenti contributivi presso casse previdenziali privatizzate”.

*Consiglio consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − sei =